Stai leggendo: Salma Hayek, il marito François-Henri Pinault ha deciso di donare 110milioni di euro per ricostruire Notre-Dame

Letto: {{progress}}

Salma Hayek, il marito François-Henri Pinault ha deciso di donare 110milioni di euro per ricostruire Notre-Dame

Il marito di Salma Hayek, François-Henri Pinault, ha deciso di donare 100milioni di euro per contribuire alla ricostruzione di Notre-Dame, a Parigi. La Cattedrale è stata in parte distrutta dall'incendio divampato lunedì scorso.

Salma Hayek e François-Henri Pinault Getty Images

37 condivisioni 0 commenti

Il marito di Salma Hayek, François-Henri Pinault, è rimasto particolarmente colpito dalla tragedia che ha colpito Notre-Dame a Parigi, lo scorso lunedì, quando la Cattedrale è stata devastata da un incendio: l’uomo ha, quindi, deciso di contribuire alla sua ricostruzione, donando 113milioni di dollari.

Lo scorso lunedì, Notre-Dame è stata interessata da un rogo divampato sul tetto, che ha compromesso parte della Cattedrale dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, nonché simbolo del cattolicesimo e il monumento storico più visitato di tutta Europa. La Cattedrale era in fase di ristrutturazione. Le indagini sulla nascita dell'incendio sono ancora in corso, ma pare sia stato escluso l’atto doloso.

La sua costruzione ebbe inizio nel 1163, grazie all’aiuto economico della Chiesa francese e della Corona. Famosa in tutto il mondo per essere una delle cattedrali gotiche più belle e ricche di storia, è anche una delle più antiche in Europa; motivo per cui è stata spesso restaurata, nel corso dei secoli. Notre-Dame venne devastata anche durante la Rivoluzione Francese, tra il 1789 e il 1799 e tornò ad essere della Chiesa dopo il Concordato stipulato tra Napoleone Bonaparte – che si auto-incoronò Imperatore dei Francesi al suo interno - e Papa Pio VII, nel 1801, venendo consacrata nel 1864, al termine dei lavori di restauro post-rivoluzione. La fame della Cattedrale crebbe, inoltre, grazie al romanzo di Victor Hugo, Notre-Dame de Paris.

Adesso, è il momento delle indagini e della conta dei danni: la volta della navata centrale è crollata, ma sono intatte la sua struttura, le torri e le opere d’arte che verranno trasferite al Museo del Louvre. Il Presidente Emmanuel Macron prevede la sua ricostruzione totale entro cinque anni, come riportato da People:

È con orgoglio che stasera vi dico che ricostruiremo questa cattedrale... ricostruiremo Notre-Dame, perché è quello che i francesi si aspettano da noi, è ciò che la nostra storia merita di ottenere. È ciò che siamo destinati a fare.

Tutto ciò grazie anche all’aiuto economico del 56enne imprenditore francese e di suo padre, che hanno donato 113milioni di dollari - pari a 100milioni di euro - per la sua ricostruzione:

Mio padre e io abbiamo deciso di versare una somma di 100milioni di euro, provenienti dai nostri fondi Artemis per partecipare allo sforzo che sarà necessario per la completa ricostruzione di Notre-Dame.

Ha spiegato François-Henri. Pinault è l’amministratore delegato di Kering, che possiede marchi di lusso come Gucci, Alexander McQueen, Yves Saint Laurent e Balenciaga. Artemis è la holding della famiglia.

Anche Salma Hayek ha dimostrato il proprio dolore verso l’accaduto, condividendo un’immagine di Notre-Dame in fiamme accompagnata dalle parole:

Come molti altri, sono profondamente sconvolta e triste nel vedere la bellezza di Notre-Dame trasformarsi in fumo. Ti amo, Parigi.

L’attrice e l’imprenditore vivono proprio nelle vicinanze della Cattedrale dal 2009, quando si sono sposati.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE