Stai leggendo: Ricercatori svizzeri mettono a punto un vaccino per debellare le allergie provocate dai gatti

Letto: {{progress}}

Ricercatori svizzeri mettono a punto un vaccino per debellare le allergie provocate dai gatti

Una compagnia di ricerca svizzera ha creato un vaccino per neutralizzare una proteina presente nell’organismo dei gatti che provoca la maggior parte delle reazioni allergiche negli umani.

Una ragazza allergica al pelo del gatto iStock

3 condivisioni 1 commento

Grandi notizie per tutti coloro che amano i gatti ma sono costretti ad ammirarli da lontano per via delle allergie: una ricerca condotta in Svizzera ha messo a punto una possibile soluzione per debellare il problema.

Stando a quanto riportato infatti dalla compagnia di biotecnologia HypoPet, che collabora con l’università di Zurigo, nel 2013 è iniziata la ricerca su HypoCat, “un vaccino per abbassare l’allergenicità provocata negli umani dai gatti”.

Alla base di questa reazione c’è spesso la proteina Fel d 1 che i gatti secernono attraverso la saliva e le lacrime per poi distribuirla sul pelo quando si leccano, così che l’animale finisce per essere coperto dall’allergene che disturba l’85% di tutti coloro che sono allergici ai gatti. I ricercatori hanno dichiarato: “È risaputo che diminuendo l’esposizione degli esseri umani allergici alla Fel d 1 si riscontrano benefici significativi nei sintomi e nella salute. L’approccio innovativo di HypoPet interviene ‘alla radice’, cioè sull’allergene Fel d 1 nel gatto stesso”.

Il farmaco HypoCat, quindi, va somministrato ai gatti, e serve a indurre anticorpi che combattono la produzione della Fel d 1: “Questi anticorpi bloccano la Fel d 1 e quindi hanno la capacità di diminuire o neutralizzare i suoi effetti allergici negli umani”. 

Una donna che starnutisce mentre accarezza un gattoHDiStock
HypoCat è un farmaco che serve a indurre anticorpi che combattono la produzione della Fel d 1

Per raggiungere questo risultato, la compagnia ha condotto quattro diversi studi su un totale di 54 gatti, e gli esiti sono stati positivi. Come è stato riportato nella rivista scientifica Journal of Allergy and Clinical Immunology, il vaccino è infatti riuscito con successo a “indurre anticorpi che bloccano la Fel d 1 nei gatti, che sono riusciti a neutralizzare l’allergene”. Lo svilupo del farmaco è avvenuto in collaborazione con il Latvian Biomedical Research and Study Centre di Riga, la Vetsuisse Faculty e il Functional Genomics Center Zürich presso University of Zürich.

Il dr. Gary Jennings, AD di HypoPet AG, ha commentato: “Siamo molto lieti di pubblicare questi dati che dimostrano come il nostro vaccino HypoCat sia in grado di produrre alti livelli di anticorpi nei gatti e questi anticorpi riescono a bloccare e neutralizzare l’allergene Fel d 1 prodotto dagli animali”. Il dottore ha proseguito dicendo che, ora che il farmaco sta producendo risultati soddisfacenti, la compagnia intende “promuovere velocemente gli studi per la registrazione e le discussioni per la regolazione in Europa e Stati Uniti con la speranza di portare sul mercato questo prodotto così necessario”.

Un gatto che si pulisce mentre sta sdraiatoHDiStock
Le reazioni allergiche negli umani sono spesso provocate dalla proteina Fel d 1, che i gatti secernono attraverso la saliva e le lacrime per poi distribuirla sul pelo quando si leccano

A giugno il colosso degli alimenti per animali domestici, Purina, aveva annunciato che uno scienziato della società aveva trovato un modo per “neutralizzare in tutta sicurezza la Fel d 1 nel pelo e nella forfora tramite l’introduzione nella dieta del gatto di un prodotto a base di uova che contiene anticorpo contro la Fel d 1”. 

Il direttore della nutrizione molecolare di Purina, l’immunologo Ebenezer Satyaraj, ha condotto la ricerca per la compagnia, e in una dichiarazione rilasciata a People aveva detto: “Questi allergeni hanno creato una grande barriera nel possesso di gatti e possono limitare anche le interazioni affettuose tra amanti dei gatti e questi animali”. La nostra scoperta ha il potenziale di trasformare il modo in cui le persone gestiscono le allergie ai gatti”

Il motivo dietro la ricerca di HypoPet, stando a quanto riportato dai ricercatori stessi, consiste nel fatto che, quando sussiste un’allergia che impedisce all’essere umano, o ai suoi familiari e amici, di interagire col gatto, spesso questo risulta nell’abbandono dell’animale

Il vaccino, se dovesse arrivare sul mercato, sarebbe comunque un farmaco da inoculare nel singolo gatto col quale si intende interagire, perché è una medicina che agisce nell’organismo dei felini, e non aiuterebbe una persona allergica ai gatti a non avere reazioni allergiche con tutti gli altri esemplari. 

Sareste disposti a fare questo trattamento a un vostro gatto?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO