Stai leggendo: Ariana Grande devolve i guadagni di un concerto all'associazione che lotta per i diritti riproduttivi delle donne

Letto: {{progress}}

Ariana Grande devolve i guadagni di un concerto all'associazione che lotta per i diritti riproduttivi delle donne

La pop star ha donato la gran parte dei guadagni dal suo concerto ad Atlanta, in Georgia, a Planned Parenthood, l’organizzazione senza scopo di lucro che sostiene la lotta contro la legislazione anti-abortista dello stato.

Ariana Grande durante un concerto Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Ariana Grande ha devoluto una larga fetta dei proventi di un suo recente concerto ad Atlanta, Georgia, a favore di Planned Parenthood, l’associazione senza scopo di lucro che offre assistenza in materia di salute e diritti riproduttivi e sessuali in diversi paesi, e che negli USA sta lottando contro le sempre più numerose normative antiabortiste.

La presidente di Planned Parenthood, Lena Wen, ha detto: “La generosa donazione di Ariana Grande giunge in un momento critico, in Georgia e nel resto del paese, quando politici con idee contrarie alla salute delle donne stanno cercando di bandire ogni forma di aborto legale e sicuro”.

La donna ha rivelato che Ariana Grande ha donato ben 250mila dollari, e parlando dello stato della legislazione in America ha detto: “Questo non è ciò che la gente in America vuole, né è qualcosa in cui credono. Grazie a espressioni di sostegno ispiratrici come quella di Ariana Grande, Planned Parenthood può continuare a lottare - nei tribunali, al Congresso, negli uffici governativi e nelle strade - contro questi pericolosi attacchi alla salute e alle vite della gente”.

View this post on Instagram

Ten years ago today, Dr. George Tiller — an abortion provider in Wichita, Kansas — was murdered by an anti-abortion zealot. We remember Dr. Tiller’s courageous work as both a doctor and an advocate who stood up to violence for decades. His courage against unbelievable odds will never be forgotten. . Dr. Tiller’s loss is still felt. His murder is a reminder that there is no place in our society for the terrorizing intimidation directed at reproductive health care providers and patients. His compassion and faith in patients to know what’s best for them continues to be an inspiration. . Click the link in our bio to learn more about his life and his work. #DrTiller #DrGeorgeTiller TrustWomen

A post shared by Planned Parenthood (@plannedparenthood) on

La Wen ha poi concluso: “Siamo molto grati ad Ariana per il suo continuo impegno nel sostenere i diritti delle donne e il suo supporto a Planned Parenthood nel difendere l’accesso all’assistenza sanitaria alla salute riproduttiva. Non smetteremo di combattere - costi quel che costi”.

Il mese scorso, il governatore della Georgia Brian Kemp ha promulgato un divieto di aborto oltre la sesta settimana di gravidanza, che entrerà in vigore l’anno prossimo: si tratta del cosiddetto progetto di legge “fetal heartbeat bill” (“la legge sul battito cardiaco fetale”), che proibisce alle madri di abortire dal momento in cui è possibile rilevare il battito cardiaco nell’embrione, cosa che appunto succede in genere tra la quinta e la sesta settimana di gravidanza, ovvero in un periodo in cui molte donne ancora non sanno di essere incinte.

Diverse major di Hollywood, incluse Netflix e Disney, si sono schierate contro questa decisione, e anche tra le star sono molte le voci che protestano: Busy Philipps ha parlato al Congresso, Lady Gaga, Sophie Turner, Selena Gomez, Halsey e Rihanna hanno criticato più volte la decisione, e molti altri fanno eco a queste posizioni con commenti sui social e nelle interviste.

Oltre 300 imprenditori in Georgia hanno pubblicamente denunciato il divieto, e oltre 6mila cittadini dello stato hanno firmato una petizione che vi si oppone. Negli ultimi mesi, anche altri stati americani hanno approvato leggi simili, tra cui Alabama, Kentucky, Louisiana, Ohio, Missouri, Arkansas, Mississippi e Utah.

Cosa pensate del gesto di Ariana Grande?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO