Stai leggendo: Rocketman, Elton John: ‘Nel film sulla mia vita ho preteso la verità sui miei eccessi'

Letto: {{progress}}

Rocketman, Elton John: ‘Nel film sulla mia vita ho preteso la verità sui miei eccessi'

Elton John ha rivelato che la produzione di Rocketman, il biopic che racconta la sua vita e la sua carriera, avevano chiesto di ridurre la quantità di sesso e droga, ma Sir Elton si è rifiutato: 'Non ho vissuto una vita morigerata'.

 Elton John Getty Images

2 condivisioni 0 commenti

Dopo aver trionfato a Cannes, il biopic su Elton John, Rocketman, interpretato dal gallese Taron Egerton, sta per arrivare nei cinema, e l’icona della musica ha rivelato in un pezzo scritto da lui stesso per The Guardian che il film avrebbe potuto essere molto diverso e più morigerato.

Elton John ha raccontato così il lungo percorso che ha portato alla creazione del film ispirato alla sua vita, dicendo: “Tutta l’esperienza del guardare qualcuno che finge di essere te sullo schermo, vedere cose che ricordi riprendere vita di fronte ai tuoi occhi, è qualcosa di molto strano e sconcertante, come fare un sogno incredibilmente vivido”.

Il protagonista di Rocketman è la star di Kingsman, Taron Egerton, che proprio grazie al seguito, Il cerchio d’oro e ora con il biopic, è diventato un amico di John - e questi non ha mai nascosto di trovare affascinante il giovane interprete.

Elton John ha detto che portare sullo schermo la sua vita è stato un processo lungo e difficile: “E la storia di come sono finito al cinema, piangendo tutte le mie lacrime alla vista della mia famiglia 60 anni fa, è una storia lunga e contorta”. Per tutto il tempo, però, il musicista ha insistito perché nulla venisse edulcorato: “Alcuni studios volevano ridurre il sesso e le droghe per poter far vedere il film anche ai più giovani”.

Ma io non ho vissuto una vita adatta ai minori di 13 anni.

E ha spiegato: “Non volevo un film pieno di droghe e sesso, ma al contempo, tutti sanno che sono stati due fattori importanti per me negli anni ‘70 e ‘80, quindi non c’era motivo di fare un film in cui si vede che dopo ogni concerto me ne tornavo tranquillo alla mia stanza d’hotel con un bicchiere di latte caldo e la Bibbie dei Gedeoni a farmi compagnia”.

Sir Elton non ha avuto problemi a rivedere i momenti intimi ed esagerati della sua vita passata sullo schermo: “È strano, non è stato doloroso vedere quelle parti del film. Sono veritiere e, a differenza della mia infanzia, erano tutte colpa mia. Nessuno mi ha costretto a fare uso di droghe e bere. In effetti, molte persone hanno cercato di avvisarmi che ero fuori controllo. C’è voluto uno sforzo piuttosto erculeo per farmi notare per aver fatto troppo uso di cocaina nell’industria della musica degli anni ‘70 a Los Angeles, ma ero evidentemente uno pronto a fare gli straordinari”.

Rocketman arriva in sala il 29 maggio.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE