Stai leggendo: Anche l’inglese Sophie Turner di Game of Thrones è indignata dall’ondata di leggi contro l’aborto in USA

Letto: {{progress}}

Anche l’inglese Sophie Turner di Game of Thrones è indignata dall’ondata di leggi contro l’aborto in USA

L’interprete di Sansa Stark nel fantasy drama HBO su Instagram si è schierata contro le leggi e i politici antiabortisti.

L'attrice Sophie Turner Getty Images

3 condivisioni 0 commenti

Mentre molte sue colleghe, tra cui Busy Philipps in prima linea, hanno dato il via a una campagna social sotto l’hashtag di #YouKnowMe contro le leggi anti abortiste che sono state ultimamente approvate in USA, anche Sophie Turner, l’attrice che interpreta Sansa Stark in game of Thrones, ha deciso di esprimere il suo sdegno nei confronti di questi assurdi provvedimenti.

Nell’ultimo periodo, in molti stati del nuovo continente - tra cui spiccano Alabama e Georgia - sono state infatti introdotte misure fortemente restrittive in merito al diritto all’aborto che in alcuni casi, come proprio quello dell’Alabama, è ormai vietato anche se la gravidanza è conseguente a uno stupro - o a un incesto - e consentito alle donne solo in caso di reale rischio di vita della madre.

View this post on Instagram

Shame on you. OUR BODIES OUR CHOICE.

A post shared by Sophie Turner (@sophiet) on

Sophie Turner in particolare ha pubblicato sul suo profilo Instagram un collage di frasi pro-life (e anti donna!) dette da rappresentanti repubblicani che addirittura sminuiscono le violenze sessuali, come nel caso del texano Clayton Williams che ha pubblicamente asserito:

Lo stupro è come il tempo, se è inevitabile, rilassati e goditelo.

Come l'offensiva esternazione di Richard Mourdock dell'Indiana che sostiene:

Quando una vita ha inizio in un frangente orribile come uno stupro, è qualcosa che per volere di Dio deve accadere.

O come il folle consiglio non richiesto di Rick Santorum, ex Senatore della Pennsylvania:

Le vittime di stupro dovrebbero guardare al lato positivo di un'orrenda situazione.

La Turner ovviamente ha aspramente attaccato ogni singola parola proferita da queste persone con un tuonante “vergognatevi!” sottolineando una cosa ovvia ma che, a quanto pare, viene ancora una volta messa in discussione:

È il nostro corpo, è una nostra scelta.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.