Stai leggendo: Una scuola in Tennessee mette al bando i libri di Harry Potter: 'Contengono veri incantesimi'

Letto: {{progress}}

Una scuola in Tennessee mette al bando i libri di Harry Potter: 'Contengono veri incantesimi'

La scuola cattolica di St. Edward a Nashville ha richiesto il parere di un esorcista, per poi rimuovere tutti i libri del celebre maghetto dalla propria biblioteca. Ecco le ragioni della scelta.

Daniel Radcliffe, Rupert Grint e Alan Rickman in un film di Harry Potter Warner Bros.

25 condivisioni 0 commenti

Una scuola cattolica di Nashville, nello stato americano del Tennessee, ha rimosso tutti i libri di Harry Potter dalla propria biblioteca perché conterrebbero “veri incantesimi e maledizioni” che potrebbero evocare entità demoniache.

L’istituto in questione è la St. Edward Catholic School, e uno dei pastori che vi lavora, reverendo Dan Reehil, ha spiegato il motivo: “Questi libri presentano la magia come qualcosa di buono e cattivo al contempo, il che non è vero, è anzi un ingegnoso raggiro”.

Le maledizioni e gli incantesimi usati nei libri sono veri, e quando recitati da un essere umano possono evocare spiriti maligni.

Nell’email inviata al giornale locale The Tennessean il reverendo aggiunge che per raggiungere questa decisione sono stati consultati molti esorcisti sia negli Stati Uniti che a Roma, e tutti hanno consigliato di rimuovere i libri.

Daniel Radcliffe in Harry Potter e la pietra filosofaleHDWarner Bros.
Un'immagine del film Harry Potter e la pietra filosofale

La sovrintendente delle scuole nella diocesi di Nashville, Rebecca Hammel, ha confermato l’invio di tale email da parte di Reehil a seguito di una domanda avanzata da un genitore. La donna però chiarisce che la Chiesa Cattolica non ha una posizione ufficiale riguardo i libri di Harry Potter, sebbene il pastore abbia la facoltà di bandirli qualora lo ritenga necessario: “Ogni pastore ha la facoltà canonica di prendere tali decisioni per la scuola della sua parrocchia. Rientra perfettamente nelle sue competenze”, ha spiegato, aggiungendo che dovrebbero esserci comunque libri di Harry Potter in altre biblioteche della diocesi.

Le avventure del giovane maghetto dentro e fuori le mura della magica scuola di Hogwarts, nate dalla mente di J.K. Rowling, sono ormai da oltre vent’anni un classico della nostra epoca, e hanno venduto milioni di copie, generando un vero e proprio impero mediatico e commerciale che non sembra conoscere rallentamenti. Ma ben oltre il successo economico, i libri hanno fatto sognare milioni di persone (e non solo bambini) in tutto il mondo impartendo anche lezioni importanti, dunque la decisione del parroco di Nashville risulta sorprendente per molti.

Voi cosa ne pensate?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO