Stai leggendo: USA, leggi anti-aborto: Hollywood interrompe le produzioni in Georgia per protesta

Letto: {{progress}}

USA, leggi anti-aborto: Hollywood interrompe le produzioni in Georgia per protesta

Una serie Amazon, una commedia con Kristen Wiig e molti altri progetti in procinto di iniziare le riprese in Georgia hanno abbandonato l'idea in segno di protesta contro le leggi anti aborto approvate da poco nello stato americano.

9 condivisioni 0 commenti

Continuano ad aumentare le compagnie di produzione di serie TV e film che rimuovono i propri affari dallo stato della Georgia per via delle leggi anti-abortiste che sono state approvate di recente. Ora al novero si aggiunge anche la produzione della nuova commedia con Kristen Wiig (Le amiche della sposa).

La regista vincitrice di Emmy, Reed Morano, aveva detto che non avrebbe più girato in quello stato il suo show Amazon, The Power, proprio per la decisione del governatore di approvare il divieto di aborto oltre le sei settimane di gravidanza: “Non abbiamo avuto alcun problema nell’interrompere l’intero processo all’istante. In alcun modo avremmo portato i nostri soldi a quello stato girando lì”.

Il governatore Brian Kemp, infatti, aveva firmato il progetto di legge “fetal heartbeat bill” (“la legge sul battito cardiaco fetale”), che proibisce alle madri di abortire dal momento in cui è possibile rilevare il battito cardiaco nell’embrione, cosa che in genere succede tra la quinta e la sesta settimana di gravidanza, ovvero in un periodo in cui molte donne ancora non sanno di essere incinte.

Pare che gli addetti ai sopralluoghi per le location della serie stavano cercando località in Georgia quando la Morano ha preso la decisione, su cui Amazon non ha ancora offerto commenti ufficiali. Oltre a questo show, anche il prossimo film che ha per protagonista Kristen Wiig, la commedia prodotta da Lionsgate e intitolata Barb and Star Go to Vista del Mar, ha deciso di abbandonare il progetto di girare in Georgia. A rivelarlo è stato un portavoce dell’attrice, e la scelta ha suscitato l'approvazione di tanti, incluse star come Jessica Chastain.

Ancora, qualche settimana fa Christine Vachon aveva annunciato che la sua compagnia, la Killer Films (che ha realizzato il film vincitore di Oscar Still Alice e Carol), non avrebbe più effettuato riprese in Georgia. Alla lista si aggiungono David Simon, che ha dichiarato che la sua Blown Deadline Production non considererà più quello stati per i set delle riprese, e Neal Dodson della CounterNarrative Films.

Quanto a Jordan Peele (Get Out, Noi) e J.J. Abrams, questi hanno scelto una via diversa: invece di portar via la produzione del loro progetto per HBO, Lovecraft Country, hanno deciso di donare soldi alle organizzazioni locali che lottano contro questa legge, e hanno giustificato questa decisione dicendo che così non sarebbe stato licenziato nessuno.

Cosa pensate di queste scelte di Hollywood?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO