Stai leggendo: Addio Grumpy Cat, chi era la gatta col broncio più social del mondo

Letto: {{progress}}

Addio Grumpy Cat, chi era la gatta col broncio più social del mondo

Addio a Grumpy Cat, scomparsa a causa di complicazioni legate a un'infezione. Scopriamo chi era la gatta più imbronciata del web, come è nata la sua fama e quali sono state le sue collaborazioni più famose.

La regina dei cat meme è mancata a 7 anni Getty Images

5 condivisioni 0 commenti

Ci ha lasciati improvvisamente scomparsa Grumpy Cat a causa di complicazioni legate a un'infezione alle vie urinarie. Il triste annuncio ("Èmorta in pace tra le mie braccia”) è stato dato sui social dalla sua padrona Tabatha Bundensen e dalla famiglia con cui la gatta più famosa del web viveva in Arizona.

E proprio online la gatta arrabbiata (ebbene sì, molti non lo sanno ma era una femmina) si era fatta conoscere ed era diventata celebre in tutto il mondo.

Questo l’annuncio fatto dalla sua famiglia sui profili social:

Abbiamo il cuore spezzato in modo inimmaginabile nell’annunciare la perdita della nostra amata Grumpy Cat. Oltre a essere la nostra bambina e un’amata componente della famiglia, Grumpy Cat ha aiutato milioni di persone a sorridere in tutto il mondo, anche in tempi difficili. Il suo spirito continuerà a vivere attraverso i suoi fan.

Così a soli 7 anni (li aveva compiuti lo scorso 4 aprile) la gatta ha lasciato da soli anche milioni di follower: 1,5 milioni su Twitter, quasi 8 e mezzo su Facebook e 2 e mezzo su Instagram.  

View this post on Instagram

Some days are grumpier than others...

A post shared by Grumpy Cat (@realgrumpycat) on

L’espressione imbronciata di Tardar Sauce (Salsa Tartara, questo era il suo vero nome) era dovuta a una forma di nanismo felino.

È stata proprio questa particolarità a renderla una star del web quando nel 2012 il fratello della Bundensen pubblicò su Reddit una sua immagine da cucciola. 

Da quel momento il suo divertente musetto arrabbiato è diventato la base di moltissimi meme virali e anche l’immagine rappresentativa di alcuni brand che l’hanno scelta come simbolo dei loro marchi (per esempio Friskies e i cereali Cheerios). 

Grumpy Cat è scomparsa a metà maggioHDGetty Images

Un brand vero e proprio (aveva anche un manager, il famoso Ben Lashes) che chiude la sua storia con un tristissimo “Ci sono giorni che sono più brontoloni di altri”, messaggio che ha accompagnato la notizia della morte.

Era solo una cameriera la 22enne Tabatha quando ha adottato la cucciola imbronciata, ma in poco tempo la fama di Grumpy Cat è cresciuta a dismisura fino a diventare un lavoro redditizio per la famiglia.

Una gatta dolce e affettuosa con il muso arrabbiato, come non innamorarsene! 

Negli anni sono state tantissime le star con cui Grumpy Cat ha posato (o viceversa?), tra queste ricordiamo Stan Lee e Jennifer Lopez.

Ma sono state molte anche le copertine guadagnate dalla gatta, come quelle su The Wall Street Journal e su New York, e ricordiamo che a sua immagine è stata anche creata una statua di cera esposta al museo Madame Tussauds a San Francisco, in California.

Grumpy Cat è diventata anche una statua di ceraHDGetty Images

Grumpy Cat ha ispirato un fumetto, un videogioco, un film, moltissimi calendari, una linea di merchandising e un libro e nel 2018 è stata anche al centro di una causa tra Tabatha Bundesen e il marchio di caffé americano Grenade che aveva messo in commercio senza essere autorizzato il Grumppuccino ("grumpy" e "cappuccino”).

In questa circostanza la padrona vinse portandosi a casa 710mila dollari.

Il patrimonio della gatta oggi probabilmente ammonta a circa 100 milioni di dollari che Tardar Sauce lascia alla sua amata famiglia.

Ciao Grumpy Cat!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO