Stai leggendo: Beverly Hills 90210: potrebbe essere stata Tori Spelling la causa dell'abbandono degli showrunner

Letto: {{progress}}

Beverly Hills 90210: potrebbe essere stata Tori Spelling la causa dell'abbandono degli showrunner

Secondo alcune voci, sarebbe stata Tori Spelling la causa dell'abbandono di uno showrunner e di due sceneggiatori. L'interprete di Donna Martin non sarebbe stata d'accordo con le scelte narrative del nuovo Beverly Hills 90210.

25 condivisioni 0 commenti

A pochi mesi dall’inizio di un nuovo capitolo per Beverly Hills 90210, continuano le voci sull’abbandono di uno showrunner e di alcuni sceneggiatori, che hanno deciso di chiudere con il progetto. Inizialmente, i media avevano incolpato Shannen Doherty (Brenda Walsh) per la dipartita degli addetti ai lavori, ma adesso alcune fonti vorrebbero Tori Spelling (Donna Martin) come la causa.

Secondo quanto riportato da RadarOnline, pare che alla Spelling non fosse andata a genio la trama stabilita, che avrebbe dovuto mostrare gli attori del teen drama – andato in onda per 10 stagioni, dal 1990 al 2000 - alle prese con la loro vita reale e il revival dello show. Tori avrebbe voluto essere ritratta più come il personaggio originale di Donna Martin.

Tori non voleva interpretare la sua vera vita.

Avrebbe dichiarato una fonte. Per la serie, la Spelling aveva in mente di interpretare il suo personaggio come una donna forte, glamour e ricca che vive in una villa di Beverly Hills. Rifiutandosi di scendere a compromessi, gli sceneggiatori non hanno potuto fare altro che lasciare tutto: lo showrunner Patrick Sean Smith e due sceneggiatori sono stati adesso sostituiti da Paul Sciarrotta, oltre ai creatori Chris Alberghini e Mike Chessler.

La sceneggiatura pare sia stata riscritta e che abbia preso le direzioni date da Tori e dagli altri membri del cast. La Doherty, ingiustamente accusata, ha postato il suo pensiero sul proprio profilo Instagram:

Essere parte della storia della TV è un onore, ma spesso ci sono anche delle forti reazioni. Ci sono state così tante voci messe in giro su questo show e su di me. Uno dei motivi per cui ho esitato a dire di sì era per questa m***a. L’unica cosa per cui sono una maniaca del controllo è la mia salute. Sto cercando di restare in salute e positiva. Ho capito stamattina che ho paura di fare ciò che amo a causa di titoli come questo. Non solo perché non c’è nulla di vero, ma perché sminuisce me e il mio viaggio, la battaglia, l’esperienza con il cancro. Perché dovrei avere paura di lavorare? E perché le persone non sono ritenute responsabili delle loro storie inventate? Mi rifiuto di essere gettata nello stesso ruolo della cattiva, perché i "giornalisti" mancano di immaginazione e io certamente mi rifiuto di essere svalutata come sopravvissuta e donna da loro. Sì, sono una donna forte. Sono stata all'inferno e sono tornata. Sono compassionevole e premurosa. Sono sfaccettata e non qualcuno da incastrare. Sono una donna con la mia storia. Per favore, smettetela di provare a raccontare la vostra storia esagerata e selvaggia su di me. Ve lo giuro… non mi conoscete.

View this post on Instagram

Being a part of tv history is an honor but it also comes with some massive backlash. There has been many stories floating around about this show and me. One of the reasons I hesitated to say yes was for this crap. The only thing I’m a control freak over is my health. Trying to stay healthy and positive. I realized this morning, that I have a fear of doing what I love because of headlines like this. Not only because there is zero truth to it but because it lessens me and my journey, battle, experience with cancer. Why should I be scared to work? And why aren’t people held accountable for their fabricated stories? I refuse to be cast in the same villain role because “journalists” lack imagination and I certainly refuse to be cheapened as a survivor and as a woman by them. Yes, i am a strong woman. I have been thru hell and back. I am compassionate and caring. I’m multi faceted and not someone to be pigeon holed. I am a woman with my own story. Please stop trying to tell your wildly inaccurate, exaggerated story of me. I promise... you don’t know me.

A post shared by ShannenDoherty (@theshando) on

Al reboot di Beverly Hills 90210, prenderà parte l’intero cast originale: Jason Priestley (Brandon Walsh), Shannen Doherty (Brenda Walsh), Jennie Garth (Kelly Taylor), Brian Austin Green (David Silver), Ian Ziering (Steve Sanders), Gabrielle Carteris (Andrea Zuckerman) e Tori Spelling (Donna Martin). Unico assente: Luke Perry (Dylan McKay), morto a causa di un ictus lo scorso marzo.

BH90210 – così è stato chiamato – sarà una ripresa del franchise che riporterà sul piccolo schermo gli attori delle serie, chiamati a riunirsi per parlare del reboot di Beverly Hills 90210.

Al momento, la serie è in lavorazione a Vancouver, in Canada. Prodotta da CBS Television Studios e Fox Entertainment, andrà in onda – con il primo dei sei episodi della sua prima stagione - su Fox USA, il prossimo 7 agosto.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE