Anni '90, Tie-Dye, trekking e sportswear: la sfilata di Off-White alla Paris Fashion Week

Un momento della sfilata Off-White

La sfilata Off-White ha illuminato la Paris Fashion Week con le creazioni di Virgil Abloh, un impasto di asimmetrie, forme oversize, suggestioni anni ’90 e dal mondo dello sport outdoor.

Dopo la morte di Karl Lagerfeld, è Virgil Abloh, classe 1980, il nome del momento del panorama internazionale della moda. Americano, architetto-ingegnere e DJ, Abloh ha dato il via al suo brand streetwear Off-White in Italia nel 2012 (Off-White è un marchio italiano, posseduto per il 30% da Marcelo Burlon), prima che fosse chiamato al ruolo di direttore creativo del luxury brand Louis Vuitton, nella primavera 2018.

Il 19 giugno 2019 alla Paris Fashion Week maschile ha sfilato la sua collezione Off-White, il frutto della collaborazione con Futura.

La sfilata è stata impattante. “Defining the grey area between black and white as the color Off-White” era la tagline dello streaming sul sito ufficiale (“Definire l’area grigia tra nero e bianco è il colore Off-White”) e le sfumature su cui ha lavorato Abloh si sono molto orientate sui colori chiari e il  mondo della grafica.

Contestualmente alla sfilata, Abloh ha postato due colorways della sneaker Nike-Off-White, facendo pregustare l’imminente (ed ennesima) collaborazione con il brand sportivo.

In un prato di fiori bianchi attraversato dal suggestivo rumore di un treno, i modelli hanno sfilato mostrando lo stile di Abloh, che intercetta pienamente la contemporaneità sporty e light, che rifugge la formalità, ma ama guardarsi indietro, perché quello che vede alle proprie spalle è più facile da reinterpretare. Non mancano spunti dei decenni andati nel fashion show di Off-White, che tuttavia riscrive tutto in chiave sporty-glam, giocando con i simboli grafici, con gli anni ’90 e il Tie-dye.

sfilata off-White

Tie-dye

Non sono mancati outfit Tie-dye, uno dei trend più cool della stagione corrente, rivisitati in chiave più athleisure e riadattati sulla struttura oversize dei look maschili Off-White. T-shirt, pantaloni, gilet, il Tie-dye (che letteralmente significa “tintura a riserva” è una tecnica antica ma che ha vissuto il proprio splendore intorno agli anni ’80 e ’90.

I capi vengono sottoposti a un bagno ma una sezione del tessuto viene sottoposta all’impermeabilizzazione, per mantenere il colore originale (a differenza delle parti non impermeabilizzate, con conseguente gioco di sbavature e diverse nuance).

ImaxTreeUna tasca in mood Tie-Dye
Un dettaglio Tie-dye
ImaxTreeDue outfit con tecnica Tie-Dye
Dettagli di Tie-Dye
ImaxTreeDue modelli nel backstage di Off-White
Denim delavé e Tie-Dye

Il Tie-dye è stato uno degli elementi principali del fashion show di Off-White e Futura.

Trekking & alpinismo

Off-white ha strizzato l’occhio alle lunghe escursioni sulle Alpi, a chi ama il trekking e l’arrampicata, proponendo una serie di piumini, gilet, materiali tecnici che sembrano perfetti per intraprendere una gita in montagna.

Anche guanti a rete, zaini e maglioni a collo alto concorrono a costruire questa suggestione.

ImaxTreeUn dettaglio della sfilata Off-White
Guanti a rete e borraccia
ImaxTreeUn dettaglio della sfilata Off-White
Lo zaino, strekkingwear

Il trekkingwear è stato già esplorato nelle ultime collezioni maschili, ma in questo caso sembra essere ancora più pregnante. Sulla scia dell’ispirazione del riposo al rifugio, invece, Off-White presenta ciabatte con le calze, molto German-style.

Forme oversize

Le forme oversize regnano da tempo su numerose passerelle, ma nella collezione Uomo di Off-White, all’interno di un prato fiorito, sembrano suggerire una nuova forma stilistica che cerca un'inedita chiave chic nelle forme giganti e nei tessuti morbidi. Queste linee over si sposano, nella collezione Off-White, con colori tendenzialmente chiari o chiarissimi: bianco, avorio, ecrù, panna, crema, cappuccino, tutte le sfumature del bianco che prende forma in capi athleisure e sciolti.

ImaxTreeForme oversize nel backstage della sfilata Off White
Forme oversize nel backstage della sfilata Off White

Graphic art

Anche l’uso della grafica è stato un’ispirazione netta per Virgil Abloh, che ha costellato i propri look di scarabocchi, disegni giocosi e infantili, tratti d’inchiostro decisi, forme più o meno astratte. Nere e colorate, le linee agiscono su campi bianchi e vasti, suggerendo le ispirazioni dell’arte contemporanea.

Getty ImagesGigi Hadid sfila per Off-White
Gigi Hadid è il trionfo della graphic art
ImaxTreeDue modelli nel bacstage di Off-White
Graphic art alla sfilata di Off-White

Futura, brand streetwear, che ricalca perfettamente l'anima di Off-White, si è concentrato in questa collaborazione soprattutto sui virtuosismi artistici, la libertà di poter riempire una tela bianca, ovvero un outfit da vivere nella quotidianità.

Green & ecologia

I rimandi alla plastica sono ovunque e Off-White, come tanti altri brand, vuole prendere una posizione netta contro l'inquinamento e ie pericolose derive delle situazioni degli oceani.

ImaxTreesimbolo ecologista in Off-White
Il simbolo ecologista
ImaxTreeUn dettaglio di un look Off-White
I simboli nella collezione Off-White
ImaxTreeUn dettaglio della sfilata di Off-White
Il dettaglio dell'etichetta

I look di Off-White si popolano quindi di simboli del riciclo, ma anche borracce ricaricabili ed etichette esposte sul capo, in modo da sottolineare la modalità di lavaggio e la composizione delle fibre tessili.

L'uomo del futuro sarà creativo, a tratti retrò ma soprattutto ecologista.

Leggi anche

      Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

      SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE