Stai leggendo: Da Topolino a Stitch: storia e curiosità dei personaggi Disney più famosi

Letto: {{progress}}

Da Topolino a Stitch: storia e curiosità dei personaggi Disney più famosi

Da Topolino a Stitch, passando per principesse e principi: ecco i personaggi più amati del mondo Disney, tra storia e curiosità.

Topolino, Paperino, Pippo e Minni Getty Images

2 condivisioni 0 commenti

Dalla nascita di Topolino, oltre 90 anni fa, il mondo dell’animazione deve al genio di Walt Disney e di tanti suoi storici collaboratori la creazione di personaggi diventati non solo icone della cultura popolare in tutto il mondo, ma anche figure amatissime da tutti noi, che con le facce di Paperino o Pippo, ma anche delle principesse o degli eroi delle favole siamo cresciuti.

Chi di noi non ha un personaggio favorito, un film che ama rivedere di tanto in tanto, o una canzone di cui ricorda ancora il testo tra le tante meraviglie che ci hanno regalato gli studios di Walt Disney in questi decenni? Ecco allora una lista dei personaggi più famosi tra quelli originali e classici Disney, quelli tratti dalle favole e dai miti della letteratura mondiale e quelli dalle sembianze animali.

Le mascotte originali

Topolino

  • Data di nascita: 1928
  • Creatori: Walt Disney e Ub Iwerks
  • Dove è apparso: Steamboat Willie (1928, corto), Fantasia (1940), The Simple Things (1953, corto), Canto di Natale di Topolino (1983)

Mickey Mouse, il personaggio più famoso del mondo Disney, è nato per rimpiazzare un altro personaggio, Oswald the Lucky Rabbit (Oswald, il coniglio fortunato), che Walt Disney aveva creato nel 1927, quando la sua Disney Brothers Studio era parte di Universal Studios. Nel 1928, infatti, Universal si era accaparrata tutti i diritti sul personaggio, e offrì a Walt Disney di rimanere come disegnatore ma con un salario più basso. Il futuro re dei cartoni animati rifiutò e insieme al suo primo e più fedele collaboratore, Ub Iwerks, si mise a modificare Oswald fino a creare la prima versione di Mickey Mouse, che per brevissimo tempo si chiamò Mortimer.

Dopo due cortometraggi poco apprezzati, arrivò Steamboat Willie, il primo con musica e effetti sonori sincronizzati, che debuttà a New York il 18 novembre 1928, seguito subito da altri cortometraggi. Entro la fine dell’anno l’onesto e morigerato Topolino era un’icona, e presto Walt Disney capì il suo potenziale, rendendolo il marchio distintivo di una nuova linea di merchandising e creando il Mickey Mouse Club per bambini.

Il primo makeover è arrivato con Fred Moore nel 1935; entro il 1937, Disney Studios produceva circa 12 cortometraggi all’anno, e Walt Disney era il doppiatore del personaggio. Entro gli anni ‘50, Mickey Mouse aveva generato un parco divertimenti, una striscia di fumetti sui giornali, e il programma TV Mickey Mouse Club che nei decenni avrebbe lanciato la carriera di tante star, da Annette Funicello a Justin Timberlake e Ryan Gosling.

Paperino

  • Data di nascita: 1934
  • Creatori: Walt Disney, Ub Iwerks
  • Dove è apparso: Orphan’s Benefit (1934, corto), The Band Concert (1935, corto), Saludos Amigos (1942), I tre caballeros (1944).

Noi lo conosciamo come Paolino Paperino, ma l’irascibile papero è nato col nome Donald Fauntleroy Duck, il cui esordio risale al 1934, quando Walt Disney e Ub Iwerks decisero di arricchire la propria galleria di personaggi, introducendo proprio Paperino nei fumetti della Sinfonia allegra (Silly Symphonies) e poi nel cortometraggio La gallinella saggia (The Wise Little Hen, da noi poi arrivato col titolo I due fannulloni).

Walt Disney voleva un personaggio che fosse più “negativo” di Topolino, e così nacque il papero che tutti amiamo, un antieroe perennemente sfortunato e spesso - comprensibilmente - arrabbiato, che per anni è stato doppiato da Clarence Nash (dal 1934 al 1983) e poi Tony Anselmo. Donald Duck pare essere l’unico personaggio con un secondo nome, rivelato per la prima volta nel 1942.

Paperino è subito diventato una presenza fissa nelle avventure di Topolino per poi diventare presto protagonista di fumetti e cortometraggi tutti suoi, con gli anni affiancato da una famiglia di paperi sempre più folta, tra cui la fidanzata Paperina, l’avaro Zio Paperone e i nipoti Qui, Quo e Qua. Il look con cui lo conosciamo oggi è frutto di Al Taliaferro prima e Carl Barks poi.

Zio Paperone

  • Data di nascita: 1947
  • Creatori: Carl Barks
  • Dove è apparso: Zio Paperone alla ricerca della lampada perduta (1990), Topolino e la magia del Natale (1999)

Al secolo Paperon de’ Paperoni (Scrooge McDuck) è lo zio ricchissimo e terribilmente tirchio di Paperino. Scrooge (il cui nome deriva da quello di Ebenezer Scrooge in Canto di Natale di Charles Dickens), è apparso per la prima volta nel fumetto #178 della serie Four Color Comics, nella storia Christmas on bear Mountain, nel dicembre 1947.

È il papero più ricco del mondo, traguardo che ha raggiunto per essere molto intelligente, onesto e soprattutto estremamente spilorcio. L’ispirazione per la caratterizzazione del personaggio viene da figure come i miliardari John D. Rockefeller e Andrew Carnegie (questi in particolare emigrato dalla Scozia, proprio come Paperone).

Pippo

  • Data di nascita: 1932
  • Creatori: Art Babbit, Frank Webb
  • Dove è apparso: Mickey’s Revue (1932, corto), In viaggio con Pippo (1995)

Pippo (Goofy) è il migliore amico di Topolino: ingenuo, distratto (in inglese “goofy” significa “goffo”) e svitato, ha l’aria perennemente assonnata ed è totalmente adorabile. La sua prima apparizione risale al 1932 nel cortometraggio Mickey’s Revue, quando ancora però si chiamava Dippi Dawg (Cane matto) ed era più burlone e dispettoso.

Dopo essere scomparso dai fumetti per un po’, Pippo torna nella storia Topolino poliziotto e Pippo suo aiutante (1933), dove è già il co-protagonista che da quel momento in poi rimarrà sempre al fianco di Mickey, anche se non mancheranno occasioni di avere storie tutte per sé - come in Pippo a Hollywood (1951).

Minni

  • Data di nascita: 1928
  • Creatori: Walt Disney, Ub Iwerks
  • Dove è apparsa: Plane Crazy (1928, corto), Topolino, Paperino, Pippo: I tre moschettieri (2004)

La compagna di Topolino (Minnie Mouse in originale) ha debuttato con lui nel 1928, nel corto Plane Crazy (primo disegno animato di Mickey Mouse) in cui l’eroe costruisce una specie di aeroplano e invita la sua bella a fare un volo in campagna.

Nelle note che Walt Disney indirizzò agli animatori, Minni veniva così descritta: “Avrà un’aria più stravagante se verrà vestita con una gonna corta che lasci intravedere le mutandine di pizzo. La gonna dovrà essere a pieghe, in modo da non cadere senza consistenza. Dovrà avere una bocca molto più piccola di quella di Topolino ed espressioni molto meno vistose delle sue. Le palpebre e le ciglia sottolineeranno la femminilità di Minni, così come sarà utile farla muovere spesso in modo da sollevare la sottana lasciano vedere le mutandine”. Insomma, fin da subito Minni è nata come personaggio femminile, irriverente, moderno e all’avanguardia!

Paperina

  • Data di nascita: 1940
  • Creatori: Carl Barks
  • Dove è apparsa: Paperino e l'appuntamento (1940, corto), Fantasia 2000 (1999)

La prima apparizione della fidanzata di Paperino, Daisy Duck, risale a una tavola domenicale del 15 dicembre 1940, ad opera di Carl Barks. Elegante, frivola e civettuola, Paperina si occupa di varie attività filantropiche e non perde mai l’occasione per prendersela con il fidanzato, ribadendo la propria superiorità. Lei ama solo Paperino, ma per farlo ingelosire accetta la corte del bel - e fortunatissimo - cugino di lui, Gastone... Ma tranquilli: nonostante le frequenti liti, anche nei momenti peggiori non si lasciano mai.

Le principesse delle favole

Biancaneve

  • Data di nascita: 1937
  • Creatori: Hamilton Luske, Marc Davis, Walt Disney
  • Dove è apparsa: Biancaneve e i sette nani (1937)

Protagonista del libero adattamento di una - ben più cupa - favola dei fratelli Grimm, Biancaneve è la principessa “più bella del reame” dai capelli corvini e la pelle bianca come la neve, che per invidia della matrigna, la perfida regina Grimilde che vuole ucciderla per mantenere il primato di bellezza, è costretta a fuggire dal palazzo reale e trova ospitalità in una casetta nel bosco abitata da sette nani.

Da quando, nel 1917, Walt Disney aveva visto una versione di cinema muto di Biancaneve, aveva voluto portare la favola dei fratelli Grimm sullo schermo. Quando decise di imbarcarsi nella più grande scommessa della sua carriera, assoldando centinaia di disegnatori e tecnici, era un nome già rispettato nel mondo del cinema, eppure l’impresa fu considerata (e ricordata) da tutti come “la follia di Disney”. Walt Disney non si fece scoraggiare e continuò con la costosissima produzione del primo lungometraggio americano interamente animato., che durò ben tre anni. Costato 1,5 milioni di dollari, il film debuttò al cinema nel clamore generale, guadagnando ben 8 milioni di dollari e diventando il film di maggior successo del 1938. Con quei soldi, Walt e il fratello Ray costruirono gli studi a Burbank che ancora oggi sono la fabbrica di sogni più famosa al mondo.

Cenerentola

  • Data di nascita: 1950
  • Creatori: Norman Ferguson, Les Clark, Marc Davis, Ollie Johnston, Milt Kahl, Ward Kimball, Eric Larson, John Lounsbery, Frank Thomas, Wolfgang Reitherman
  • Dove è apparsa: Cenerentola (1950), Cenerentola II - Quando i sogni diventano realtà (2002), Cenerentola - Il gioco del destino (2007), Cenerentola (2015)

Cenerentola è una delle principesse più famose di tutti i tempi: nata come favola popolare di cui la storia registra centinaia di versioni, la vicenda di Cenerentola proposta da Disney è un adattamento della favola di Charles Perrault del 1697. Cenerentola è una bellissima giovane di buona famiglia costretta a vivere come serva nella propria casa dopo la morte del padre, subendo le angherie della matrigna e delle sorellastre finché il destino, con l’aiuto di una fata e dei suoi amici animali, non le fa incontrare il principe che, innamoratosi di lei a prima vista senza conoscerne l'identità, riuscirà a rintracciarla grazie a una scarpetta di cristallo che la ragazza aveva perso, e i due convoleranno presto a nozze.

Anche questo classico d’animazione del 1950 che ha introdotto la figura di Cenerentola nel novero delle principesse Disney fu un’impresa rischiosa per gli studios, che vi si imbarcarono nel primissimo dopoguerra quando il capitale per la produzione di un lungometraggio era difficile da reperire: se il film avesse fallito al box office, l’impero Disney rischiava di crollare. Ma fortunatamente non fu così, e anzi, i proventi del film servirono per lanciare il primo Disneyland.

Aurora

  • Data di nascita: 1958
  • Creatori: Marc Davis, Tom Oreb, Iwao Takamoto
  • Dove è apparsa: La bella addormentata nel bosco (1958)

Anche Aurora, la Bella Addormentata che Walt Disney portò al cinema nel 1958, è una versione di una principessa delle favole di Perrault. Unica figlia del Re Stefano e della Regina Leah, viene maledetta alla nascita dalla perfida strega Malefica: nel giorno del suo sedicesimo compleanno si sarebbe punta con il fuso di un arcolaio, rimanendo uccisa. Una delle tre fate buone presenti al momento della maledizione riesce a mitigare questo destino, convertendo la conseguenza della morte in quella di un sonno perpetuo, interrotto solo dal bacio del vero amore. Dopo 16 anni vissuti lontano dal castello, la giovane non riesce a sfuggire alla sua sorte e cade preda del sonno incantato, finché non arriva il bacio del Principe Filippo.

Disegnata con uno stile più moderno rispetto alle eroine Disney che l’avevano preceduta (l’influenza era l’Art Nouveau), questa principessa estremamente elegante è molto sicura di sé, molto composta e un po’ meno ingenua delle altre.

Ariel

  • Data di nascita: 1989
  • Creatori: Glen Keane, Mark Henn
  • Dove è apparsa: La sirenetta (1989), La sirenetta II - Ritorno agli abissi (2000), La sirenetta: Quando tutto ebbe inizio (2008)

Liberamente tratta dalla favola di Hans Christian Andersen, La sirenetta è stato il film che ha dato avvio al cosiddetto Rinascimento Disney (1989-1999), ovvero la decade piena di nuovi classici dell’animazione che hanno fatto sognare milioni di persone rilanciando la fama degli studios.

Ariel è la sirenetta del titolo che vive negli abissi del mare ma sogna di passeggiare sulla terra emersa. Quando si innamora di un principe umano, pur di incontrarlo si ribella al volere del padre e fa un patto con una perfida strega del mare: potrà così diventare umana e cercare di conquistare il cuore del giovane, ma prima che scada il termine di tre giorni.

Replicando una tecnica che era stata usata anche per Cenerentola, Biancaneve e Aurora, prima di procedere all’animazione del personaggio la produzione fece recitare delle attrici nei panni della protagonista per creare materiale di riferimento per i disegnatori. La Sirenetta fu il film d’animazione più costoso da molti anni a quella parte, e l’ultimo interamente disegnato a mano.

Belle

  • Data di nascita: 1991
  • Creatori: James Baxter, Mark Henn
  • Dove è apparsa: La bella e la bestia (1991), La Bella e la Bestia - Un magico Natale (1997), La bella e la bestia (2017), Il mondo incantato di Belle (1998), Belle's Tales of Friendship (1999)

Belle è la principessa del primo lungometraggio d’animazione ad essere mai stato candidato agli Oscar come miglior film. Il capolavoro Disney del 1991 (ancora oggi tra quelli più incensati dalla critica) trasse ispirazione da due versioni del mito della bella e la bestia (quelle delle autrici francesi Gabrielle-Suzanne Barbot de Villeneuve prima e Jeanne-Marie Leprince de Beaumont poi), nonché dal film omonimo di Jean Cocteau del 1946.

Considerata la prima eroina femminista della tradizione Disney, la giovane che decide di sacrificarsi al posto del padre rimanendo prigioniera di una terribile Bestia nel suo spaventoso castello incantato, per poi conquistare e lasciarsi conquistare da questi, è una dei personaggi Disney più amati, di recente interpretata anche dalla star di Harry Potter, Emma Watson, nella versione live action.

Fa Mulan

  • Data di nascita: 1998
  • Creatori: Mark Henn, James Young Jackson, Christopher Sanders
  • Dove è apparsa: Mulan (1998), Mulan II (2004)

Fa Mulan è considerata l’ottava principessa Disney, ma è una delle poche che raggiunge questo status pur senza essere nata nobile o aver sposato un principe: è solo per il suo grande cuore e l’eroico coraggio, che la rendono la figura chiave in grado di salvare un’intera nazione. La storia di Fa Mulan è ispirata alla leggenda di una fanciulla guerriera raccontata nel poema cinese La Ballata di Hua Mulan, canzone popolare composta tra il IV e il VI secolo, e trascritta per la prima volta durante il 500.

Nella versione Disney, Mulan è figlia unica, una ragazza poco tagliata per diventare una dama raffinata, che decide di prendere il posto dell’anziano padre quando questi viene chiamato a combattere per difendere la patria dagli invasori unni. Una volta nell’esercito, deve fare di tutto per provare di essere all’altezza della situazione, trasformandosi davvero in una guerriera straordinaria e innamorandosi del valoroso generale Li Shang.

Gli uomini delle favole

Peter Pan

  • Data di nascita: 1953
  • Creatori: Milt Kahl, Eric Larson, Wolfgang Reitherman
  • Dove è apparso: Le avventure di Peter Pan (1953), Ritorno all'Isola che non c'è (2002)

Nato dalla penna dello scrittore inglese J.M. Barrie come protagonista di una pièce teatrale nel 1904, Peter Pan è il ragazzo che non vuole crescere, e la cui inesauribile fantasia ricorda anche agli adulti quanto sia bello ogni tanto tornare bambini e lasciarsi trasportare completamente dall’immaginazione.

La versione di Barrie era certamente più drammatica e cinica di quella consolidata diremmo come “definitiva” da Walt Disney, che era rimasto affascinato da quell’ambigua figura fin da piccolo: sapevate infatti che lo stesso animatore da piccolo interpretò il ruolo di Peter in una recita scolastica, volando appeso a una corda manovrata dal fratello Roy?

Aladdin

  • Data di nascita: 1992
  • Creatori: Glen Keane, Anthony DeRosa
  • Dove è apparso: Aladdin (1992), Il ritorno di Jafar (1994), Aladdin e il re dei ladri (1996)

Per il personaggio di Aladdin Disney ha tratto ispirazione da uno dei più celebri racconti della raccolta di favole popolari orientali Le mille e una notte, Aladino e la lampada meravigliosa. Simpatico ladruncolo di strada che lotta per sopravvivere, Aladdin ha l’occasione di cambiare il proprio destino quando entra in possesso di una lampada magica al cui interno vive un genio, che potrà esaudire tre suoi desideri.

Per definire l’aspetto di Aladdin, gli animatori scelsero come modello prima Michael J. Fox e poi Tom Cruise in Top Gun, film che aveva colpito il presidente di Disney all’epoca, Jeffrey Katzenberg. La realizzazione del personaggio fu molto impegnativa: Glen Keane ricorda infatti di aver avuto bisogno di un gruppo di animatori che oscillava tra le 12 e le 20 persone (per la Bestia erano state solo 6), perché “animare un personaggio che ha così tante emozioni interiori è sempre più difficile”. Il risultato è perfetto: il giovane coraggioso dal cuore puro e il modo di fare scanzonato affascina gli spettatori ancora oggi.

Hercules

  • Data di nascita: 1997
  • Creatori: Andreas Deja, Andy Haycock
  • Dove è apparso: Hercules (1997), Hercules: Zero to Hero (1999)

L’eroe della mitologia greca è diventato protagonista di uno dei più spumeggianti film Disney. Figlio di Zeus e Era (nel mito però la madre è Alcmena), Hercules fu rapito dal Monte Olimpo e trasformato in un mortale dallo zio Ade, dio degli Inferi, ma ha mantenuto la sua forza divina. Sotto la guida di Zeus e con l’aiuto del satiro Filottete, Hercules inizia un percorso che gli farà scoprire le sue vere abilità e lo porterà a reclamare il suo posto tra gli dei, ma è solo l’incontro con la seducente Megara che gli farà capire cosa significa davvero essere un eroe.

Il primo film Disney ad allontanarsi dalla formula delle favole non ha avuto molto successo, ma il personaggio di Hercules è apparso in molti altri titoli dell’universo disneyano (come anche la serie TV Once Upon a Time o quella animata a lui dedicata, Hercules, del 1998-9).

Tarzan

  • Data di nascita: 1999
  • Creatori: Glen Keane, John Ripa
  • Dove è apparso: Tarzan (1999), Tarzan 2 (2005), Tarzan e Jane (2002)

Traendo spunto dalla leggenda dell’uomo cresciuto nella giungla raccontata da Edgar Rice Burroughs nel suo libro, Disney ha raccontato la storia di Tarzan, figlio di naufraghi inglesi, uccisi dal perfido Sabor quando lui era ancora piccolo, e cresciuto quindi da una colonia di gorilla. Con l’aiuto dei suoi amici, la gorilla Terk e l’elefante Tantor, Tarzan diventa il valoroso protettore della giungla.

Il personaggio muscoloso, coraggioso e leale è stato doppiato nella versione originale da Tony Goldwyn, e per realizzare le movenze del protagonista che scivola senza sforzo tra gli alberi della giungla Glen Keane trasse ispirazione dal proprio figlio quindicenne, appassionato di skateboard.

Gli animali

Simba

  • Data di nascita: 1994
  • Creatori: Mark Henn, Ruben A. Aquino
  • Dove è apparso: Il re leone (1994), Il re leone II - Il regno di Simba (1998), Il re leone 3 - Hakuna Matata (2004)

In uno dei suoi maggiori successi, Disney ha raccontato una storia di crescita, vendetta e redenzione che ricorda da vicino l’Amleto di Shakespeare (cui è vagamente ispirato). Simba è il figlio del re della savana, è giovane e impressionabile, e dopo aver assistito alla tragica fine del padre, che crede sia morto per colpa sua, si allontana in preda alla vergogna da tutto ciò che ha conosciuto. Il cucciolo di leone cresce dunque in esilio, con la compagnia di due simpatici amici, ma quando il passato torna a farsi vivo capisce che è ora di affrontare i propri demoni e reclamare il posto che gli spetta di diritto.

Prima altezzoso e sprezzante, poi timoroso e insicuro, infine fiero e coraggioso, Simba è un personaggio dalle mille sfumature, rispetto al quale è difficile rimanere indifferenti. Il film venne realizzato in contemporanea con Pocahontas, e a quest’ultimo furono riservati gli animatori più esperti perché si credeva che sarebbe stato il successo maggiore, ma è successo il contrario: Il re leone ha conquistato la critica, sbancato al botteghino (ha mantenuto il record fino all’arrivo di Frozen nel 2013), accumulato premi e guadagnato oltre un miliardo di dollari di merchandising, senza contare che ne è subito nato un acclamato musical a Broadway.

Dumbo

  • Data di nascita: 1941
  • Creatori: Vladimir Tytla, Will Finn
  • Dove è apparso: Dumbo (1941), Dumbo (2019)

La storia del piccolo elefantino dalle orecchie enormi che ha la straordinaria capacità di volare è una delle più commoventi di tutto il repertorio Disney. Con la personalità di un bambino, Dumbo è giocoso e divertente, ma soprattutto molto innocente: non capisce di essere bullizzato o che la piuma magica con la quale vola è in realtà un modo di pensare.

È significativo che, pur non pronunciando una sola parola in tutto il film, l’elefantino sia entrato nel cuore di tutti da ormai quasi 80 anni. Dumbo non è una storia originale Disney, ma è tratto da un libro ominimo di Helen Aberson, illustrato da Harold Pearl, pubblicato come il prototipo di un nuovo giocattolo, il Roll-a-Book,e poi proposto di nuovo come libro normale.

Winnie the Pooh

  • Data di nascita: 1966
  • Creatori: Frank Thomas, OllieJohnston
  • Dove è apparso: Winnie the Pooh e l'albero del miele (1966, corto), Le avventure di Winnie the Pooh (1977), Winnie the Pooh alla ricerca di Christopher Robin (1997)

Winnie-the-Pooh (questo il suo nome originale) è un orsacchiotto apparso per la prima volta in una storia scritta dall’autore inglese A.A. Milne, che aveva creato i personaggi basandosi sul proprio figlio, Christopher Robin, e i suoi peluches. Di tutti i giocattoli, l’orsacchiotto Winnie (Winnipeg) era il preferito del bambino, che aveva scelto di chiamarlo così in onore di un orso adottato da cucciolo da un soldato canadese durante la Prima Guerra Mondiale e divenuto poi un’attrazione popolare allo zoo di Londra.

Dopo una serie di cortometraggi sull’orso ossessionato dal miele, il gentile e premuroso Winnie Pooh è diventato protagonista anche di film, e ancora oggi è uno dei personaggi più iconici del mondo Disney, insieme a tutti gli amici del Bosco dei Cento Acri.

Bambi

  • Data di nascita: 1942
  • Creatori: Frank Thomas, Milt Kahl, Eric Larson
  • Dove è apparso: Bambi (1942), Bambi 2 (2006)

Bambi è un cerbiatto dolcissimo che vive nella foresta con il suo amico coniglio, Tamburino, e la puzzola Fiore. Cresciuto con la madre, quando questa viene uccisa da un cacciatore, il cerbiatto si trova a dover crescere improvvisamente al fianco dell’austero padre, il Grande Principe della Foresta. Una volta adulto, si innamora della compagna di giochi d’infanzia, Faline, con la quale poi metterà su famiglia.

Bambi è nato come personaggio principale nel romanzo Bambi, a Life in the Woods (da noi semplicemente Bambi, 1923) dell’autore austriaco Felix Salten, e il suo nome è un’abbreviazione della parola italiana “bambino”. La notorietà dell’immagine di Bambi è tale da essere paragonabile a quella di Topolino, ed è addirittura mostrata sui certificati azionari della Disney.

Stitch

  • Data di nascita: 2002
  • Creatori: Chris Sanders, Alex Kupershmid, Andreas Deja, Travis Blaise
  • Dove è apparso: Lilo & Stitch (2002), Lilo & Stitch 2 - Che disastro Stitch! (2005), Leroy & Stitch (2006)

Stitch (ovvero Esperimento 626) è un alieno blu, coriaceo e letale, la cui voglia di distruggere tutto è grande quanto il suo cuore. Frutto di un esperimento genetico illegale, è stato progettato per essere ingannevole e per distruggere tutto quello che incontra, ma quando il suo cammino lo porta nella vita della piccola Lilo, scopre di voler usare il suo talento per

In realtà il personaggio era stato ideato da Chris Sanders già nel 1985, come protagonista di un libro per bambini che non ha mai visto la luce del sole. Quasi vent’anni dopo, mentre anche Mulan era in fase di produzione, Disney cominciò a lavorare al progetto, che nella sua prima versione avrebbe dovuto far atterrare Stitch in Kansas, ma poi furono scelte le Hawaii sia perché più lontane da contesti urbani che - come dargli torto - erano uno dei posti preferiti di Sanders.

Quali di questi è il vostro personaggio Disney preferito?

Fonti:

  • Franco Fossati, “Noi Due - Paperino e Paperina” a cura di Gaudenzio Capelli, Arnoldo Mondadori Editore, 1982.
  • Franco Fossati, “Noi Due - Topolino e Minni” a cura di Gaudenzio Capelli, Arnoldo Mondadori Editore, 1983.
  • Franco Fossati, “Io & Pippo” a cura di Gaudenzio Capelli, Arnoldo Mondadori Editore, 1985.
  • Piero Zanotto, “Io Paperino”, a cura di Mario Gentilini, Arnoldo Mondadori Editore, 1971.
  • Disney Wiki

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE