Stai leggendo: Sonno del neonato: consigli per aiutare i bambini che non dormono

Letto: {{progress}}

Sonno del neonato: consigli per aiutare i bambini che non dormono

Il sonno del neonato mette in crisi molti genitori: scopri quanto deve dormire un neonato, le cause dell'insonnia e i piccoli rimedi per favorire il riposo.

Disturbi del sonno dei neonati iStock Photo

2 condivisioni 0 commenti

Il sonno dei neonati è il dilemma di tutti i genitori. Quanto deve dormire un bambino? Sono normali i risvegli continui durante la notte? Come mai il mio bambino non dorme mai?

Il sonno di un neonato è molto diverso da quello di un adulto. 

In media un neonato passa il 70%-80% dei suoi primi mesi di vita a dormire, una percentuale che corrisponde a circa 15-20 ore al giorno. Un individuo anziano, invece, riesce a dormire circa 5/6 ore a notte. 

I bambini hanno una maggiore necessità di dormire, che si riduce gradualmente nel tempo. Il sonno, infatti, influisce sulla crescita ed è essenziale per lo sviluppo delle capacità cerebrali dei piccoli. 

Vuoi saperne di più? Allora leggi la nostra piccola guida sul sonno dei neonati:

Il sonno del neonato: caratteristiche

Il sonno del neonato è importantissimo:

  • favorisce lo sviluppo cerebrale
  • consolida la memoria
  • stimola la secrezione dell’ormone della crescita
  • rafforza il sistema immunitario

Come sai, il sonno è distinto in fasi diverse per intensità e durata. Esiste la fase REM e quella non REM. La prima è quella del sonno leggero ed è caratterizzata da tanti sogni. In un adulto la fase REM occupa il 15% del sonno, mentre in un neonato occupa il 50%. Questo significa che il sonno è tendenzialmente più leggero e il bambino è soggetto a un numero superiore di risvegli.

È anche vero che il ciclo sonno-veglia dei neonati è regolato dalle loro esigenze di nutrimento. Di solito tra una poppata e l’altra trascorrono circa 3/4 ore di sonno, intervallate dall’assunzione del latte. 

Quanto deve dormire un neonato 

La National Sleep Foundation aiuta le mamme e i papà ad approfondire tutti gli argomenti riguardanti il sonno del neonato. Conoscere esattamente le ore di sonno considerate normali è importante, in quanto evita di allarmarsi inutilmente perché il proprio figlio dorme troppo o dorme troppo poco. 

Queste sono le loro indicazioni in termini di ore: 

  • neonati da 1 a 2 mesi: dalle 10 alle 18 ore nell’arco delle 24 ore
  • neonati dai 3 agli 11 mesi: dalle 12 alle 14 ore nell’arco delle 24 ore
  • neonati da 1 a 3 anni: dalle 12 alle 14 ore nell’arco delle 24 ore
  • dai 3 ai 5 anni: dalle 11 alle 13 ore al giorno
  • dai 5 ai 12 anni: dalle 10 alle 11 ore a notte
  • dai 12 anni: 9 ore 

Sonno di un neonato tranquilloiStock Photo

Insonnia neonato

La Società Italiana di Pediatria ha evidenziato come negli ultimi anni siano aumentati i casi di insonnia nel neonato. In realtà, sono aumentati trasversalmente tra donne e uomini di tutte le età, dai bambini agli adolescenti fino agli adulti. Le cause sono molteplici e vanno dall'uso intenso dei dispositivi tecnologici fino agli stili di vita sempre più scorretti. 

Nel caso dei neonati, poi, le cause includono la modalità dell’alimentazione, alcuni fattori genetici e la depressione materna.

A peggiorare la situazione sono anche i comportamenti, spesso sbagliati, dei genitori. Non bisognerebbe, infatti, precipitarsi dal bambino al primo segno di risveglio. Secondo i pediatri, i bambini non andrebbero neppure presi in braccio e portati nel lettone dei genitori. 

A influire è anche il tipo di alimentazione. L’allattamento al seno, infatti, favorisce l’insonnia del neonato con una percentuale pari al 52%, contro il 20% dei bambini allattati con latte artificiale. 

Insonnia neonato: bambino che non dormeiStock Photo

Disturbi del sonno: rimedi

Per favorire il sonno del bambino ci sono una serie di tecniche comportamentali da adottare, che sono in realtà molto semplici e aiutano davvero a non incappare nel problema dei disturbi del sonno: 

  • rispettare sempre l’orario di messa a nanna
  • non cambiare la stanza in cui il bambino è solito dormire, ma abituarlo a riposare sempre nello stesso ambiente. Meglio se con le luci soffuse
  • non dare troppo cibo o acqua prima della messa a letto. Sarebbe bene evitare anche la camomilla durante i risvegli. Meglio un oggetto consolatorio come il ciuccio 
  • evitare sostanze eccitanti dopo le 16:00. Per sostanze eccitanti si intendono la cioccolata oppure bevande come il tè
  • curare l’alimentazione
  • non portare i bambini nel lettone

L’abitudine a dormire nel letto dei genitori dovrebbe venire meno dopo i primi 8/10 mesi di vita. I bambini devono acquisire la loro autonomia e imparare a dormire nel proprio lettino. 

Come addormentare un neonato

La prima buona abitudine da prendere come neogenitori è quella di dormire quando il bambino dorme. Tutti gli impegni e le faccende andrebbero organizzati in modo da adeguarsi al ciclo sonno-veglia del bambino. 

Per favorire il sonno bisogna adagiare bene il bambino nella culla, scegliendo una posizione che per lui risulti molto comoda. È sconsigliata la posizione a pancia in giù per il rischio della morte in culla. Puoi adottare quindi la posizione a pancia in su oppure quella sul fianco. 

Una volta adagiato il bimbo, inizia a cullarlo ritmicamente in modo da rassicurarlo e tranquillizzarlo. Un altro elemento che favorisce il sonno è il riflesso di suzione. Questo significa che puoi dare un cuccio al piccolo per indurlo ad addormentarsi. 

Qual è la tua esperienza? I tuoi bimbi hanno mai sofferto di disturbi del sonno?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO