Stai leggendo: Caso Weinstein: il produttore raggiunge un accordo per 44 milioni di dollari nel processo per molestie

Letto: {{progress}}

Caso Weinstein: il produttore raggiunge un accordo per 44 milioni di dollari nel processo per molestie

Dopo lunghe mediazioni, i legali di Harvey Weinstein propongono un accordo da 44 milioni di dollari destinati alle vittime e ai creditori del produttore, per definire le cause per molestie sessuali avviate nel 2017.

2 condivisioni 0 commenti

Harvey Weinstein sta cercando di risolvere la spinosa battaglia legale per le accuse di molestie sessuali con un accordo da svariati milioni di dollari.

Il Wall Street Journal ha infatti riportato che il produttore cinematografico e i membri del consiglio di amministrazione del suo ex-studio avrebbero raggiunto un accordo preliminare da $44 milioni. Il giornale menziona come fonti “due persone che sono state ragguagliate sul caso”, secondo le quali i termini dell’accordo prevedono che 30 milioni vadano a un gruppo di querelanti che include le vittime di Weinstein, i creditori del suo ex-studio e alcuni ex-impiegati coinvolti in oltre 15 diverse azioni legali.

Il resto dei soldi servirebbe a pagare le spese legali per gli associati di Weinstein, compresi i membri del consiglio convenuti in giudizio. Se questo accordo venisse concluso, i 44 milioni di dollari sarebbero sborsati dalle polizze di assicurazione, previa l’approvazione di consulenti dei procedimenti di bancarotta dell’ormai estinta Weinstein Company.

Il New York Times aggiunge: “Gli avvocati delle donne che hanno asserito di essere vittime di Mr. Weinstein sono stati coinvolti in mediazioni fin dall’anno scorso con rappresentati dell’ex produttore cinematografico”, e pare che avessero partecipato alle negoziazioni anche i legali dei membri del CDA dello studio, che avevano fatto causa a Weinstein e al fratello e collega d’affari Bob Weinstein per violazione di leggi sulla discriminazione, molestie sessuali, aggressione sessuale e coercizione.

Intanto, il 67enne Harvey Weinstein continua ad essere coinvolto in vicende legali per l’accusa da parte di una donna che avrebbe violentato nella stanza di un hotel di Manhattan nel 2013, e per aver costretto un’altra donna a fare sesso orale nel 2006. Rispetto tali accuse, Weinstein si è dichiarato non colpevole, dicendo che in entrambi i casi si era trattato di incontri consensuali.

Cosa pensate della decisione di definire le cause legali con un accordo del genere?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO