Stai leggendo: Nordic Film Fest 2019: le produzioni cinematografiche del nord Europa a Roma

Letto: {{progress}}

Nordic Film Fest 2019: le produzioni cinematografiche del nord Europa a Roma

Nordic Film Fest 2019: quattro giorni con circa trenta ore di proiezioni: una selezione di film, corti e documentari che raccontano i paesi nordeuropei.

Banner del Nordic Film Fest Nordic Film Fest | Ufficio stampa

0 condivisioni 0 commenti

Proiezioni a ingresso libero, incontri e presentazioni: a Roma arriva il Nordic Film Fest, dal 2 al 5 maggio presso la Casa del Cinema. La rassegna nasce con l’intento di promuovere la cinematografia e la cultura dei Paesi Nordici ed è curata dalle ambasciate di Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia in Italia, ed è realizzata in collaborazione con l’Ambasciata di Islanda di Parigi, i Film Institutes dei rispettivi paesi e con il patrocinio del Comune di Roma e della Regione Lazio.

Il festival dedicato alle produzioni video dei paesi del nord Europa, quest’anno propone 13 film, 2 documentari, 4 corti per un totale di circa 30 ore di programmazione. Il tema dell’edizione di quest’anno è Borders/Confini: limiti geografici, ma anche simbolici tra modi di essere e diversità.

L’edizione 2019 sarà aperta dalla proiezione film biografico Becoming Astrid, sulla vita di Astrid Lindgren, una delle più importanti scrittrici della letteratura per l’infanzia del novecento, autrice del best seller Pippi Calzelunghe. Saranno presenti per l’occasione l’attrice Alba August e il produttore Lars G. Lindström.

Tra i tanti film proiettati durante la manifestazione, meritano sicuramente l’interesse del pubblico:

  • Void (Finlandia) presentato dal regista Aleksi Salmenperä: una commedia dolce amara sulle gioie del successo e la paura del fallimento.
  • Border - Creature di Confine (Svezia) di Ali Abbasi e presentato dal produttore Piodor Gustafsson: un mix di atmosfere oniriche e critica sociale.
  • What Will People Say (Norvegia) presentato dalla regista Iram Haq: film autobiografico che racconta di una ragazza pachistana rimandata dal padre nel paese d’origine dopo che è stata trovata con un coetaneo.
  • A Fortunate Man (Danimarca) di regista Bille August, adattamento del romanzo Lykke-Per del premio Nobel per la letteratura Henrik Pontoppidan.
  • Woman at War – la donna elettrica (Islanda) chiude il Nordic Film Fest: una commedia fuori dagli schemi che parla di una donna apparentemente normale, con una seconda vita da eco-terrorista.

Accanto al programma ufficiale, anche quest’anno il Circolo Scandinavo curerà una selezione di film e corti, mentre per la prima volta al Nordic Film Fest arriva SKAM, la web serie prodotta in Norvegia diventata rapidamente un fenomeno internazionale. Inoltre, all’interno del festival ci saranno due momenti dedicati a focus e approfondimenti sul mondo del teen drama.

In continuità con le passate edizioni ci sarà una sezione dedicata allo Storytelling, a cura della Writers Guild Italia, che quest’anno si confronterà con il tema del “gender” della scrittura.

Per maggior informazioni sul programma, visitate il sito di Nordic Film Fest.

Appuntamento allora a Roma, per respirare attraverso lo schermo atmosfere, trend e cultura dal nord Europa!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE