Stai leggendo: La riproducibilità dell’arte: a Milano la mostra su Roy Lichtenstein dal 1° maggio all'8 settembre 2019

Letto: {{progress}}

La riproducibilità dell’arte: a Milano la mostra su Roy Lichtenstein dal 1° maggio all'8 settembre 2019

Arriva al MUDEC, dal 1° maggio all'8 settembre, la mostra Roy Lichtenstein. Multiple Visions, che riunisce oltre cento lavori del maestro americano.

Banner della mostra Mudec | Ufficio stampa

0 condivisioni 0 commenti

Con la primavera, arriva a Milano la mostra dedicata a Roy Lichtenstein. Al Museo delle Culture, dal 1 maggio all’8 settembre, sarà visitabile la mostra Roy Lichtenstein. Multiple Visions. In mostra circa cento capolavori del maestro americano che permetteranno di approfondire il suo stile e il suo lavoro.

Quando ci si trova davanti all’opera di Roy Lichtenstein, la si riconosce al primo sguardo: è immediata, diretta, pop, sofisticata. La mostra al Museo delle Culture di Milano vuole indagarla affondo, andando a rintracciare quali sono gli elementi riconducibili a culture diverse che vi confluiscono: nel suo particolare modo di trattare l’immagine, scomponendola e ricomponendola attraverso mezzi espressivi pop sono stati visti influssi orientali, dei nativi americani, delle avanguardie europee. Influenze diverse che sono andate a comporre lo stile riconoscibile e apprezzato del maestro americano.

Ovviamente, la mostra non dimentica di interrogarsi sul benjaminiano ruolo della riproducibilità dell’opera d’arte nel lavoro di Lichtenstein: la stampa come pratica di espressione artistica e linguaggio estetico; non una conseguenza della pittura, ma un linguaggio a essa parallelo.

Roy Lichtenstein, Reflections on Crash, 1990 Litografia, serigrafia, rilievo and collage in PVC metallizzato con goffratura su carta Somerset fatta a mano. 150.2 x 190.5 cm Collection Lex Harding © Estate of Roy LichtensteinHDEstate of Roy Lichtenstein
Roy Lichtenstein, Reflections on Crash, 1990 Litografia, serigrafia, rilievo and collage in PVC metallizzato con goffratura su carta Somerset fatta a mano. 150.2 x 190.5 cm Collection Lex Harding

Delle cento opere in mostra, tra stampe di grande formato, sculture e arazzi, molte provengono da musei internazionali e da collezioni private: la Roy Lichtenstein Foundation, la National Gallery of Art di Washington, il Walker Art Center di Minneapolis, la Fondation Carmignac e Ryobi Foundation, Gemini G.E.L. Collection.

La mostra, promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 ORE Cultura-Gruppo 24 ORE, che ne è anche il produttore, per l’ideazione di MADEINART, è curata da Gianni Mercurio, studioso di Lichtenstein da oltre vent’anni, nonché curatore del volume Roy Lichtenstein. Meditations on Art.

Roy Lichtenstein, Sunrise, 1965 Litografia offset su carta bianca leggera 46.5 x 61.8 cm Collezione privata, Courtesy Sonnabend Gallery, New York © Estate of Roy LichtensteinHDEstate of Roy Lichtenstein
Roy Lichtenstein, Sunrise, 1965 Litografia offset su carta bianca leggera 46.5 x 61.8 cm Collezione privata, Courtesy Sonnabend Gallery, New York

La mostra Roy Lichtenstein. Multiple Visions è un’occasione per scoprire l’arte di questo maestro della pop art, ma anche di interrogarsi sul ruolo della stampa nel mondo contemporaneo dell’arte.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE