Stai leggendo: Fosse/Verdon: la recensione del finale di stagione "Providence"

Letto: {{progress}}

Fosse/Verdon: la recensione del finale di stagione "Providence"

È appena andato in onda il finale di stagione di Fosse/Verdon. Ecco la conclusione della tormentata ed avvincente storia dei due geni di Broadway, il regista e coreografo Bob Fosse e la ballerina Gwen Verdon.

0 condivisioni 0 commenti

Indice: Pagina 1 Fosse/Verdon: la recensione del finale di stagione "Providence"

È con la scritta New York, All That Jazz: Pre-produzione, Settimana 7, 9 anni prima che si apre il finale di stagione di Fosse/Verdon. Bob è insieme a Paddy, si lamenta delle sue condizioni fisiche e di tutto ciò che i medici gli hanno vietato di fare, ma anche Paddy non se la passa bene: ha da poco avuto un infarto. Bob sta per girare All That Jazz, ma non è soddisfatto del finale. Per Paddy il problema della sceneggiatura è che il protagonista non cambia, nessuno dei personaggi lo fa. Insomma, il protagonista dovrebbe avere una trasformazione, ma Bob non è d'accordo: lui non vuole scrivere favolette, ma storie reali.

Secondo Paddy il protagonista della storia di All That Jazz - che è chiaramente ispirato a Bob - è un uomo che non riesce a smettere di drogarsi, che si innamora di una giovane danzatrice, pur essendo ancora incasinato con l'ex moglie. È troppo egoista e per questo continua a fare sesso in giro, fino a che lo stress e il senso di colpa non gli procurano un attacco di cuore. Davanti alla morte, comprende che è sempre stata la moglie la donna giusta e ora sarebbe anche pronto a cambiare per trascorrere il resto della sua vita con lei. Ma è troppo tardi e muore.

Fosse/Verdon 1X8: Bob e PaddyHDFoxLife

Benché Annie l'abbia lasciato, Bob vuole dare a lei il ruolo di Gwen. La sottopone ad un provino, la torchia davanti a tutti facendola piangere:

hai preso la nostra vita e l'hai trasformata in un cazzo di film

si lamenta l'attrice in lacrime, ma la parte è sua.

La figlia Nicole ha deciso di vivere con lui, alternando momenti di tenerezza e complicità - come quello in cui ballano insieme in casa - a disperati tentativi di attirare l'attenzione del padre: beve, prende i farmaci di Bob e si lascia crollare strafatta sul divano, senza riuscire tuttavia a suscitare un po' di compassione da parte del papà, che l'abbandona lì così, per portarsi una ragazza in camera.

Nel frattempo Gwen è stufa di cercare lavoro e di inseguire una carriera che sembra essere ormai sul viale del tramonto. Per questo propone a Ron di lasciare New York e lui, inaspettatamente, accetta.

Precedente Successivo Fosse/Verdon: la recensione del finale di stagione "Providence"
Indice:

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO