Stai leggendo: La nuova Barbie nera su sedia a rotelle è un inno all'inclusività

Letto: {{progress}}

La nuova Barbie nera su sedia a rotelle è un inno all'inclusività

Lanciata a inizio giugno in USA, la nuova Barbie della linea Fashionista è amatissima dalle fan delle iconiche fashion doll Mattel.

20 condivisioni 0 commenti

A febbraio scorso Mattel aveva annunciato che a breve sarebbero approdate sul mercato una serie di Barbie con disabilità e, in particolare, una su sedia a rotelle e una con protesi alla gamba tra l’altro realizzate in collaborazione con l'adolescente attivista per i diritti dei disabili Jordan Reeves, famosa - oltre che, appunto, per il suo attivismo - anche per aver progettato una protesi a forma di unicorno.

A qualche mese dalla nascita delle prime fashion doll Mattel con disabilità, a inizio giugno è approdata sugli scaffali dei negozi di giocattoli americani a sorpresa una Barbie che ha piacevolmente stupito tutti - come si può constatare dagli entusiasti commenti su Twitter di chi l’ha acquistata - e che oltre ad essere su sedia a rotelle è anche dark skin.

La nuova arrivata

Mattel

Barbie sedia a rotelle
La nuova arrivata

Mattel

Barbie sedia a rotelle

€ 24,00

Questa Barbie, caratterizzata da bellissimi capelli afro e che ha in dotazione nella confezione non solo una sedia a rotelle ma anche una passerella, è un vero e proprio inno all’inclusività, tema estremamente caro al franchise Barbie. Inoltre, altra cosa che ha stupito molto i collezionisti, è che questa bellissima fashion doll Mattel sia stata inserita nella linea Barbie Fashionista - di cui fanno parte anche la "classica" Barbie su sedia a rotelle le famigerate Barbie curvy - come a voler sottolineare che la sua peculiarità non è quella di essere invalida ma bensì di essere un’appassionata di moda.

A questo punto sembra palese che Mattel stia in tutti i modi mantenendo la promessa fatta a inizio 2019 quando ha sottolineato che nell’anno del 60esimo anniversario delle Barbie  - commercializzate per la prima volta nel marzo del  1959 - avrebbe fatto di tutto per “onorare il maggior numero di modelli femminili”, sia ampliando la linea Shero - dedicata a role-model realmente esistenti come l'attrice e attivista Yara Shahidi, la stella del tennis Naomi Osaka e la modella Adwoa Aboah - sia attraverso Barbie ad hoc, come la versione Ingegnere informatico, che ricordino alle giovani donne che davvero si può essere ciò che si desidera

Via: Romper

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE