Stai leggendo: Cavolfiore in pastella: la ricetta facile con farina e birra

Letto: {{progress}}

Cavolfiore in pastella: la ricetta facile con farina e birra

Il cavolfiore in pastella si presta a essere servito come antipasto o contorno di carne e pesce: prova la pastella croccante a base di farina e di birra fredda.

Cavolfiore in pastella iStock Photo

0 condivisioni 0 commenti

Il cavolfiore in pastella si può servire come antipasto, come contorno o come portata di un buffet in piedi o seduti. 

È vero non tutti amano il cavolfiore, ma in questa versione è decisamente irresistibile. La pastella croccante, infatti, lo trasforma in un piatto goloso per tutti. E per renderlo ancora più buono basta della salsa allo yogurt o della salsa tzatziki in cui intingerlo. 

Cavolfiore in pastella: la ricetta

Il cavolfiore in pastella va mangiato subito. Non puoi friggerlo con molte ore di anticipo, perché la frittura tende ad ammorbidirsi velocemente.

Cucina il tuo cavolfiore a ridosso del pasto e usa la birra fredda affinché la pastella diventi più croccante. Se hai un po’ di tempo a disposizione, prepara la pastella un’ora prima e lasciala a riposare in frigorifero. La resa della frittura sarà migliore con la pastella fredda. Dopo aver scoperto questo piccolo trucco, puoi dedicarti alla preparazione del cavolfiore in pastella. 

Informazioni

  • Difficoltà Facile
  • Metodo di cottura Fritto
  • Categoria Verdure
  • Preparazione 20 minuti
  • Cottura 30 minuti
  • Tempo totale 50 minuti
  • Dosi 4 persone

Ingredienti

  • Cavolfiore 1
  • Farina 00 300 gr
  • Lievito a cubetti 2 gr
  • Birra fredda 1 bicchiere
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio di semi di arachidi q.b.

Preparazione

  1. Inizia dalla preparazione della pastella. Setaccia la farina in una ciotola e metti al centro il lievito sbriciolato e un po’ di birra fredda. 

  2. Mescola gli ingredienti con un cucchiaio, aggiungendo via via la birra a filo. 

  3. Continua a mescolare fino a quando avrai ottenuto una pastella densa. Il tuo composto non deve essere troppo liquido. 

  4. Regola di sale e pepe, copri la pastella con un canovaccio e lascia riposare per 60 minuti. 

  5. Pulisci il cavolfiore: elimina le foglie esterne e taglia le cime con un coltello.

  6. Porta a bollore una pentola piena d’acqua salata e cuoci il cavolfiore per 10 minuti a fuoco medio.

  7. Scola il cavolfiore e riscalda l’olio in una padella capiente. 

  8. Quando l’olio è a temperatura, immergi le cime nella pastella e mettile a friggere. 

  9. Il tuo cavolfiore in pastella è pronto quando assume un bel colore dorato. 

  10. Adagia le cime in un piatto da portata ricoperto di carta assorbente e servi non appena hai ultimato la cottura. 

Cavolfiore in pastella con acqua frizzante

Non vuoi utilizzare la birra per la pastella del tuo cavolfiore? In alternativa, usa un bicchiere di acqua frizzante

Prepara cioè la pastella mescolando insieme 120 grammi di farina e 180 grammi di acqua fredda gassata. Dovrai setacciare la farina e poi aggiungere l’acqua a filo, mescolando di continuo con una frusta manuale.

Non appena hai ottenuto un composto liscio e senza grumi, aggiungi un pizzico di sale e comincia a immergere le cime di cavolfiore da friggere nell’olio bollente. 

Vota la ricetta

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO