Stai leggendo: Outlander: Diana Gabaldon condivide con noi il futuro della serie

Letto: {{progress}}

Outlander: Diana Gabaldon condivide con noi il futuro della serie

Il nono libro della saga è finito. Cosa succederà a Jamie e Claire? L'autrice di Outlander non si sbilancia ma condivide la sua visione sul futuro della storia.

9 condivisioni 0 commenti

Sanguinose battaglie, triangoli amorosi, guerrieri in kilt e viaggi nel tempo, ecco come la scrittrice americana Diana Gabaldon ha conquistato milioni di lettori e affascinato i telespettatori. Stiamo parlando della saga di Outlander, otto romanzi, 25 milioni di copie vendute in 40 paesi diversi.

Diana è stata una professoressa di scienze per anni fin quando decise a metà degli anni '30 di scrivere un romanzo, solo per esercitarsi. Quell'esercizio divenne Outlander, il racconto di un’eroina atipica, Claire Randall, una giovane infermiera britannica che durante la seconda guerra mondiale inavvertitamente viene trascinata indietro di due secoli. Avventure, intrighi e romanticismo.

È difficile collocare questi libri all’interno di un genere come sottolinea la stessa autrice:

Come diceva il mio primo editor, questi devono essere libri acquistati per passaparola, perché sono troppo strani per descriverli a chiunque.

Ma il pubblico ha saputo innamorarsene e Diana Gabaldon è diventata una scrittrice cult.

Durante un viaggio in Scozia che lei così attentamente ha descritto, la scrittrice ha trovato il tempo di rilasciare un’intervista a The Scotsman, in cui non solo ha annunciato l’uscita del nono volume della saga ma anche cosa intende fare in futuro.

Gabaldon confessa di avere già un'idea, la serie di Outlander si concluderà con la pubblicazione di due libri che verranno dopo Go Tell The Bee That I am I Gone che presto sarà in libreria.

Uno sarà un prequel e si concentrerà sulla vita dei genitori di Jamie Fraser durante la ribellione giacobina del 1715, sarà una storia interamente ambientata in Scozia, mentre l’altro concluderà la serie e la storia di Jamie e Claire.

Quando le viene chiesto come si prepara al lavoro, Diana ha raccontato:

Seguo i personaggi. Quando comincio a lavorare su un nuovo libro, mi devo fermare e devo riappropriarmi di loro, capirne l’evoluzione, comprendere chi queste persone siano diventate. Si cambia, si invecchia, si hanno esperienze differenti e quindi anche ciò che gli capita è diverso.

Ha proseguito:

Il mio lavoro ha più fasi, scrivo piccoli pezzi, scene sconnesse che alla fine riunisco, formo dei blocchi, e pian piano questi blocchi si allineano lungo una sorta di linea cronologica, composta da eventi storici e personali vissuti dai personaggi, a quel punto… non resta che stabilire un tempo e un luogo per l’azione.

Su quello che farà dopo Outlander, Gabaldon scherza dicendo che un giorno dovrà morire, aggiungendo che ha 67 anni ma che la sua famiglia la fa ben sperare, oltre a essere in salute, i suoi parenti hanno vissuto ben oltre i novant’anni e niente vieta dice:

Dio permettendo, di essere così fortunata. Quindi se è così riuscirò a scrivere altri libri. 

Al momento Diana Gabaldon è ispirata dal personaggio di Master Raymond, lo speziale che compare in diversi libri della serie e che incontra la protagonista Claire Randall a Parigi, nella seconda stagione televisiva di Outlander. L’autrice conclude il ragionamento affermando:

Ho in mente di raccontare la storia del Master Raymond. In realtà non viene dalla Francia del XVIII secolo. So da dove viene e ha una storia molto interessante.

A chi le chiede da dove arrivi questo misterioso personaggio, Gabaldon risponde:

Oh, circa 3.500 aC.

Per Diana riavvolgere il tempo non è un problema, magia e scienza nei suoi romanzi si fondono e rievocare la storia è il suo mestiere.

 

Voi cosa vi aspettate?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.