Stai leggendo: In Grecia è nato un bambino da tre genitori diversi

Letto: {{progress}}

In Grecia è nato un bambino da tre genitori diversi

Un team di dottori greci e spagnoli ha realizzato una procedura sperimentale di fecondazione assistita che ha coinvolto due donne e un uomo, e dalla quale è nato un bimbo in perfetta salute.

Un neonato che dorme iStock

1 condivisione 0 commenti

Dei dottori specializzati in medicina della fertilità in Grecia e in Spagna hanno fatto nascere un bambino con tre genitori biologici.

Il bimbo è nato martedì 10 aprile, e pesa 2.9 kg: sia lui che la mamma sono in ottima salute.

I dottori dicono che il risultato è un traguardo storico nella medicina, che potrebbe aiutare molte coppie in giro per il mondo. Il motivo per cui questo bimbo è stato concepito in tal modo è dovuto all’infertilità della mamma, ma la procedura seguita ha sollevato questioni di etica già da più parti.

Si tratta di una forma sperimentale di fecondazione assistita che usa un ovulo della mamma, sperma del padre e un altro ovulo dalla donna donatrice. Questa tecnica è stata sviluppata per aiutare le famiglie in cui ricorrono patologie mitocondriali letali, trasmesse dalla madre ai figli. In queste malattie, i mitocondri, ovvero dei minuscoli compartimenti all’interno di quasi tutte le cellule del corpo che trasformano il cibo in energia utilizzabile, sono difettosi, quindi combinare il DNA della madre con i mitocondri di una donatrice può prevenire l’insorgere della malattia nel nascituro.

Finora era stato tentato una sola altra volta, con una famiglia in Giordania nel 2016, e già all’epoca il caso aveva sollevato un polverone di proteste per questioni etiche. Secondo alcuni dottori, però, questa procedura potrebbe anche migliorare le probabilità di successo della fecondazione assistita, e altri che pensano che i mitocondri giochino anche un ruolo importante nel successo di una gravidanza, anche se questa supposizione non è ancora stata verificata.

La paziente che si è sottoposta al trattamento è una donna greca di 32 anni che aveva già tentato quattro volte, ma senza successo, la fecondazione assistita. Ora ha un figlio, ma nel corredo genetico del neonato c’è una piccola parte del DNA della donatrice, perché i mitocondri hanno il loro DNA.

Il dottor Panagiotis Psathas, presidente dell’Institute of Life ad Atene, ha commentato: “Il diritto inalienabile di una donna di diventare madre con il suo patrimonio genetico è diventato una realtà”. Il medico ha proseguito: “Siamo molto orgogliosi di annunciare un’innovazione internazionale nella riproduzione assistita, e ora siamo nella posizione di rendere possibile alle donne che hanno avuto insuccesso più volte con la fecondazione assistita, o che hanno rare malattie mitocondriali, di avere un bimbo sano”.

View this post on Instagram

Catching Sperm 🎣 A quick video of a sperm being selected for insemination. We look for the ones with the best “normal” morphology that also has good progressive motilty. That means that the sperm is swimming forward at a good speed We cut the tail to activate the sperm and start the “acrosome reaction”, a process that normally occurs naturally when egg and sperm meet but with ICSI we inject so we bypass this mechanism so thus we have to manually start the acrosome reaction Improper activation ie poor cutting may result in fert failure as the sperm will not switch on even though its inside the egg ABSOLUTELY the experience of the Embryologist determines the fert outcome and development days 1-6 so always discuss with the lab who is doing your case. There is alot of variation btw staff and everyone always knows “the better one”! For icsi you would expect on avg btw 80-85% fert but a top embryologist will get around 90% or higher. IVF Explained . . . . #ivfexplained #ivf #ivfjourney #ivfsuccess #ivfpregnancy #ivfbaby #sperm #spermdonor #spermtest #baby #ttc #ttccommunity #ttcsisters #pregnancy #pregnant #babyboy #babygirl #ivficsi #ivftwins #ttcsupport #twins #et #icsisters

A post shared by IVF Explained (@ivf_explained) on

Il team greco ha collaborato con il centro spagnolo Embryotools, che ha annunciato che già altre 24 donne stanno partecipando all'esperimento e otto embrioni sono già pronti per l’impianto. La tecnica è però stata ideata da dottori di Newcastle, che nel febbraio 2018 hanno ricevuto il permesso di far nascere il primo bimbo nato da tre genitori in UK.

Proprio in Regno Unito, dunque, ci sono state le maggiori proteste, e alcuni dottori dubitano della necessità d'inserire il DNA della madre negli ovuli della donatrice. Tim Child dell’Università di Oxford infatti ha detto: “La paziente potrebbe aver concepito anche al successivo tentativo di fecondazione assistita”.

Ancora, la dottoressa Beth Thompson di Wellcome Trust, che ha affermato:”La normativa inglese è basata su un’intensa partecipazione dei cittadini e solide prove scientifiche e permette che si valutino con attenzione tutti i rischi e i benefici. Siamo orgogliosi di sostenere il primo studio in UK sull’uso di tecniche di donazione di mitocondri in un ambiente attentamente regolato, ma ci preoccupiamo del fatto che questi studi possano essere stati realizzati senza tali livelli di controllo”.

View this post on Instagram

Making a baby in 20 seconds. Its a wonderful job to be able to combine eggs and sperm to create a new life! The process of ICSI can take a while to master and an experienced Embryologist should be nearing 85-90% fertilisation rate. The use of ICSI has certainly increased due to clinics suggesting that the higher fert rates take priority over conventional IVF insemination. This may not always be the case and alot of recent studies still demonstrate that natural selection of egg and sperm to be more favourable, pending that there is no male factor present. For sure there are factors of deciding the sperm that we cannot determine by just looking at them and choosing the nicest. Nature knows best IVF Explained #ivfexplained #ivf #ivfsuccess #ivfjourney #ivfpregnancy #ttc #ttcjourney #ttcsisters #ttccommunity #pregnancy #blastocyst #baby #icsi #icsisters #ivf2017

A post shared by IVF Explained (@ivf_explained) on

Cosa pensate di questa tecnica?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE