Stai leggendo: Richard Madden contro i canoni estetici di Hollywood: 'Anche agli uomini vengono fatte pressioni per il loro aspetto fisico'

Letto: {{progress}}

Richard Madden contro i canoni estetici di Hollywood: 'Anche agli uomini vengono fatte pressioni per il loro aspetto fisico'

Secondo Richard Madden, star di Bodyguard, a Hollywood anche gli uomini subiscono forti pressioni circa la loro forma fisica. Per l'attore, la rigidità dei canoni estetici imposti dal sistema non è una questione di genere, ma coinvolge tutti.

Richard Madden Getty Images

3 condivisioni 0 commenti

Nell'era del #MeToo e del postfemminismo, suona paradossale parlare ancora di canoni estetici, di rigidi standard cui la società costringe ad adeguarsi alle volte con conseguenze pericolose, addirittura disastrose. Soprattutto a Hollywood, dove l'apparenza è tutto, rispondere a determinati parametri sembra purtroppo essere necessario per fare carriera. Spesso si chiede "solo" di dimagrire, alle volte addirittura di nascondere la propria sessualità - è il caso di Ellen Page, che ha recentemente dichiarato di aver subito forti pressioni prima e dopo il suo coming out - e opporsi può essere difficile, specialmente se vincono paura e senso di inadeguatezza.

La discriminazione, a partire da quella basata sull'aspetto fisico, non è da considerarsi però una questione di genere, al contrario di quel che si possa pensare.

Richard Madden, attore di Bodyguard, ne ha parlato a Vogue UK, dichiarando a gran voce:

Non capita solo alle donne, succede anche a noi uomini, continuamente.

Specialmente se coinvolti in scene di nudo, gli attori vengono costretti ad allenamenti durissimi e a diete drastiche:

Stiamo proiettando un'immagine del corpo irreale e ingannevole. Spesso mi ritrovo sui set con amici e colleghi: magari abbiamo mangiato pochissimo, siamo andati due volte in palestra nello stesso giorno ad allenarci per una scena in cui non dobbiamo fare assolutamente niente. Quindi non possiamo fare altro che guardarci e dirci: 'Stiamo solo alimentando un sistema malsano a cui noi stessi siamo contrari'.

In Bodyguard, Madden interpreta il veterano dell'esercito britannico David Budd, ingaggiato come agente nel comando di protezione del Metropolitan Service di Londra per scortare il Ministro dell'Interno Julia Montague (Keeley Hawes) con cui intreccia una relazione. Nella prima stagione della serie - pare ne sia prevista una seconda, ma per ora non si conoscono dettagli - ci sono molte scene di nudo, ragion per cui è possibile che il suo sfogo si ricolleghi anche alla preparazione affrontata per il ruolo di David Budd.

Presto vedremo l'attore impegnato in alcune scene di sesso con Taron Egerton in Rocketman, biopic sulla vita di Elton John che arriverà al cinema in Italia il prossimo 30 maggio. Nel film Madden interpreta John Reid, manager del baronetto del pop (Egerton) e suo compagno per circa 5 anni.

Le critiche mosse a Hollywood per le forti pressioni imposte agli attori non hanno niente a che vedere con l'opinione di Richard Madden sul nudo e il sesso al cinema. L'attore non è assolutamente contrario a mostrarsi senza veli, a maggior ragione se si tratta di scene funzionali ai fini della trama di un film e dei suoi personaggi.

Ecco come ha commentato, per esempio, le scene di sesso girate per Rocketman:

Il film è una celebrazione assoluta di tutto ciò che è Elton John, e la sua sessualità ne fa parte.

Che ne pensate delle dichiarazioni di Richard Madden? Anche secondo voi gli uomini subiscono le stesse pressioni delle donne per il loro aspetto fisico?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE