Stai leggendo: Aretha Franklin sarà la prima solista a ricevere un Premio Pulitzer postumo

Letto: {{progress}}

Aretha Franklin sarà la prima solista a ricevere un Premio Pulitzer postumo

A meno di un anno dalla morte, Aretha Franklin è stata scelta dalla commissione del prestigioso premio Pulitzer per essere insignita della Special Citation, un'onorificenza che è stata assegnata solo a 44 persone in oltre un secolo.

Aretha Franklin Getty Images

3 condivisioni 0 commenti

Aretha Franklin sarà la prima donna solista a ricevere un premio Pulitzer postumo.

Lunedì 15 aprile la commissione che assegna le ambite onorificenze ha infatti annunciato che la Regina del Soul, venuta a mancare lo scorso 16 agosto, verrà insignita della Pulitzer Prize Special Citation per la sua straordinaria carriera che ha abbracciato cinque decadi, costituendo un impareggiabile contributo alla musica e alla cultura americane.

La diva di R-E-S-P-E-C-T è la prima cantante donna solista a ricevere questo onore dopo la morte, fin dal 1918, anno in cui nacque il premio Pulitzer, ovvero la più prestigiosa onorificenza americana assegnata alle eccellenze nel mondo del giornalismo, della letteratura e della musica.

Il premio che verrà assegnato alla Franklin però, ovvero la Special Citation, non viene consegnato tutti gli anni: la giuria del Pulitzer decide di conferirla solo quando viene ritenuto necessario, e finora ne sono state insignite solamente 44 persone, che nel mondo della musica includono i nomi di Bob Dylan, John Coltrane, Duke Ellington, George Gershwin e Scott Joplin. Il musicista che per ultimo ha ricevuto questo onore è stato Hank Williams nel 2010, e anche per lui si è trattato una vittoria postuma, visto che il cantante country morì a 29 anni nel 1953.

Tra i successi intramontabili che Aretha Franklin ha regalato al mondo ricordiamo i brani R-E-S-P-E-C-T , (You Make Me Feel Like) A Natural Woman, Think, Chain Of Fools e I Say A Little Prayer. Ma la Franklin è stata anche un’instancabile attivista per i diritti delle donne, ha lottato contro la discriminazione razziale anche al fianco di Martin Luther King, aiutandolo a organizzare anche la famosa Marcia su Washington per il lavoro nel 1963 e la libertà del 1963 e cantando poi al suo funerale nel 1968.

La diva si è spenta a Detroit, la sua città natale, il 16 agosto del 2019, per via di un cancro al pancreas. Alle esequie della Franklin, invece, che si sono tenute il 31 agosto dello stesso mese, l’omaggio più toccante è stato quello della cantante Jennifer Hudson, che - con la benedizione della stessa Regina del Soul - porterà la storia della Franklin sul grande schermo in un biopic di prossima realizzazione.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.