Stai leggendo: Viaggi senza auto: 5 mete in montagna da raggiungere coi mezzi pubblici

Letto: {{progress}}

Viaggi senza auto: 5 mete in montagna da raggiungere coi mezzi pubblici

Dalla Valle D'Aosta al Trentino, passando per l'Alto Adige: ecco 5 località tutte italiane, ideali per chi vuole viaggiare in maniera eco-friendly, senza automobile.

Viaggi in montagna senza auto: ecco le mete ideali iStock

1 condivisione 0 commenti

L'estate è la stagione perfetta per staccare la spina. Chi non ama il caldo e le spiagge sovraffollate ha la possibilità di puntare verso mete di montagna, dove il silenzio e il relax regnano sovrani. E quale modo migliore di stare a contatto con la natura, se non lasciare a casa la propria auto?

Oltre a risparmiare emissioni dannose per l'ambiente, infatti, viaggiare con i mezzi pubblici è più economico e permette di evitare lo stress da traffico.

Siete pronti a caricare i vostri bagagli su un pullman o un treno e a godervi il paesaggio dal finestrino? Ecco 5 mete per una vacanza senza macchina verso mete montanare raggiungibili coi mezzi!

Chamois, Valle d'Aosta

La regione più piccola e meno popolata d'Italia ha tantissimo da offrire sotto il profilo naturalistico. Specie per chi intende viaggiare unicamente con i mezzi pubblici.

Chamois, infatti, è l'unico comune italiano che non può essere raggiunto in auto. Situato a 1815 metri sul mare, è il centro abitato più alto della Valle d'Aosta: ci si arriva soltanto a piedi, in mulattiera o in funivia, grazie al Servizio di trasporto pubblico funiviario Buisson/Chamois.

Vacanze senza auto a Chamois, in Valle d'AostaHDPixabay

Da vedere. Ma cosa fare una volta in cima? La prima cosa, ovviamente, è rilassarsi e ammirare il panorama: Chamois si affaccia su una vasta conca verde della Valtournenche, con una vista privilegiata sul Cervino. Poi fare lunghe passeggiate: potrete addentrarvi nella natura verso i suggestivi laghi di Champlong o di Lod.

Oppure raggiungere le piccole frazioni di Calila, Crepiti, Corgnolaz, La Ville, Lieussel e Suisse – nelle quali abitano in tutto solo 104 persone – e collegate tra loro da piccoli sentieri. Per gli amanti dello sport, invece, se l'inverno si rivela perfetto per lo sci, in estate potrete riscoprire il fascino della mountain bike oppure fare parapendio o deltaplano per ammirare il paesaggio dall'alto.

Dove dormire. Chi predilige i comfort può soggiornare alla Maison Cly Hotel & Restaurant, un albergo a 4 stelle dal tipico aspetto montano e situato in una location suggestiva. Chi cerca un'atmosfera più intima può puntare, invece, all'Ostello Bellevue o al Rifugio l'Ermitage, caratteristico chalet di montagna che sorge lungo la mulattiera che porta al lago di Lod.

Val di Fiemme, Trentino

Con tantissime cime importanti che circondano la vallata e foreste da attraversare a piedi o in bicicletta, la Val di Fiemme può essere considerata come un vero e proprio parco in cui trascorrere rilassanti vacanze nella natura. Qui si trovano le vette della Catena del Lagorai, il gruppo del Latemar e Le Pale di San Martino, oltre alle suggestive Cascate di Cavalese, nella parte bassa del Rio di Val Moena

Le Cascate di Cavalese in Val di FiemmeHDiStock

Per spostarsi senza auto c'è la FiemmE-motion che viene offerta dal 09 giugno al 29 settembre 2019 dai principali hotel, bed&breakfast e residence e che dà diritto a numerosi vantaggi, come spostarsi 1 volta al giorno sugli impianti di risalita o usufruire di trenini, servizi a chiamate e navette per muoversi nei vari paesi della Val di Fiemme.

Ma non solo: con la FiemmE-motion si può partecipare ad escursioni e visite guidate, ricevere sconti su diverse attività come rafting, terme, e-bike, trekking con i lama, ristoranti e entrare gratuitamente in diversi palazzi e musei.

Cosa fare. In Val di Fiemme si trovano alcuni dei gruppi più importanti delle Dolomiti, dichiarate patrimonio UNESCO. Come lo Sciliar-Catinaccio e il Latemar, che potrete ammirare in lontananza o scoprire attraverso un'escursione di trekking.

Viaggiare senza auto, in Trentino, alla scoperta della Val di FiemmeHDiStock

Una tappa d'obbligo è poi il Lago di Carezza che per la bellezza dei suoi colori è anche chiamato il “Lago dell'arcobaleno”. Da non perdere, in località Zanon, l'Osservatorio Astronomico Tesero, molto suggestivo – specie se viaggiate con bambini. Gli amanti della musica e dei festival potranno invece partecipare a un evento davvero unico: per tutta l'estate le Dolomiti fanno da scenario a I Suoni delle Dolomiti, concerti di musica classica o folk ad alta quota, in cui si esibiscono artisti rinomati a livello mondiale.

Parco Naturale Adamello Brenta, Trentino

Un'altra meta del Trentino, perfetta per vacanze senza auto. Si tratta del Parco Naturale Adamello Brenta, una vera oasi naturale che offre bagni termali, paesaggi mozzafiato e intrattenimento per i più piccoli. Oltre a una cucina locale degna di nota.

Questo Parco a ovest di Trento si trova tra le Dolomiti di Brenta – patrimonio UNESCO – ed è l'area protetta più grande della regione: occupa infatti un decimo dell'intero Trentino. Muoversi senza auto qui è davvero semplice, grazie alle diverse iniziative messe a disposizione sia a livello regionale che locale. La prima è la Trentino Guest Card: offerta dalle principali strutture, consente di viaggiare liberamente su tutti i trasporti pubblici della regione. Ma anche di ottenere sconti su attività, ingressi nei musei e nelle principali attrazioni della zona.

Le Terme di Comano, poi, mettono a disposizione la Trentino Guest Card Comano Vallesalus che permette di utilizzare gratuitamente tutti i servizi pubblici locali, tra i quali l'autobus che dalla stazione ferroviaria di Trento porta a San Lorenzo in Banale, nel cuore del Parco. Un altro servizio speciale è la navetta jeep che da Baesa, su prenotazione, vi porta in alta quota in Val d'Ambiez.

Cosa vedere. Tra le bellezze indiscusse spiccano il Lago Tovel e la Val Genova. Ricco dal punto di vista faunistico e botanico, il lago di Tovel è un vero gioiello da ammirare e fotografare.

Viaggiare senza auto in Trentino, nel Parco Naturale Adamello BrentaHDiStock

Questo specchio d'acqua è conosciuto anche come "lago rosso" in quanto fino alla metà degli anni '60, d'estate, in superficie comparivano delle alghe che gli conferivano questo particolare colore. Per fare un giro della sua superficie occorre circa un'ora e mezzo ma da qui ci si può addentrare lungo diversi percorsi, tutti totalmente immersi nella natura. Il centro più vicino, infatti, è Tuenno: dista ben 14 km. 

La Val Genova, invece, è il simbolo indiscusso del parco: modellata dai ghiacciai, è ricchissima di acque. Qui scorre il fiume Sarca – immissario del lago di Garda – attraverso una sequenza di rapide definite “scale”. L'intera valle è caratterizzata dalla tonalite, una roccia granitica di origine vulcanica, e da cascate: le più famose sono quelle di Lares, Folgorida e Nardis.

Viaggi senza auto in Trentino, nel parco naturale Adamello BrentaHDiStock

Val di Funes, Alto Adige

Di motivi per visitare l'Alto Adige ce ne sono tanti. Forse anche troppi. C'è ad esempio lo stupendo Lago di Braies – del quale vi avevamo parlato a giugno, come meta perfetta per un weekend romantico – oppure quello di Resia – in provincia di Bolzano – dalle cui acque spunta il campanile di un'antica chiesa. Oppure la pittoresca Val di Funes, lo storico Castel Tirolo e la Cascata di Stanghe, in Val Isarco, dove potrete seguire il corso del fiume tra gole profonde create dall'erosione dell'acqua e passerelle di legno.

Ma l'Alto Adige è la meta ideale specie per chi ha voglia di intraprendere un viaggio senza auto. La Mobilcard della regione, infatti, consente viaggi illimitati su tutti i mezzi pubblici: autobus, treni locali, le funivie di Maranza, Meltina, Renon, San Genesio e Verano, oltre al caratteristico trenino del Renon.

Cosa fare e vedere. Il trenino del Renon vanta una storia lontana. Questa tratta, inaugurata nel 1907, consentì per la prima volta il trasporto di persone e merci da Bolzano al Sudtirolo, lungo i dorsi delle Dolomiti.

Oggi il tratto finale a cremagliera – lungo il quale il treno superava un dislivello di 1000 metri – è stato sostituito dalla funivia. Ma si può ancora percorrere il tragitto da Soprabolzano a Maria Assunta, un giro di circa 18 minuti sull'altopiano del Renon con una vista mozzafiato sulle Dolomiti. Il treno, inoltre, compie diverse fermate intermedie dove potrete scendere per intraprendere uno dei tanti percorsi escursionistici.

Il trenino del Renon e l'Alto Adige, dove trascorrere una vacanza senza autoHDiStock

Proprio dalla stazione di Soprabolzano – con circa 2 ore di cammino – potrete raggiungere una delle bellezze più affascinanti dell'altopiano: le piramidi di terra. Si tratta di formazioni geologiche davvero particolari, a forma di pinnacoli, che vantano circa 25.000 anni di storia e sono tra le più belle ed alte d'Europa. Per raggiungerle esistono anche altri due percorsi – più brevi e pianeggianti: uno che parte da Cima Lago Nero e un altro da Collalbo.

Le piramidi di terra del Renon, in Alto AdigeHDiStock

Alpe di Siusi, Alto Adige

Meta ideale per il trekking autunnale, l'Alpe di Siusi si rivela perfetta anche d'estate. Specie per chi desidera viaggiare senza automobile. Questo altopiano – tra i più belli e grandi al mondo – può infatti essere percorso in auto soltanto dai residenti (in modo da preservare la flora e la fauna del luogo).

Per raggiungerlo potrete quindi prendere un autobus di linea o la cabinovia che parte da Siusi. Oppure approfittare del servizio di Shuttlebus che collega i paesini di Castelrotto – luogo ideale per dormire perché offre tutte le comodità – Fiè e Siusi con lo Sciliar, una delle cime più caratteristiche della zona insieme a quelle del Sassolungo e del Sassopiatto, tutte patrimonio UNESCO.

Una vacanza senza auto in Alto Adige, alla scoperta dell'Alpe di SiusiHDiStock

Cosa fare e vedere. 350 km di sentieri e 365 rifugi: l'Alpe di Siusi è il paradiso degli amanti delle escursioni. Potrete intraprendere diverse camminate da soli o affidarvi ai tanti tour guidati – che si svolgono anche di notte – sulle vie del Parco Naturale dello Sciliar-Catinaccio.

Il magnifico paesaggio dell'Alpe di Siusi, in SudtiroloHDiStock

Ma non solo trekking: in estate queste vallate di montagna si rivelano la meta ideale per gli amanti della mountain bike, del parapendio o per chi ama cavalcare. Il maso Gstatschhof propone infatti diverse escursioni a cavallo. Si tratta di un piccolo agriturismo che ospita 4 appartamenti e un piccolo ranch.

Vota anche tu!

E voi partireste senza auto?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO