Stai leggendo: Sophie Perry annuncia l'apertura di una scuola in Africa dedicata a Luke Perry

Letto: {{progress}}

Sophie Perry annuncia l'apertura di una scuola in Africa dedicata a Luke Perry

Sophie Perry, la figlia 18enne di Luke Perry, ha annunciato l'apertura di una scuola materna in Africa dedicata al padre. Sophie si trovava in Africa, quando l'indimenticabile Dylan McKay di Beverly Hills 90210 venne colpito dall'ictus che lo uccise

Luke Perry Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Sophie Perry, la figlia di Luke Perry – l’indimenticabile Dylan McKay di Beverly Hills 90210 morto il 4 marzo scorso - è tornata in Africa, dove sta proseguendo il suo lavoro da volontaria. Sophie si trovava in Africa quando Luke si sentì male improvvisamente, lo scorso febbraio e lei dovette far ritorno a Los Angeles per stargli vicino.

Oggi 18enne, Sophie è nata dal matrimonio di Perry con Rachel Sharp – detta Minnie - sposata nel lontano 1993, da cui divorziò nel 2003: dalle nozze con la Sharp, nacque anche Jack nel 1997. La secondogenita dell’attore che ha perso la vita all’età di 52 anni - a causa dell’ictus che lo aveva colpito a fine febbraio – continua a rendere omaggio al suo papà, cercando di ricordarlo come può. Sul proprio profilo Instagram, Sophie ha spiegato:

Grazie a tutti quelli che hanno donato per aiutare i nostri progetti! La costruzione della nostra prima scuola è terminata e non riesco a dirvi quanto io sia orgogliosa ed eccitata di vederla aprire, mercoledì prossimo. Grazie al mio straordinario partner Ruben per tutto. Soprattutto, per aver combattuto per dare il nome di mio padre alla scuola.

La scuola materna, un edificio giallo, si trova in Malawi, nell’Africa orientale e porterà il nome di Luke Perry: la “Luke Perry School”. Nella foto condivisa, Sophie è insieme alla mamma e agli amici che l’hanno appoggiata nel progetto.

Sophie è tornata in Malawi i primi di aprile, perché le sembrava giusto terminare il lavoro che aveva iniziato:

I primi giorni di ritorno in Malawi sono stati molto emozionanti, ma mi sembrava giusto tornare, finire quello che ho iniziato, dare il massimo con il tempo che ci rimane. Recentemente, ho imparato che il tempo potrebbe non essere quanto pensiamo. È stato spaventoso lasciare di nuovo a casa così presto, ma c'è un lavoro da fare e qualcuno da rendere orgoglioso.

Dopo la morte del padre, Sophie aveva ringraziato tutti per esserle stata vicina in questo momento devastante:

Nelle ultime 24 ore, ho ricevuto una quantità enorme di amore e sostegno. Non posso rispondere individualmente alle centinaia di messaggi belli e sentiti, ma li vedo e apprezzo tutti voi per aver inviato positività alla mia famiglia e a me. Non sono sicura di cosa si debba dire o fare in una situazione come questa, nessuno ti insegna a gestire momenti del genere, specialmente quando accadono sotto gli occhi del pubblico. Quindi, sappiate solo che sono grata per tutto l’amore. Semplicemente.

Le donazioni a cui si riferisce Sophie Perry sono quelle legate alla campagna GoFundMe, da lei promossa e che ha permesso la realizzazione della scuola in Malawi.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO