Stai leggendo: Paesaggi spettacolari e mare cristallino: vacanze a Milos, l'isola greca della dea Afrodite

Letto: {{progress}}

Paesaggi spettacolari e mare cristallino: vacanze a Milos, l'isola greca della dea Afrodite

Tra grotte leggendarie, paesaggi surreali e spiagge lunari, Milos è un paradiso naturale per chi ama il mare e vuole trascorrere una vacanza all'insegna della bellezza. Ecco la nostra guida.

Milos, tra rocce sulfuree e un mare cristallino iStock

1 condivisione 0 commenti

Da Mykonos a Santorini passando per Ios, Zante o Creta, le isole greche – specie quelle meno conosciute – hanno un fascino irresistibile. Per questo sono amate in tutto il mondo e prese d'assalto durante la stagione estiva. Tuttavia, se parliamo di bellezza, non possiamo non riferirci a Milos. Questa piccola isola del sud della Grecia – parte dell'arcipelago delle Cicladi – è dedicata infatti ad Afrodite, dea proprio della bellezza oltre che dell'amore. E basta dare uno sguardo ai panorami mozzafiato e ai tramonti ricchi di sfumature, per capire perché Milos sia un'isola davvero degna di una Venere.

Di origine vulcanica, presenta una morfologia geologica straordinaria tra sorgenti calde che danno vita a piscine termali naturali, litorali dall'aspetto lunare e rocce che cambiano colore alla luce del sole, regalando uno spettacolo davvero unico. L'estrema ricchezza di minerali ha fatto si che fin dal 7000 a.C. venissero estratti zolfo, manganese, ossidiana, argento, caolino e, successivamente, furono costruite diverse miniere – di cui alcune ancora attive.

Milos sa incantare i turisti con paesaggi pittoreschi ed estremamente variegati. Ma il suo fascino va molto al di là della bellezza naturalistica ed è intriso di storia e mitologia. Se dal punto di vista mitologico, come abbiamo visto, viene considerata la casa della dea Afrodite, l'isola vanta anche una lunga storia, con testimonianze risalenti ai periodi minoico, ellenistico, romano e bizantino.

Fu proprio qui che, nell'Ottocento - 1820 per la precisione - un abitante del villaggio ritrovò una delle più celebri sculture della storia dell'arte: parliamo della Venere di Milo. La notizia si diffuse in poco tempo, fino ad arrivare all'orecchio di un ufficiale della marina francese che fece subito rapporto all'ambasciatore della Francia per l'impero ottomano, il marchese de Rivière. La statua venne quindi data in dono al re Luigi XVIII ed è attualmente custodita al Louvre di Parigi. Tuttavia sull'isola potrete comunque ammirarne una fedele copia fatta in laboratorio.

State prendendo in considerazione l'idea di trascorrere una vacanza a Milos? Allora ecco tutto quello che non dovete assolutamente perdervi.

Le spiagge più belle

Milos: il tramonto visto da SarakinikoHDiStock

Con oltre 70 spiagge e un mare cristallino che si insinua in ogni più piccolo anfratto, l'isola di Milos è il paradiso naturale per gli amanti delle vacanze di mare. C'è da dire, tuttavia, che a meno che non abbiate a disposizione due mesi di ferie, vedere tutto risulta quasi impossibile. E vista l'estrema varietà di paesaggi è davvero un peccato. Per questo vi consigliamo le spiagge che, a nostro parere, sono davvero imperdibili.

  • Sarakiniko. Con rocce bianche di origine vulcanica, insenature che somigliano a crateri e pinnacoli che svettano dal mare turchese, Sarakiniko è un vero paradiso surreale. Questa spiaggia – che prende il nome dai pirati saraceni – secondo i geologi si sarebbe formata grazie a strati di cenere vulcanica. Trascorrere una giornata qui vi porterà in una dimensione molto distante da quella terrestre: per il contrasto dei suoi colori c'è chi la paragona al Polo Nord e chi, ancora – riferendosi alla forme delle rocce – parla di sbarco sulla Luna.
Rocce bianche di cenere vulcanica e paesaggi lunari: la spiaggia Sarakiniko a MilosHDiStock
  • Firiplaka e Provatas. Fondali bassi, acque tranquille e località facilmente raggiungibili. Le due vicine spiagge di Firiplaka e Provatas sono l'ideale per chi viaggia con bambini al seguito. Inoltre Firiplaka è abbastanza lunga: sarà facile, quindi, trovare un angolino per il vostro asciugamano anche in alta stagione.
  • Kleftiko e Sykia. Anche l'isola di Milos aveva i suoi covi prediletti dai pirati. Nello specifico stiamo parlando di Kleftiko e Sykia, tra i posti più belli dove fare il bagno, raggiungibili, però, unicamente in barca. Qui potrete nuotare in grotte naturali strettissime e fare snorkeling, grazie ai fondali ricchi di pesci. A Kleftiko potrete scorgere i caratteristici faraglioni e l'inequivocabile passaggio dei pirati, grazie alle bitte scolpite nella roccia vicino alle caverne.
Milos e i leggendari faraglioni di KleftikoHDiStock
  • Kastanas. Situata sulla cost nord-orientale di Milos, Kastanas è perfetta per chi ama il relax e i colori. La spiaggia, infatti, sorge lontana dai centri urbani e dalle strade principali e si trova all'interno di una grande cava. Qui potrete ammirare lo spettacolo naturale delle rocce che circondano il mare – che vanno dalle tonalità del rosso a quelle dell'arancio e del viola. Anche la spiaggia – di sabbia grossa – presenta numerosi piccoli ciottoli colorati che le conferiscono un'immagine unica.
  • Tsigrado. Raggiungibile unicamente in barca, è probabilmente la più fotografata di tutta l'isola. Il perché lo si capisce subito: dall'aspetto selvaggio – è raggiungibile soltanto via mare o scendendo impervie scalette a pioli disposte tra le rocce – la spiaggia ha una caratteristica forma a mezzaluna incastonata tra suggestive scogliere e un mare degno dei Caraibi.
  • Fatourena. Situata a nord-est, Fatourena è una piccola gemma per chi ama le spiagge dall'aspetto selvaggio. Il villaggio più vicino, infatti, sorge a ben 2 km di distanza e in prossimità della spiaggia c'è la riserva ornitologica di Rivani. Per questo motivo è molto amata dai naturisti di tutto il mondo.
  • Papafragas. Ancora a nord dell'isola si trova Papafragas, una spiaggia molto piccola e per certi versi scomoda. Tuttavia la particolarità del posto è una scenografica grotta dalla quale è possibile tuffarsi nell'acqua cristallina sottostante.
Rocce da cui tuffarsi e mare cristallino: la spiaggia di Papafragas a MilosHDiStock
  • Paleochori. L'ultima dell'elenco e anche la più grande e mondana. La spiaggia di sabbia e sassi di Paleochori si estende per 1 km ed è molto famosa per via dei suoi ristoranti che propongono diverse prelibatezze e piatti tipici, come l'agnello alla sabbia. 

Che cosa vedere

Famosa per le sue spiagge, l'isola di Milos ha tuttavia ancora tanto da offrire e sotto diversi punti di vista: urbano, storico, geologico.

Le città

Prima di tutto non va persa una visita alle tre cittadine più importanti. Ci riferiamo ad Adamas, Pollonia e Plaka. Adamas è il centro più importante di tutta l'isola, dove si trova anche il porto. Da qui partono tantissime escursioni in barca e potrete acquistare pesce fresco da uno dei tanti pescherecci di ritorno dalla pesca.

Oltre ad essere il posto ideale per soggiornare, visti i comfort che offre. Pollonia, invece, è un tranquillo villaggio di pescatori al nord dell'isola che d'estate si trasforma in un'accogliente ed elegante località turistica. Plaka è la cittadina da cartolina per antonomasia: proprio come i più rinomati paesini della Grecia, verrete stupiti dalle sue caratteristiche casette bianche e da un dedalo di intriganti viuzze che si inerpicano sulla collina.

Milos e il tipico paesino dalle case bianche di PlakaHDiStock

Sulla sua sommità si trovano la fortezza di Kastro – edificata sull'antica acropoli – e la Chiesa di Panaghia Thalassitra che, con il suo tipico campanile di pietra, è la più fotografata di Milos.

Panaghia Thalassitra sorge in cima alla cittadina di PlakaHDiStock

I villaggi dei pescatori

Si tratta di piccoli agglomerati suggestivi - sull'isola ce ne sono diversi - che vanno assolutamente visitati per scoprire le “syrmata”, le tipiche casette colorate un tempo utilizzate per mettere al riparo le barche. Noi vi consigliamo quelli di Klima, Madrakia e Firopotramos.

Le caratteristiche syrmate, case dei pescatori di MilosHDiStock

La miniera di zolfo

Chi ha voglia di scoprire un'antica miniera risalente alla metà dell'800 può recarsi in barca verso la cava di Paliorema. Qui, un tempo, sorgeva una cava di zolfo proprio sulla spiaggia. Chiusa nel 1950, oggi resta purtroppo poco da vedere a causa dell'erosione esercitata dagli agenti atmosferici. Ma potrete ancora ritrovare tracce di binari, vagoni e vecchi macchinari.

Paliorema, l'antica cava di zolfo di MilosHDiStock

Visite storiche

La piccola isola di Milos riserva diverse sorprese anche dal punto di vista storico. La prima è sicuramente la ricostruzione della Venere di Milo, custodita al Museo archeologico di Milos. Chi, invece, è affascinato dagli antichi resti potrà visitare la città minoica di Filakopi, tra i più importanti insediamenti dell'Egeo.

C'è da dire che purtroppo è rimasto poco, ma il sito storico è inserito in uno stupendo contesto naturale. Inoltre sempre sull'isola si trovano le uniche catacombe cristiane dell'intera Grecia, in prossimità del villaggio di Tripiti: tre gallerie sotterranee, situate a centocinquanta metri sul livello del mare, che si inoltrano per circa 100 metri nella montagna attraverso suggestivi loculi scavati nel tufo.

Vita notturna

Sicuramente rispetto alle più movimentate Mykonos o Santorini, Milos non brilla per vita notturna. Si tratta, infatti, di un'isola frequentata da un turismo più maturo e ideale per chi ha voglia di relax e ottime cene tra i caratteristici vicoli di case bianche.

Mangiare a MilosHDiStock

Di sicuro le mete più gettonate sono gli agglomerati più grandi come Adamas, Plaka (con i suoi localini romantici) e Pollonia – pare che qui si trovino i ristoranti più buoni dell'isola. Tuttavia ecco alcune chicche per chi vuole scoprire la cucina locale.

  • Enalion. Situato a Pollonia, propone una cucina squisitamente locale. Si tratta inoltre di uno dei più famosi di tutta l'isola e capirete subito il perché.
  • Sirocco: questo ottimo ristorante si trova a Paleochori, la spiaggia più grande della costa meridionale dell'isola (è lunga 1 km). Qui potrete optare per la “cucina vulcanica”: i cibi vengono cotti grazie alle sorgenti calde presenti sotto la spiaggia!
  • Oh Hamos: sicuramente uno dei più frequentati di Adamas – se non dell'intera isola. Per questo il consiglio è di testarlo a pranzo, magari arrivando un pochino prima dell'apertura, per evitare lunghe code. Cosa lo rende così speciale? Sicuramente la cucina, poi la location.
  • Medusa: dalla cucina all'arredamento – tavoli in legno e sedie colorate – il Medusa colpisce per la sua tipicità: semplice e senza fronzoli. È l'unico ristorante di tutta Mandrakia e non è possibile effettuare prenotazioni. Basterà lasciare il nome all'ingresso ed attendere il vostro turno. Inoltre da qui, al calar del sole, si gode di uno splendido tramonto.

Dove dormire

In generale il consiglio è sicuramente quello di soggiornare presso i principali insediamenti urbani, ovvero Adamas, Pollonia e Plaka, in modo da essere ben collegati e approfittare di tutti i comfort. Plaka è probabilmente la cittadina più suggestiva, ma la più conveniente resta Adamas. Prima di tutto perché è il centro nevralgico dell'isola – con il porto principale dal quale partono aliscafi e barche per escursioni – e poi perché è in una posizione perfetta per muoversi verso il nord e il sud di Milos. Per dormire consigliamo gli Orizontes Studios – a soli 15 minuti dal porto – con appartamenti con vista mare e piscina nella struttura.

Informazioni utili

Quando andarci

Come per ogni meta di mare, ovviamente anche Milos non fa eccezione: il periodo migliore per visitarla è tra primavera inoltrata ed inizio autunno. Questo per godere a pieno del clima mite e della possibilità di fare bagni nelle sue acque cristalline. Tuttavia, sebbene Milos non possa essere considerata come la meta più famosa della Grecia, i turisti stanno pian piano imparando a conoscerla. Per questo l'ideale è di evitare l'altissima stagione e la settimana di ferragosto in primis. È l'unico periodo in cui avete diritto alle ferie?

C'è da dire, per fortuna, che gran parte dell'isola è poco costruita e gli alloggi non sono così tanti. Quindi, anche durante il periodo di estremo pienone, non troverete mai spiagge affollate all'inverosimile.

Milos d'estate, lontani dal turismo di massaHDiStock

Come arrivarci

Purtroppo – o per fortuna – dall'Italia non esistono voli diretti per Milos. Per questo chi intende visitarla dovrà prendere in considerazione soluzioni con scalo. Le alternative sono diverse e sta a voi scegliere per quale optare. Di seguito vi elenchiamo quelle più utilizzate. Non dimenticatevi, tuttavia, che esistono diversi collegamenti anche dalle altre isole Cicladi come Paros, Naxos, Koufonissi, Sifnos e Folegrandos, ideali per chi ha in mente un viaggio a tappe e vuole visitare più isole durante il soggiorno.

  • Volo per Atene + volo interno. Si tratta sicuramente della soluzione più comoda e veloce, perfetta per chi non ama navigare. Ovviamente, costo dei voli permettendo! Il prezzo infatti è sempre un po' più alto di quello degli aliscafi e varia tra i 60€ e i 90€. Per questo l'ideale è prenotare l'aereo con un bel po' di anticipo. Specie perché quelli utilizzati per la tratta hanno una capienza massima di 39 posti e si riempiono molto facilmente.
  • Volo per Atene + nave. Chi punta ad una soluzione via mare e, generalmente, più economica può recarsi al Pireo dove in alta stagione, tra navi ed aliscafi, partono fino a 7 corse al giorno. Sono 4 le compagnie che coprono la tratta: Sea Jets e Aegean Speed Lines – le più veloci – Zante Ferries e ANEK Lines (non viaggia tutti i giorni). Le ore di percorrenza variano all'incirca dalle 3h alle 8h. Per questo vi consigliamo di informarmi in anticipo.
  • Volo per Mykonos + nave. Quando si pensa ad una vacanza in Grecia, un pensiero abbastanza naturale è quello di fare scalo – o tappa – a Mykonos. Tuttavia, nonostante sia una soluzione scelta da molti, ci sentiamo di sconsigliarvela. In aliscafo Milos dista ben 6 ore da Mykonos e anche i prezzi sono piuttosto costosi.
  • Volo per Santorini + nave. Diversamente da Mykonos, Santorini è una scelta molto più conveniente. Si tratta infatti dell'aeroporto più vicino all'isola della Venere e la durata della traversata (in aliscafo) è di appena 2 ore. Ma anche abbastanza costosa, dal momento che esiste un'unica compagnia. Qualora vi preoccupasse il prezzo potreste sempre optare per una nave – più economica dell'aliscafo di circa la metà del prezzo – ma con un tempo di navigazione raddoppiato.
  • Volo per Creta + volo interno. Si tratta di una scelta poco presa in considerazione ma, a nostro avviso, erroneamente. Fare scalo a Creta per qualche giorno vi consentirà di visitare un'altra isola greca davvero imperdibile. E da qui potrete spostarvi con un volo interno della compagnia cretese SkyExpress.

Vota anche tu!

Partiresti quest'estate per Milos?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO