Stai leggendo: Matt Damon: ‘Un mio grande rimpianto? Rifiutai Avatar, rinunciando a una fortuna’

Letto: {{progress}}

Matt Damon: ‘Un mio grande rimpianto? Rifiutai Avatar, rinunciando a una fortuna’

Matt Damon avrebbe potuto essere l'esploratore dello straordinario pianeta di Pandora nel film di James Cameron, il secondo maggiore incasso nella storia del cinema.

L'attore Matt Damon Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Matt Damon è di certo uno degli attori di maggior successo di Hollywood, ma anche lui ha commesso qualche errore madornale nello scegliere i ruoli durante la propria carriera.


In un’intervista rilasciata a Britsh GQ insieme alla co-star del film Le Mans '66 - La grande sfida, Christian Bale, l’attore che ha interpretato più volte l’agente Jason Bourne ha ammesso che diversi anni fa gli fu offerta la parte del protagonista di Avatar, che poi andò a Sam Worthington

James Cameron mi offrì Avatar”, ricorda, “e quando lo fece, mi disse: ‘Ascolta, non ho bisogno di nessuno. Non ho bisogno di un nome famoso per questo film. Se non accetti, troverò un attore sconosciuto e gli darò la parte, perché il film in effetti non ha bisogno di te. Ma se accetti, ti darà il 10%...”. Un breve calcolo della somma cui Damon ha rinunciato? Circa 250 milioni di dollari.

Sam Worthington sulla cover di LIFE per AvatarHDGetty Images
Sam Worthington sulla cover di LIFE grazie al successo di Avatar

L’attore continua “L’ho detto a John Krasinski quando stavamo scrivendo Promised Land. Stavamo scrivendo questo film sul fracking [la fratturazione idraulica]. Eravamo in cucina, e durante una pausa gli racconto la storia e lui mi dice: ‘Cosa?’. E si alza in piedi e comincia ad andare su e giù per la stanza. E ripete: ‘OK. OK. OK. OK. OK. Se tu avessi fatto quel film, nulla nella tua vita sarebbe diverso. Proprio nulla. Solo che, adesso, staremmo facendo questa conversazione nello spazio’”.

Matt Damon ammette di rimpiangere quella decisione, e ora il film campione d’incassi (per anni è stato al primo posto nella classifica dei maggiori successi commerciali di sempre, per essere poi sorpassato qualche mese fa da Avengers: Endgame) sta per tornare sul grande schermo con ben 4 sequel in programma.

Si, ho rinunciato a più soldi di qualsiasi altro attore.

E spiega la ragione del suo rifiuto: “Il mio più grande rimpianto - avrebbe causato problemi a Paul Greengrass e tutti i miei amici di The Bourne Ultimatum, quindi non potevo - ma Cameron mi disse in quella conversazione, ‘Sai, ho fatto solo sei film’. Io non me ne ero reso conto”.

Damon continua: “Lavora così poco spesso, ma i suoi film li conosciamo tutti quanti. Quindi sembra che abbia lavorato molto di più. Mi sono reso conto che dicendo no stavo forse rinunciando alla chance di lavorare con lui per sempre. Ed è brutto e ancora brucia. Ma ho di che sfamare i miei figli. Sto bene”.

Cosa pensate della decisione di Matt Damon?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO