Stai leggendo: La rivoluzione femminile a colpi di pedale: arriva la Fancy Women Bike Ride

Letto: {{progress}}

La rivoluzione femminile a colpi di pedale: arriva la Fancy Women Bike Ride

Da Washington a Teheran, passando per ben 120 città in tutto il mondo. Il 22 settembre anche in Italia approda la manifestazione che vede salire in sella migliaia di donne per far sentire la propria voce.

Fancy Women Bike Ride: donne in bici per rivendicare i loro diritti iStock

0 condivisioni 0 commenti

Arrivata al suo settimo appuntamento, la pedalata più bella del mondo torna per il secondo anno consecutivo anche in Italia. Da Roma a Milano, passando per Torino, Genova, Monza, Trento, Padova, Verona e Ravenna, migliaia di donne scenderanno in strada e sfileranno su due ruote. Il motivo? Sentirsi libere, sicure e consapevoli, in strada come nella vita.

View this post on Instagram

You are invited to join Fancy Women Bike Ride on Sunday Sept 22nd! Women’s visibility in urban spaces is key to claiming the right to the city. Cycling is a powerful way for women to become visible in society and a completely new way to interact with the city. Fancy Women Bike Ride is an event for women, organized by women to call for infrastructure and inspiration. The more women who cycle, the more women will be encouraged to cycle. GUIDELINES: - Dress code: Fancy, fierce, fabulous (whatever makes you feel beautiful, strong and great!) - Decorate your bicycle, pose for the cameras and take selfies, greet and smile at people during the bike ride. - Bring your friends, mothers, aunties and sisters and be prepared for a magical afternoon. - Be inclusive to all womxn and support those who are new to cycling (offer help!) No registration required. You need a bike. Men can join so long as they ride with us, not ahead of us. Children are welcome so long as they are capable of riding a bike. #fancywomenbikeride www.fancywomenbikeride.com

A post shared by Fancy Women Bike Ride (@fancywomenbikeride) on

Mobilità sostenibile e cambiamento climatico

Non solo una richiesta di emancipazione all'interno della società: la Fancy Women Bike Ride nasce anche come input per sensibilizzare al cambiamento climatico. Queste donne, infatti, rivendicano spazi sicuri e la possibilità di muoversi in città in maniera sostenibile.

Come spiega Pinar Pinzuti – coordinatrice internazionale dell'evento – “Il fenomeno dei cambiamenti climatici ci ricorda in modo sempre più pressante quanto sia importante e urgente cambiare i nostri stili di vita in un’ottica più sostenibile. Più donne usano la bicicletta, più donne saranno incoraggiate ad andare in bici perché questo è ciò che serve al nostro pianeta.” E poi aggiunge: “Sappiamo che dobbiamo cambiare le nostre abitudini, perché non farlo in modo piacevole e festoso?”

E la data del 22 settembre non è scelta a caso. Si tratta infatti della Giornata mondiale senz'auto che cade a conclusione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile.

La storia della manifestazione

Nata a Izmir (Turchia) nel 2013 dall'iniziativa di un gruppo di amiche, la Fancy Women Bike Ride si è presto affermata a livello mondiale grazie al passaparola “come reazione al mondo del ciclismo tradizionale dove gli uomini tendono troppo spesso a dire alle donne come dovrebbero essere, cosa dovrebbero fare e come dovrebbero vestirsi.”

Oggi attraversa ben 120 città e l'ultima ad aver aderito è Tehran – città molto arretrata in tema di diritti delle donne – dove le organizzatrici stanno avendo diverse difficoltà burocratiche.

Le regole

La manifestazione – che si svolge in maniera del tutto gratuita – consiste in una semplice pedalata su un percorso breve e adatto a tutte. Ma ci sono alcune, semplici norme da seguire. La prima: le protagoniste devono sfoggiare abiti colorati e stravaganti. Stessa cosa per le biciclette, che vanno decorate in maniera fantasiosa ed originale.

Ultime due regole: posare in presenza dei fotografi e sorridere ai passanti. Un evento insomma che fa dell'allegria e dei colori il suo punto di forza, per veicolare temi più profondi. “Pedalando con fantastica esagerazione vogliamo essere viste, accettate e rispettate” dice ancora Pinar Pinzuti, che si autodefinisce un'attivista della felicità.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO