Stai leggendo: Focaccia integrale con uva e farina di grano saraceno

Letto: {{progress}}

Focaccia integrale con uva e farina di grano saraceno

Quale spuntino migliore se non un pezzo di focaccia sana e dal gusto genuino? La nostra ricetta prevede della farina integrale di grano tenero, della farina di grano saraceno e degli acini dolcissimi e profumati di uva bianca e nera.

Schiacciata dolce Rodi Roșcata

3 condivisioni 0 commenti Il voto di 1 utente

L'altro giorno mi hanno regalato un bel cesto d'uva, quindi, ho pensato di preparare qualche dolcetto, da gustare a colazione ma anche da portare in spiaggia come spuntino. Siccome non avevo voglia di fare due dolci diversi, ho preparato una semplice e gustosa focaccia integrale con uva e farina di grano saraceno. Questa focaccia è davvero molto facile da preparare e la puoi fare sia in versione dolce, con uva, sia in versione salata, con olive o pomodorini.

Schiacciata all'uvaHDRodi Roșcata

L'impasto per la focaccia è semplicissimo: acqua, farina integrale di grano tenero macinata a pietra, farina di grano saraceno, lievito e poco zucchero di cocco o integrale di canna. Per la quantità di farina che ho usato per la focaccia, ho aggiunto giusto un grammo di lievito di birra disidratato però si può usare anche del lievito fresco, aumentando la quantità.

Schiacciata con acini d'uvaHDRodi Roșcata

La particolarità di questa focaccia integrale è che non devi mettere le mani nell'impasto: basta unire tutti gli ingredienti, mescolare molto bene con un cucchiaio di legno, versare l'impasto nella teglia foderata con carta da forno oppure unta con poco olio e far lievitare in un posto caldo fino a che raddoppia il volume. Io copro la teglia con della pellicola alimentare (serve per evitare che l'impasto si secchi in superficie), avvolgo con un panno pulito e pongo nel forno spento, con lo sportello chiuso.

Puoi variare la quantità di zucchero di cocco (o altro dolcificante) in base ai tuoi gusti, oppure, sostituire l'uva con delle olive o pomodorini per una focaccia salata.

Per cuocere la focaccia integrale ho usato una teglia quadrata (20 x 20 cm). Una porzione di focaccia (9 in totatle) ha circa 112 kcal, di cui: 18,5 g carboidrati, 2,5 g grassi e 3 g proteine (i valori sono approssimativi, dipende dalla marca dei prodotti che usi).

Informazioni

Ingredienti

  • Farina integrale di grano tenero 150 grammi
  • Farina di grano saraceno 50 grammi
  • Olio di oliva 20 ml
  • Zucchero di cocco o integrale di canna 20 grammi
  • Lievito di birra disidratato 1 grammo
  • Un pizzico di sale
  • Uva bianca e nera 150 grammi
  • Acqua tiepida 190 ml

Preparazione

  1. In una ciotola capiente unisci le farine, aggiungi un pizzico di sale e mescola bene.

  2. Sciogli il lievito nell'acqua tiepida, aggiungi lo zucchero di cocco, mescola e lascia da parte per 5 minuti dopodiché versa sopra le farine. Unisci anche l'olio di oliva e mescola con un cucchiaio di legno fino a che ottieni un composto omogeneo, senza grumi.

  3. Fodera una teglia con carta da forno, versa l'impasto e distribuisci in modo uniforme aiutandoti con il cucchiaio. Copri la teglia con della pellicola alimentare, avvolgi con un panno pulito e metti nel forno spento, con lo sportello chiuso. Lascia lievitare fino a che raddoppia il volume.

  4. Togli la teglia dal forno e distribuisci sopra gli acini d'uva lavati e tagliati a metà. 

  5. Cuoci la focaccia nel forno caldo a 200°C per circa 20 - 25 minuti o comunque fino a che diventa ben dorata.

Differenza tra lievito di birra fresco e lievito di birra secco (disidratato)

Anche se hanno un aspetto molto diverso, il lievito di birra secco non è altro che lievito di birra fresco, che ha subito il semplice processo di disidratazione. Il lievito di birra fresco va conservato nel frigorifero per un breve periodo mentre il lievito di birra secco ha un termine di conservazione molto più lungo. Un panetto di lievito di birra fresco da 25 grammi corrisponde a 7 - 8 grammi di lievito di birra secco. 

Nelle varie ricette, per sostituire il lievito di birra fresco basta un terzo di lievito di birra secco (il rapporto delle dosi è di circa 3:1).

Vota la ricetta

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO