Stai leggendo: Jessica Chastain contro Game of Thrones: ‘Lo stupro non è un espediente per rendere forte una donna’

Letto: {{progress}}

Jessica Chastain contro Game of Thrones: ‘Lo stupro non è un espediente per rendere forte una donna’

Jessica Chastain e Ava DuVernay hanno lamentato alcuni profili dell'episodio intitolato L'ultimo degli Stark; ovvero il modo in cui viene discussa la violenza sessuale e il trattamento dei personaggi di colore.

0 condivisioni 0 commenti

Il quarto episodio dell’ultima stagione di Game of Thrones, L’ultimo degli Stark, ha sollevato qualche critica per diversi motivi, non ultimi il modo in cui presenta una questione delicata come la violenza sessuale e il trattamento dei personaggi di colore.

Attenzione! Possibili spoiler!

A sottolineare il primo profilo è stata, tra gli altri, una star di Hollywood: l’attrice Jessica Chastain, che ha puntato il dito contro una scena in cui Sansa (Sophie Turner) riflette sul suo percorso in un colloquio con il Mastino (Rory McCann). Quando questi, che era stato un suo protettore nella prima stagione, commenta che se la ragazza fosse rimasta con lui sarebbe stata al sicuro, invece di venir “spezzata” da Ditocorto (Aidan Gillen) e Ramsay Bolton (Iwan Rheon), la giovane risponde in modo freddo: “Senza Ditocorto e Ramsey e tutto il resto, sarei rimasta un uccellino per tutta la vita”.

Ramsay Bolton aveva infatti costretto Sansa a subire ripetute violenze sessuali durante il loro matrimonio, che era stato organizzato da Ditocorto, quindi la battuta della protagonista sembra implicare che anni di tortura e abuso sono stati fattori che l’hanno resa più forte. Jessica Chastain ha detto:

Lo stupro non è un espediente per rendere più forte un personaggio.

E ha proseguito: “Una donna non ha bisogno di essere vittimizzata per diventare una farfalla. Quell’#uccellino era da sempre una Fenice. La sua forza predominante la deve solo a se stessa”. L’attrice ha fatto riferimento al film X-Men: Dark Phoenix, in cui recita al fianco della Turner.

Attenzione! Possibili spoiler!

Anche Ava DuVernay, invece, ha voluto sottolineare che l’unica donna di colore della serie TV, Missandei (Nathalie Emmanuel), è stata uccisa alla fine dell’episodio per ordine di Cersei (Lena Headey), che ha strumentalizzato la morte per punire la sua nemica, Daenerys Targaryen (Emilia Clarke), che aveva rifiutato di arrendersi. La regista ha usato una gif per esprimere il suo disappunto, scrivendo anche:

Quindi… La sola e unica sorella in tutta la serie epica, lunga anni? Volete davvero farlo? Okay.

Cosa pensate delle opinioni di queste star?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO