Stai leggendo: Le avventure di una (extra) vergine - Il BDSM

Letto: {{progress}}

Le avventure di una (extra) vergine - Il BDSM

Avete mai provato l'esperienza del BDSM e delle dinamiche padrone/schiavo? Io sì, ma non è finita esattamente come pensavo.

FoxLife

8 condivisioni 0 commenti

La mia amica Ginevra, sempre piena di iniziative trendy volte a introdurmi nella “Milano bene”, qualche sera fa mi ha trascinata in un “sexy boudoir”.

Praticamente un sexy shop per ricconi: divanetti di velluto, carta da parati leopardata e, in bella mostra su lucide vetrinette rococò, mascherine di pizzo, frustini, piume e vibratori dal design avveniristico. Mi sono fermata ad osservarne uno a forma di diamante e lei, con tono da esperta, mi ha detto che ovviamente ce l’ha perché è convinta che, per osmosi, un giorno attirerà un diamante vero con annessa proposta di matrimonio.

Amor gignit amorem.

Il boudoir ospitava quella sera una conferenza sul BDSM e abbiamo deciso di prendervi parte, per ampliare i nostri orizzonti cultural-sessuali. Soprattutto i miei, ha sottolineato Ginevra con la sua solita simpatia.

Detto fra noi, io sono rimasta perché c’erano dei panini buonissimi. Questo però lei non deve saperlo.

All’improvviso, poco dopo l’inizio del convegno, da una tenda di velluto purpurea è sbucata una pazza vestita da poliziotta sexy che, con precisione millimetrica, mi ha mollato una bella manganellata sul ginocchio destro (quello che mi sono rotta da bambina e che è rimasto fragile) urlando “buonasera maialoneeeeeeee!”

Ginevra, la coinquilina di Dafne in ExtravergineHDFoxLife
Ginevra è la coinquilina di Dafne, interpretata da Melissa Anna Bartolini

Dopo questo inizio meraviglioso, la conferenza ha preso una piega più interessante perché la matta si è rivelata essere una poetessa erotica che, alternandosi ad una legatrice professionista (indovinate chi è stata scelta come volontaria per essere legata come un salame?), ad una sessuologa e ad una dominatrix, ci ha spiegato tutto sul bdsm: patti chiari, frustata lunga, abbandono totale, accettazione dei feticci più strani ma soprattutto safe word. Pensate che bello, ci dicevano le nostre esperte entusiaste, se in qualsiasi interazione personale si potesse pronunciare una parola specifica per far capire all’altro che sta facendo qualcosa di sgradito, costringendolo quindi a fermarsi.

Quindi se dicessi “pufbacche” potrei finalmente far smettere a Ginevra di tormentarmi perché perda la verginità?

Sono tornata a casa con mille idee che mi frullavano in testa e ho deciso che la cosa migliore era sperimentare sul campo quanto avevo appena imparato. Mi sono collegata al sito sculacciami.com, secondo Google il migliore per trovare potenziali compagni di manette e, in men che non si dica, ho organizzato un incontro con Slave33, un venture capitalist di successo che ha la segreta passione di farsi dominare e bistrattare come una pezza da piedi.

Ci diamo appuntamento in un bar sotto casa mia, noto con piacere che lui è molto bello e raffinato. Rotto facilmente il ghiaccio, in uno slancio di intraprendenza lo invito a salire da me per darci dentro con questa pantomima dialettica di Schiavo e Padrona.

Per calarmi meglio nella parte, indosso un tubino di pelle nera di D&G prestatomi da Ginevra,  décolletés tacco 12 Miu Miu di vernice e soprattutto mi munisco di un frustino e di un campanellino stile lady inglese. Slave33, appena mi vede entrare in salotto con questo outfit, si mette in ginocchio e, con aria adorante, mi implora: “comandi, Padrona”.

E ora? Che gli dico? Mi fanno già male i piedi, il vestito non mi fa respirare, oltretutto mi si sta appiccicando addosso perché c’è un’afa insopportabile. Ma che mi è venuto in mente?

“Nessuno ti ha dato il permesso di parlare, Schiavo” (pare si inizi sempre così) – “Per punizione, massaggiami i piedi”.

Questa sì che è un’idea geniale… Mentre Slave33 esegue il suo compito con dedizione e accuratezza, penso a cos’altro potrei chiedergli ora.

“Prendi quel ventaglio di piume e sventolami, Schiavo”. Adagiata sul divano, i piedi appoggiati su un cuscino, mi godo il venticello che Slave33 sta producendo agitando freneticamente il ventaglio davanti a me.

Come Dafne immagina il BDSM - Le avventure di una (extra) vergineHDFoxLife
Dafne e il BDSM - Come dovrebbe essere VS come lo farei

E adesso? Questo si sta eccitando…è il momento in cui dovremmo fare sesso? Oddio!

Non so come uscirne: non ho la minima intenzione di fare sesso con quest’uomo ma in qualche modo sento di dovergli regalare un maltrattamento indimenticabile, un’esperienza completa che lo faccia tornare a casa bistrattato e contento. Sono tentata di dire subito “pufbacche” e di porre fine a questa pantomima, ma per adesso non sta succedendo niente di particolarmente sgradevole, mi sembrerebbe quasi un gesto sgarbato. Mi guardo intorno, in cerca di ispirazione, e noto quanto disordinato e a tratti sporco sia il mio salotto.

Colta da un’illuminazione, agito il campanellino e gli ordino di lustrarmi casa da cima a fondo. Lui, al settimo cielo, prende detersivi e strofinacci e, in men che non si dica, mi fa brillare l’appartamento come nemmeno nei miei sogni più trasgressivi. Stanco morto, si congeda iniziando a tirare fuori banconote e chiedendomi se duecento euro possano bastare.

In che senso?

Imbarazzatissima, provo a rifiutare, ma il mio diniego lo eccita ancor di più, e di lì a poco mi ritrovo sul ciglio della porta con trecento euro in mano e lui che se ne va ringraziandomi di tutto e pregandomi di rivederci presto.

Confesso che il BDSM non mi ha proprio convinta: mi aspettavo di certo qualcosa di diverso.

Se non altro, però, posso dire di aver trovato un nuovo addetto alle pulizie.

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE