Stai leggendo: Fosse/Verdon: la recensione del settimo episodio Nowadays

Letto: {{progress}}

Fosse/Verdon: la recensione del settimo episodio Nowadays

Bob è uscito dall'ospedale, ma la preparazione di Chicago si rivela più complicata del previsto. Inoltre, Gwen stenta a stare dietro al cast, accusando una certa fatica fisica. Riuscirà a dimostrare di essere la stella di un tempo?

0 condivisioni 0 commenti

Indice: Pagina 1 Fosse/Verdon: la recensione del settimo episodio Nowadays

Gwen Verdon 1960, 2 anni prima del primo tentativo di ottenere i diritti di Chicago. Inizia con un flashback di parecchi anni prima, il settimo episodio di Fosse/Verdon. Bob e Gwen stanno litigando furiosamente e Gwen scaglia contro il coreografo una sfilza di oggetti.

Al centro della sfuriata, un tradimento che Bob ha consumato con una ballerina di fila dello spettacolo di Gwen. Lui cerca disperatamente di discolparsi, le promette che non accadrà mai più. Poi le si avvicina, sussurandole di essere pazzo di lei e di volerla sposare per poi avere un figlio.

Senza di te non vivo, ho bisogno di te, voglio costruire una famiglia. Vuoi sposarmi?

 Gwen piange sommessamente, ma sembra felice. È evidente che è esattamente ciò che vuole anche lei.

Precedente Successivo Fosse/Verdon: la recensione del settimo episodio Nowadays
Indice:

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE