Homecoming: Salvatore Ferragamo sfila nella sua amata Firenze

La sfilata Men P/E 2020 di Ferragamo a Firenze

Salvatore Ferragamo sfila a Firenze, città in cui ha sfilato per la primissima volta, e la nuova collezione Primavera/Estate si intitola appunto "Homecoming". Un profondo omaggio al brand firmato Paul Andrew, che debutta così in Piazza della Signoria.

La prima collezione firmata Paul Andrew ha sfilato a Firenze, in Piazza della Signoria, a conclusione della prima giornata di Pitti Uomo; la location non è, ovviamente, scelta a caso.

Nel suo debutto, lo stilista ha voluto rendere omaggio al brand facendo sfilare la sua collezione Primavera/Estate 2020 nel luogo in cui tutto ebbe inizio; Firenze, dove Salvatore Ferragamo sfilò per la prima volta sempre in occasione di Pitti Uomo.

Un vero e proprio ritorno a casa e quale palcoscenico migliore di Piazza della Signoria per esaltare l'arte, la raffinatezza e lo stile inconfondibile di Ferragamo? I modelli e le modelle hanno sfilato circondati dall'aria palpabile di un passato glorioso che solo Firenze può regalare; il Palazzo Vecchio alle loro spalle, la Loggia dei Lanzi di fianco, le opere d'arte statuarie di Donatello e Michelangelo, i capolavori architettonici del Vasari agli Uffizzi.

E nella collezione i richiami al Rinascimento spuntano tra le stampe dei capi sfilati, l'uomo Ferragamo sfila sicuro tra passato e presente, tra sportswear e stile classico. Le giacche dal taglio sartoriale si sbottonano dall'impostazione classica per essere più pratiche, dal taglio più sportivo, senza però perdere la giusta dose di eleganza.

I jeans sono di pelle, le tasche aumentano, il blazer viene sostituito dal parka, i colori diventano neutri su una palette molto naturale e spicca il celeste, il blu oltremare, il verde menta, il verde salvia, il beige, il rosa caramella. Gli accessori si fanno pratici, funzionali, come borsoni da viaggio

Un'impronta sportiva, originale, una combinazione tra raffinatezza e funzionalità, un richiamo alla libertà del viaggio interiore e generazionale. Infatti, la sfilata ha visto modelli liberi dalle rigide regole: diverse etnie, diverse età e generi. Un passo avanti in un mondo in cui il genere diventa sovente un modo per creare divisioni.

Salvatore Ferragamo sfila a Firenze a Pitti Uomo 2019

La sfilata ha visto molti ospiti importanti come il designer Peter Savill, Lamar Johson, Josh Lucas, Cole e Dylan Sprouse, Pom Klementieff e molti altri. 

Sicuramente Homecoming resterà nella storia non solo per il debutto di Paul Andrew ma anche per l'iconico sposalizio tra la collezione e Firenze, patria del Rinascimento e degli albori di Salvatore Ferragamo.

Leggi anche

      Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

      SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO