Stai leggendo: Le giovani donne disabili piene di gusto e stile che hanno reso virale l'hashtag #ThisIsMyDisabledStyle

Letto: {{progress}}

Le giovani donne disabili piene di gusto e stile che hanno reso virale l'hashtag #ThisIsMyDisabledStyle

Sono moltissime le giovani donne che stanno condividendo i loro outfit sul social, non per motivo di vanto, ma per (di)mostrare al mondo che la bellezza non si può "confezionare" perché è unica in ognuna di noi.

Donne disabili outfit istock

6 condivisioni 0 commenti

Non sono diverse, ma semplicemente particolari e lo stanno dimostrando a tutto il mondo con le loro foto, condivise in queste ore su twitter, sotto l’hashtag #ThisIsMyDisabledStyle.

Donne disabili, bellissime e "fashioniste", dalle quali possiamo imparare che lo stile è qualcosa di veramente unico e che non ha nulla a che fare con canoni, standardizzazioni o imposizioni dettate da qualcuno.

A lanciare l'hashtag  è stata la messicana Maryangel García-Ramos - o almeno così si pensa, come si legge in un articolo del tabloid Daily Mail -  attivista per i diritti dei disabili, che ha pubblicato una sua fotografia in cui appare con un look super trendy.

Maryangel ha voluto condividere la sua femminilità, invitando così  altre disabili come lei a fare lo stesso, a mostrare con disinvoltura il proprio stile. E così, le "fashioniste" disabili di tutto il mondo - Regno Unito, Australia, Canada, America - stanno rispondendo #ThisisMyDisabledStyle, con altrettanti selfie e pose di vario tipo.

Ogni donna ha una storia diversa da raccontare 

Queste donne stanno pubblicando immagini audaci e potenti, piene di significato; raccontano la loro storia personale, amara e difficile, con disinvoltura e coraggio. Sfoggiare il proprio stile non è solo un gesto di vanità, ma una grande conquista di libertà personale. Perché davanti a quelle stampelle, a quella sedia a rotelle o a quella malattia, c’è una persona, che vale la pena notare nella sua bellezza.

E così lo stile, come dichiara in un tweet Charlotte Issyvoo (@CIssyvoo), può aiutare chi è disabile ad accettare se stesse e a sopportare le sofferenze del proprio corpo:

Se il mio corpo deve soffrire costantemente, allora voglio indossare abiti meravigliosi, perché solo questo può farmi sentire ancora con un corpo vivo. Se devo essere disabile, voglio trasformare questa mia condizione in una dichiarazione di tendenza.

Altre donne, poi, hanno mostrato come riescono ad abbinare gli ausili per disabili con gli abiti e c’è chi racconta di divertirsi moltissimo a giocare con questi ultimi, usandoli, appunto, come degli accessori alla moda.

Qualcuna, invece, più ironica - come Emily - ha ammesso nel suo tweet:

Questo è il mio stile da disabile e vesto meglio di chi disabile non è.

E voi, cosa ne pensate? Che significato dovrebbe avere la moda per noi donne?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE