Stai leggendo: Fosse/Verdon: la recensione del quinto episodio Where Am I Going

Letto: {{progress}}

Fosse/Verdon: la recensione del quinto episodio Where Am I Going

Bob ha davvero toccato il fondo, ma all'indomani dell'uscita dall'ospedale psichiatrico, è deciso a tornare a lavorare. Questa scelta però potrebbe riportarlo direttamente all'inferno. Riusciranno le persone a lui care a dissuaderlo?

1 condivisione 0 commenti

Indice: Pagina 1 Fosse/Verdon: la recensione del quinto episodio Where Am I Going

Una serie di volti devastati dalla malattia psichica, tra cui quello di Bob. Si apre così - con la scritta Clinica Psichiatrica Payne Whitney - il quinto episodio di Fosse/Verdon.

Gwen e la figlia Nicole trovano il regista in ospedale, in uno stato catatonico: Bob non reagisce neanche alla vista della ragazzina, turbata nello scoprirlo in quelle condizioni.

Ma Gwen non ha alcuna intenzione di lasciare che quest'impasse influisca sulla carriera del marito e sull'obiettivo che si è prefissata da tempo: rimettersi a lavorare con lui, portando finalmente in scena Chicago. Perché adesso, oltre alla salute di Bob Fosse, c'è qualcos'altro che le preme: tornare a Broadway.

Riuscirà in quest'impresa? 

Precedente Successivo Fosse/Verdon: la recensione del quinto episodio Where Am I Going
Indice:

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO