Stai leggendo: Fosse/Verdon: la recensione del 6° episodio All I Care About Is Love

Letto: {{progress}}

Fosse/Verdon: la recensione del 6° episodio All I Care About Is Love

Bob è alle prese con il montaggio del suo film e con le prove di Chicago. Tutta questa pressione potrebbe mettere seriamente a repentaglio la sua salute. Quello che tutti si aspettano, non tarda ad arrivare.

0 condivisioni 0 commenti

Indice: Pagina 1 Fosse/Verdon: la recensione del 6° episodio All I Care About Is Love

New York, 17 mesi dopo l'ultimo premio di Bob Fosse: è con questa didascalia che si apre il nuovo episodio di Fosse/Verdon. Bob sta lavorando al montaggio di Lenny. Avrebbe dovuto finire mesi fa, ma questa pellicola si sta rivelando un vero incubo, a causa del quale Bob rischia di rifinire nel baratro.

È stressato, pieno di tic e dipendente dagli psicofarmaci e sembra non avere il controllo di ciò che sta facendo. A peggiorare la situazione, l'arrivo di Gwen, che approda in moviola per discutere a proposito della locandina di Chicago.

Il telefono squilla imperterrito, Gwen lo sollecita, Bob è saturo, sta per scoppiare a causa della pressione di tutti, dei produttori e della sua fidanzata con la quale non riesce a fare l'amore (cosa che non gli viene invece difficile con l'assistente al montaggio). 

Precedente Successivo Fosse/Verdon: la recensione del 6° episodio All I Care About Is Love
Indice:

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO