Stai leggendo: Il bambino che crea papillon per i cani per aiutarli a essere adottati

Letto: {{progress}}

Il bambino che crea papillon per i cani per aiutarli a essere adottati

Un dodicenne del New Jersey confeziona a mano i papillon che poi regala ai canili. L'idea è piaciuta particolarmente a Barack Obama.

Cani e gatti iStock

3 condivisioni 0 commenti

Cosa c'è di meglio di un papillon, per rendere ancora più adorabili cani e gatti randagi, aiutandoli così a trovare una nuova casa? Nulla, verrebbe da rispondere, buttando un occhio alle creazioni di Darius Brown, dodicenne del New Jersey. 

A soli undici anni, Darius aveva già le idee chiare su come dare il proprio contributo per facilitare le adozioni degli amici a quattro zampe. Si è armato di stoffe, macchina da cucire, et voilà: il fiocchetto è servito, pronto per essere indossato da un cagnolino abbandonato o un gattino in attesa di una casa. Partendo da quest'idea, Darius ha dato vita a un'azienda sartoriale: la Beaux and Paws.

Un ragazzo giovanissimo, mosso da una determinazione di ferro: la sua impresa non ha aiutato solo gli animali, ma ha rappresentato, per il ragazzo, anche un potente mezzo per rivelare la propria creatività. 

All'età di due anni gli è stato diagnosticato un problema legato al linguaggio e alla comprensione, responsabile anche di alcune difficoltà motorie. Nulla che potesse arginare davvero il suo talento: a 8 anni ha iniziato ad aiutare la sorella a tagliare la stoffa, un'attività continua che lo ha portato a migliorare le proprie capacità nei movimenti.

Tra un papillon e l'altro, è nata la Beaux and Paws: da lì, Darius Brown non si è più fermato. Ha iniziato a inviare le proprie creazioni ai canili, nella speranza che le persone potessero trovare ancora più adorabili gli animali, con gli eleganti fiocchetti addosso. Riuscendo, magari, a velocizzare il processo di adozioni.

Darius ha pensato di dare una mano ai trovatelli dopo aver assistito alle conseguenze disastrose degli urganai Harvey e Irma del 2017, in cui molti animali persero la propria famiglia e vennero trasferiti da un rifugio all'altro, rischiando l'eutanasia nel caso non fossero stati adottati.

Il suo impegno è stato premiato: il ragazzo ha raccolto diversi riconoscimenti, tra cui il Leadership Award dalla Leaders of the future No Limits, l’Outstanding Achievement Award dalla Wdib Conference, lo Youth Changer Award dall’Excel Honors.

La sua brillante idea ha riscosso successo, portandogli quasi 45 mila followers su Instagram, oltre che importanti estimatori come Barack Obama. L'ex presidente degli Stati Uniti gli ha fatto recapitare una lettera nel marzo 2018: "Credo che tu debba essere molto fiero di quello che fai. Continua a preoccuparti del mondo intorno a te, trova sempre il modo per aiutare gli altri. Non mollare mai, sono sicuro che il futuro sarà brillante. Sappi che faccio il tifo per te, ti auguro il meglio". 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO