Stai leggendo: Emily Ratajkowski e la scelta di non depilarsi in nome della libertà delle donne

Letto: {{progress}}

Emily Ratajkowski e la scelta di non depilarsi in nome della libertà delle donne

La libertà di scelta delle donne passa anche attraverso questioni apparentemente banali, come depilarsi o farne a meno. Emily Ratajkowski ha parlato di femminismo e libertà femminile in un saggio redatto per Harper's Bazaar USA.

Emily Ratajkowski Getty Images

3 condivisioni 0 commenti

Emily Ratajkowski, la modella più cliccata di Instagram il cui successo è esploso dopo la sua partecipazione al sensuale videoclip Blurred Lines di Robin Thicke (era il 2013), ha dimostrato negli anni di avere molto da dire e di non essere semplicemente un bell'involucro. Emily (28 anni) si è fatta portavoce negli ultimi tempi di cause molto importanti - prima su tutte, quella legata al diritto all'aborto - e si definisce con fierezza una femminista. Sceglie lei quando e se mettere in mostra il proprio corpo, quanti centimetri di pelle scoprire e quanti, invece, lasciare all'immaginazione: "My Body, My Choice" è il suo motto, in qualunque declinazione possibile.

In queste ore, Emily Ratajkowski è tornata a parlare di libertà femminile e di femminismo, redigendo un interessante saggio per Harper's Bazaar USA. Sulla copertina del numero di settembre 2019 della rivista, la modella posa in lingerie e con le ascelle non depilate, una scelta tutto fuorché casuale.

Se decido di depilarmi le ascelle oppure no, dipende solo da me. Per me i peli del corpo sono un'altra possibilità delle donne di esercitare la loro libertà di scelta. Una scelta basata su come vogliono sentirsi.

Emily ha continuato, spiegando:

Ci sono giorni in cui mi piace depilarmi, ma a volte far crescere i peli del mio corpo mi fa sentire sexy. Non c'è una risposta giusta, nessuna scelta che mi renda più o meno femminista o una "cattiva" femminista. Finché sono io a decidere, allora è la scelta giusta.

Secondo la Ratajkowski, la nostra cultura ha paura della presa di coscienza delle donne, specialmente in merito alla sessualità. Quando una donna vive con consapevolezza la propria sfera più intima, allora viene vista come una minaccia:

Abbiamo paura delle donne e del potere innato che la sessualità femminile possiede. Una donna diventa troppo potente e minacciosa quando abbraccia la propria sessualità. Per questo si insiste sul concetto di vergogna.

Emily Ratajkowski con posa intriganteGetty Images
Emily Ratajkowski vive a pieno la propria sessualità e sensualità

Ogni donna, secondo Emily Ratajkowski, dovrebbe essere libera di sentirsi al meglio nella propria pelle, senza l'ombra di alcuna inibizione o costrizione sociale:

Mi sento potente quando mi sento me stessa e, a volte, questo significa indossare una minigonna. Altre volte ancora, invece, mettere una felpa con cappuccio gigante e una tuta. Altre, mi sento forte e libera quando non indosso il reggiseno.

Siete d'accordo?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO