Stai leggendo: Emilia Clarke e gli aneurismi: 'Ho avuto paura di non sapere più recitare'

Letto: {{progress}}

Emilia Clarke e gli aneurismi: 'Ho avuto paura di non sapere più recitare'

Quando fu colpita da due aneurismi, la paura di non poter più recitare e memorizzare le battute fu tanta per Emilia Clarke, la bella e coraggiosa Daenerys Targaryen di Game of Thrones. Oggi, l'attrice sta bene e cerca di sensibilizzare sul tema.

Emilia Clarke Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Emilia Clarke è tornata a parlare degli aneurismi di cui ha sofferto e che l’hanno quasi uccisa. La Daenerys Targaryen di Game of Thrones, durante un’intervista al CBS Sunday Morning, ha spiegato:

Vai sul set, reciti la parte di un personaggio tosto: cammini attraverso il fuoco, parli a centinaia di persone e ti viene chiesto di lavorare più che puoi. E quella è stata la cosa che mi ha salvato dal considerare la mia stessa mortalità, sì.

L’attrice 32enne ha spiegato che il secondo aneurisma l’ha quasi uccisa e ha causato la morte di una parte del suo cervello. Questo le ha fatto temere che la parte danneggiata potesse compromettere la sua capacità di memorizzare le battute, facendole perdere la sua abilità nel recitare:

Per molto tempo, ho pensato che in quella parte di cervello potesse esserci la mia capacità di recitare… ero in profonda paranoia. (…) Pensavo: 'Non posso recitare più? Voglio dire… è la mia ragione di vita da molto tempo.'

La prima volta che la Clarke ha parlato dei due aneurismi che l’hanno colpita è stato il mese scorso al New Yorker. Tutto accadde agli inizi de Il Trono di Spade quando, in preda allo stress, l’attrice britannica decise di sfogarsi in palestra: durante degli allenamenti, l’11 febbraio 2011, ebbe i primi sintomi dell’aneurisma.

Raggiunsi il bagno, mi piegai sulle ginocchia e vomitai tanto e violentemente. Nel frattempo, il dolore - una sensazione di colpi, pugnalate, percosse - peggiorava. In un certo senso, sapevo cosa stava accadendo: il mio cervello era danneggiato. Se una parte del tuo cervello non riceve sangue per un minuto, non funzionerà più: è come un cortocircuito.

Emilia perse i sensi e venne soccorsa per, poi, sottoporsi a un intervento chirurgico, seguito da una ripresa lenta e lunga. Nel 2013, mentre recitava la parte di Holly Golightly a Broadway, la Clarke ebbe un secondo aneurisma, seguito da una seconda operazione:

Negli anni, dopo la seconda operazione, sono guarita andando oltre ogni ragionevole speranza. Ora sto bene al 100%.

Questo ha spinto la Madre dei Draghi a volersi dedicare a un’attività di beneficenza che potesse aiutare chi ha sofferto della stessa patologia: è così che è nata SameYou, che ha lo scopo di aiutare chi ha avuto danni cerebrali o aneurismi a curarsi.

Emilia Clarke ha, poi, spiegato come quello che è accaduto le abbia fatto capire quanto sia fortunata ad essere sopravvissuta a ben due aneurismi.

Presto noi la rivedremo nel ruolo di Daenerys, nell’ottava e ultima stagione de Il Trono di Spade che andrà in onda, in contemporanea con gli USA, a partire dalla notte tra il 14 e il 15 aprile su Sky Atlantic.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE