Stai leggendo: Budino di quinoa: ricetta vegan senza glutine

Letto: {{progress}}

Budino di quinoa: ricetta vegan senza glutine

La protagonista di questo delizioso e cremoso budino è la quinoa: la nostra ricetta è perfetta per l'alimentazione vegan, non ha glutine e prevede del cacao amaro e delle noccioline tostate.

Crema con nocciole Rodi Roșcata

6 condivisioni 0 commenti

Hai già incluso la quinoa nella tua alimentazione? Questo pseudocereale senza glutine è ricco di fibre e apporta delle proteine vegetali complete. Nonostante la quinoa sia usata sin dai vecchi tempi, nel menu di mia famiglia è stata un'aggiunta abbastanza recente e la usiamo principalmente come sostituto del riso o della pasta.

Tuttavia, grazie al suo gusto che ricorda quello della nocciola, la quinoa è ottima anche nelle ricette dolci. Oggi ti propongo un delizioso budino vegan di quinoa, facile da preparare, ma gustoso e nutriente.

Budino di quinoaHDRodi Roșcata

Per questa ricetta ho usato la quinoa rossa. Quello che mi piace della quinoa rossa è che ha un sapore di nocciola leggermente più forte, rispetto alla quinoa bianca. In più, contribuisce anche al colore del budino: infatti sembra molto più cioccolatoso. La quinoa rossa in questa ricetta non è indispensabile, puoi usare tranquillamente anche la quinoa bianca

Barattolino con dolce al cucchiaioHDRodi Roșcata

Budino vegan di quinoa: la ricetta

Per preparare il budino, bisogna prima lessare la quinoa: lava bene sotto acqua corrente e cuoci per circa 10 - 12 minuti (dall'ebollizione) dopodiché copri la pentola e lascia che i semi si gonfino e si raffreddino completamente. Io ho cotto la quinoa nell'acqua però se vuoi un sapore più deciso, cuoci i semi nella bevanda di nocciola senza zucchero o altra bevanda vegetale (se vuoi fare un budino vegan) oppure nel latte parzialmente scremato. 

Come dolcificante in questa ricetta ho usato delle prugne secche, che ho messo in ammollo per circa mezz'ora. Puoi sostituire le prugne con dei datteri o dell'uvetta. Se preferisci un budino più dolce, aggiungi un cucchiaino di miele o di stevia. Puoi aromatizzare il budino a piacere con vaniglia o cannella

Il tocco in più a questo budino vegan di quinoa, lo danno le nocciole tostate, tritate grossolanamente e aggiunte al budino prima di servire: in questo modo rimangono croccanti.

Ecco la ricetta.

Informazioni

Ingredienti

  • Quinoa cruda 30 grammi
  • Prugne secche 3
  • Yogurt di soia s.z. 100 grammi
  • Cacao amaro 5 grammi
  • Cannella a piacere
  • Esenza di vaniglia 2 - 3 gocce
  • Nocciole 20 grammi
  • Acqua 70 ml

Preparazione

  1. Metti in ammollo le prugne in acqua tiepida per circa 30 minuti. Una volta morbide, strizza e togli il nocciolo, se presente.

  2. Lava bene la quinoa, scola e copri con 70 ml di acqua. Aggiungi un pizzico di sale e cuoci per circa 10 - 12 minuti (dall'ebollizione). Spegni la fiamma, copri la pentola con un coperchio e lascia fino a che si raffredda completamente.

  3. Frulla le prugne con lo yogurt di soia per alcuni secondi dopodiché aggiungi la quinoa lessata, il cacao, la cannella e la vaniglia. Continua a frullare fino a che ottieni una crema omogenea (se serve aggiungi un altro cucchiaio di yogurt o della bevanda vegetale).

  4. Versa la crema nei barattolini e poni nel frigorifero per almeno un'ora (la puoi mangiare anche non appena pronta però fredda è molto più buona).

  5. Tosta e trita grossolanamente le nocciole e aggiungi al budino prima di servire.

Le prugne secche: perché sono meglio di quelle fresche

Essendo un frutto ricco di zuccheri, la prugna ha qualità energizzanti in quanto stimola il sistema muscolare e nervoso. Per coloro che fanno grandi sforzi fisici, sono raccomandate in particolare le prugne secche, perché hanno un valore energetico cinque volte superiore alle prugne fresche. Oltre a essere particolarmente gustose, le prugne secche contengono vitamina A,C, B, fibre, potassio, rame, calcio, magnesio, selenio e ferro. In generale, tutta la frutta secca è una fonte eccellente di fibre solubili quindi aumenta il senso di sazietà. Consumate nella giusta quantità, le prugne secche sono ottime anche per le diete dimagranti.

Le prugne secche non sono raccomandate per le persone che soffrono di diabete perché hanno un'alta concentrazione di zuccheri. Inoltre, il consumo di prugne è controindicato in caso di diarrea acuta o cronica e in caso di problemi renali.

Vota la ricetta

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO