Stai leggendo: Roma celebra l'amore e si tinge d'arcobaleno per il Pride 2019

Letto: {{progress}}

Roma celebra l'amore e si tinge d'arcobaleno per il Pride 2019

La Capitale si riempie di tutti i colori del mondo e celebra il Pride, l'amore e la libertà

5 condivisioni 0 commenti

Un'onda arcobaleno invade le vie della Capitale. In 700mila, secondo gli organizzatori, hanno preso parte al Roma Pride che si è tenuto l'8 giugno. Tra carri coloratissimi, manifesti, musica e slogan: il corteo per i diritti lgbtq si è ritrovato a piazza della Repubblica, per poi sfilare nelle strade del centro romano.

Al grido di "Nostra la storia, nostre le lotte" - frase scritta sullo striscione del circolo Mario Mieli -, quello di sabato è stato il 25esimo Pride romano, dal primo promosso dall'Arcigay nel 1994. Cinquant'anni, invece, sono passati dai moti di Stonewall. E quello di Roma è solo uno degli oltre 40 Pride che quest'anno verranno celebrati in giro per l'Italia.

Roma Pride 2019HDLaura Castellani

Contro l'omofobia e contro le discriminazioni, la risposta della piazza è colore puro. Un inno all'amore e alla libertà. E proprio di libertà si parla in alcuni cartelli: "La mia libertà protegge la tua", scrive qualcuno. "L'omofobia è maschilismo", si legge su un altro manifesto. E ancora: "L'amore sboccia tra persone, non tra sessi". Tra i tanti che hanno riempito la piazza, anche le neospose Imma Battaglia ed Eva Grimaldi hanno preso parte al Pride. In testa del corteo, c'era anche Vladimir Luxuria, poi sul carro insieme ad Asia Argento

Roma Pride contro l'omofobia

Ma oltre alla festa, quella di sabato è stata anche una giornata per rilanciare la lotta all'omofobia. Secondo i dati di Gay Help Line, nell'ultimo anno sono in 20 mila ad aver contattato l'organizzazione da tutta Italia per cercare supporto. Oltre 3200 segnalazioni da parte dei minori, con oltre 400 casi di gravi maltrattamenti familiari segnalati ai danni di giovani tra i 12 e i 25 anni.

Roma Pride 2019HDLaura Castellani

"Il movimento Lgbt è sempre più bersaglio di odio e violenza. I nostri figli e le nostre figlie vengono dichiarati inesistenti e dunque c'è ancora tanto da fare", dichiara Sebastiano Secci, portavoce del Roma Pride. Impegno e rivendicazione d'amore. Come si legge su un manifesto che cita Antigone: "Non sono nata per condividere l'odio, ma l'amore".

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE