Stai leggendo: Qual è il vero desiderio del Genio di Aladdin? Risponde Will Smith

Letto: {{progress}}

Qual è il vero desiderio del Genio di Aladdin? Risponde Will Smith

Cosa significa essere il Genio della Lampada per chi ha prestato corpo e voce nella versione live action del film Disney? Lo abbiamo chiesto a Will Smith, e la sua risposta è stata...geniale!

3 condivisioni 0 commenti

E' arrivato al cinema distribuito da Walt Disney Pictures Italia la versione live action del grande classico d'animazione, Aladdin.  Nella nuova versione a prestare il corpo e la voce, e soprattutto l’attitude è Will Smith, che si tinge di blu diventando il migliore amico del protagonista, Aladdin.

La sfida era enorme. Il Genio della Lampada è uno dei personaggi più carismatici dell'universo dei Classici Disney, con una personalità sfaccettata e soprattutto un'energia da far invidia ai più grandi Showmen del mondo dello spettacolo.  Abbiamo incontrato Will Smith sul red carpet dell’anteprima europea del film, a Londra. Sul tappeto (blu!) ci ha raccontato cosa significa per lui essere un Genio, anche nella vita reale:

Al Genio chiederei solo una cosa, Vorrei capire, comprendere, in particolare quello che accade nel mondo, il Genio poi è definizione d'amore, perché aiuti qualcuno a essere e evolversi nella migliore versione di sé stessi. Aiutare gli altri, e comprenderli, è la cosa migliore che tu possa fare al mondo. In questo mi sento connesso con il Genio.

Geniale e spassoso Will Smith convince in un ruolo difficile, dato che nella versione animata la voce al Genio della Lampada era stata data da Robin Williams, un ruolo per cui verrà sempre ricordato.  Come ogni adattamento di un classico il rischio di deludere gli appassionati è sempre alto, ma Guy Ritchie, il regista del film, è risucito a mantenere le promesse e le speranze dei fan non verranno deluse.

Merito anche di aver reso Jasmine un personaggio ancora più determinato e caparbio, decisa a non voler solo veder il mondo ma di diventare una Sultana per il suo popolo. 
Il suo grido di battaglia è racchiuso nel nuovo e inedito brano di Alan Menken, il compositore premio Oscar già autore della colonna sonora origianale, Speechless, un inno al non voler rimanere in silenzio, che tutte le donne e i fan accoglieranno e impareranno ad amare.

Il film, in sala dal 22 maggio, sta riscuotendo un gran successo di pubblico dopo aver convinto anche la critica. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE