Stai leggendo: Venezia 76: intervista a Nina Zilli, giurata di Soundtrack Stars

Letto: {{progress}}

Venezia 76: intervista a Nina Zilli, giurata di Soundtrack Stars

Il premio per la migliore colonna sonora è stato assegnato a Joker di Todd Phillips, risultato anche vincitore del Leone d'Oro.

Nina Zilli, con una maglia bianca e dei pantaloni grigi, seduta su un divano, davanti a delle piante Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

È stato un'anticamera del Leone d'Oro, quest'anno, Soundtrack Star: il premio per la migliore colonna sonora tra i film presentati durante l'ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Conferimento assegnato a Joker di Todd Phillips e con Joaquin Phoenix, poi premiato con la statuetta più importante del Festival: il Leone d'Oro.

"Quella di Joker è una colonna sonora che recupera alcuni tra i brani più noti della grande musica americana e per le composizioni originali, una musica atonale che unisce voce e violoncello, capace di rendere anche la colonna sonora protagonista del film con assoluta originalità ma anche con una forte capacità evocativa" le parole utilizzate dalla giuria nel motivare l'assegnazione del premio. La statuetta è stata consegnata alla compositrice e violoncellista islandese Hildur Guðnadóttir, autrice della colonna sonora del film.

Todd Phillips e Joaquin Phoenix in piedi, con il leone d'oro in mano, su sfondo azzurroHDGetty Images
Todd Phillips e Joaquin Phoenix, regista e protagonista di Joker

Ma la cerimonia di premiazione ha portato anche alla consegna di un secondo premio: il premio speciale conferito a Babyteeth, per l’importanza riconosciuta al ruolo della musica all'interno della storia. Il film - opera prima della regista australiana Shannon Murphy - avrebbe poi ricevuto nel giro di breve un secondo riconoscimento: il Premio Mastroianni, assegnato al suo giovane attore protagonista, Toby Wallace.

A decidere l'assegnazione dei premi di Soundtrack Stars è stata una giuria presieduta da Laura Delli Colli e composta dai giornalisti Manola Moslehi, Marco Maccarini, Alessandra Vitali, Giuseppe Fantasia, Antonella Nesi, Stefania Ulivi e Marina Sanna. "Special guest" di questa edizione, la cantante Nina Zilli, che abbiamo intervistato.

Secondo te, quando può definirsi "riuscita" una colonna sonora?

Quando riesce a fondere al meglio le immagini e le musiche. Quando queste ultime diventano parte integrante del film, un aiuto fornito dal regista con il fine di valorizzare anche gli altri elementi della pellicola.

Al di là dei film di questa Mostra del Cinema di Venezia, quali sono le colonne sonore che preferisci?

Quelle spiazzanti. Ad esempio, la colonna sonora di Spaghetti Western, con chitarre a metà tra il soul e il jazz che però si mescolano con l'italianità e, in particolare, con la napoletanità. ll tutto, all'interno di un paesaggio desertico, che apparentemente non c'entra nulla con quelle musiche. Amo quel genere di colonne sonore.

View this post on Instagram

“Come finire bene la giornata” Il mio sorriso parla da sè. #premiosiae la sorpresa inaspettata che mi fa chiudere in modo incredibile questa esperienza da giurata a #venezia76 per @soundtrackstars Da autrice e arrangiatrice, è un grandissimo onore ricevere questo premio, accompagnato da una motivazione che mi riempie il cuore di gioia. Cerco di mettere sempre il meglio di me nella mia musica, sperando che qualcuno ci si riesca a perdere, grazie a @siae_official a @laura_delli_colli e a @soundtrackstars per questo importante riconoscimento. Un grazie molto speciale a @ferzanozpetek che con #minevaganti 10 anni fa, mi ha portato per la prima volta in questo tempio del cinema #staysoul #z

A post shared by NinaZilliOfficial#Z (@ninazilliofficial) on

Il nome di qualche regista che secondo te riesce bene in questo?

Io ero adolescente quando c'erano i film di Darren Aronofsky e Quentin Tarantino, quindi non posso esimermi dal nominarli. D'altra parte, si tratta di due registi per i quali musica e immagini hanno la medesima importanza all'interno del film. Per questo sono in grado di creare dei veri e propri capolavori che sono il risultato di immagini, musica, emozioni e suoni.

Cosa sapevi dei film in concorso, prima di intraprendere questa sfida?

Quasi nulla, ma per scelta. Quando vado a vedere un film, prima voglio sapere il meno possibile: a volte mi basta conoscere semplicemente il soggetto. D'altra parte, prima di entrare in una sala cinematografica, è normale crearsi nella mente delle aspettative. Aspettative che però vengono continuamente smentite: sia in positivo che in negativo. Il soggetto è una cosa, ma poi il film è fatto dal "taglio" che gli dà il regista e quindi è sempre una sorpresa. Tu ti puoi immaginare un determinato tipo sviluppo a partire da un certo soggetto, ma poi ci sarà sempre qualcuno di "più grande" che riuscirà a sorprenderti. Penso che sia proprio questo il bello del cinema.

Nina Zilli e Omar Hassan si baciano, in piedi: lei con un abito blu, lui con una giacca neraHDGetty Images
Nina Zilli insieme al compagno Omar Hassan

Come hai vissuto questa esperienza da giurata alla Mostra del Cinema?

Veramente molto bene, complice la bellezza di Venezia, una città che in passato ho visitato più volte. Questa, però, è stata la mia prima volta qui al Festival. Dopo averla vissuta, posso dire che è un'esperienza che tutti dovrebbero fare almeno una volta nella propria vita. La chiamata - anzi, l'e-mail - ricevuta con la proposta di entrare a fare parte della giuria di Soundtrack Stars Awards mi ha fatto molto piacere: è stata una gran bella sorpresa, oltre che un grandissimo onore. Penso che il cinema, tra le arti, sia forse la più completa, perché in grado di mescolarne tante insieme. L'assistere alla proiezione di un film è un'esperienza unica in cui è bello immergersi. E venire qui, a Venezia, a percepire il "vissuto" della sterminata tradizione cinematografica italiana è stato splendido. Sono felice di essere stata parte di tutto questo.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO