Stai leggendo: Risotto con asparagi e zafferano, la ricetta primaverile con le verdure di aprile

Letto: {{progress}}

Risotto con asparagi e zafferano, la ricetta primaverile con le verdure di aprile

Gli asparagi sono uno tra gli ortaggi primaverili più ghiotti e saporiti, perfetti per un risotto dal gusto delicato, leggero e primaverile, si sposano benissimo con il profumo e il colore dello zafferano. Scopri la ricetta del primo piatto.

Ricetta risotto agli asparagi e zafferano @iStock

1 condivisione 0 commenti

Il risotto agli asparagi e zafferano è un grande classico tra i primi piatti che trionfano e colorano le nostre tavole primaverili. Un risotto leggero e sfizioso, da proporre sia a cena che a pranzo per tutta la famiglia. Un'accoppiata vincente, quella tra l'inconfondibile sapore degli asparagi e la tonalità e il profumo, brioso e delicato allo stesso tempo, dello zafferano. Le materie prime per la preparazione di questo risotto di Primavera fanno la differenza. Come scegliere allora  al meglio gli ingredienti per equilibrare i sapori ed ottenere un risultato degno di nota? E lo zafferano?

Scopri intanto la ricetta del risotto con zafferano e asparagi, verdura tipica del mese di aprile.

Informazioni

Ingredienti

  • Riso 320 g
  • Asparagi verdi un mazzetto
  • Brodo vegetale 40 ml
  • Pistilli di zafferano una punta di cucchiaino
  • zafferano in polvere una bustina
  • Scalogno uno
  • Parmigiano reggiano 80 gr
  • Burro una noce
  • Pepe verde q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Prima di tutto lava e pulisci gli asparagi, tagliali poi a cubetti e tieni in parte le punte.

     

  2. Pela e trita lo scalogno. Prendi una pentola ampia e anti-aderente e fai sciogliere il burro. 

  3. Fai imbiondire lo scalogno. Aggiungi i gambi di asparagi a cubetti e un pizzico di sale. Falli saltare per qualche minuto a fiamma media. 

     

     

  4. Bagna gli asparagi con un po' di brodo vegetale e mescola. Aggiungi il riso e mescola, versa ancora brodo e lascia cuocere fino a quasi cottura. 

     

  5. Aggiungi il resto del brodo mescolato con la bustina di zafferano e incorpora anche le punte di asparagi. 

  6. Termina il risotto mantecando con il Parmigiano, regolando di pepe e decora il piatto con qualche profumatissimo pistillo di zafferano. 

Asparagi, quali sono le migliori varietà nazionali?

Asparagi, ortaggio di primaveraHD@Pixabay

Le varietà di asparago italiano sono davvero molte e si differenziano soprattutto dal tipo di territorio di provenienza e dal terreno di coltivazione. Dall'asparago montano o selvatico, dal retrogusto più amarognolo e intenso fino a quello bianco di Bassano del Grappa famoso per le note dolce-amare, o a quello rosso tipico delle pianure della Brianza, dal sapore piacevole e più dolce, il gusto degli asparagi può essere molto differente e dare un risultato finale completamente diverso al nostro piatto. Per bilanciare bene i sapori e l'alchimia della nostra ricetta, meglio prediligere una tra le selezioni locali tra più tradizionali, quello verde, dal gusto deciso ma non troppo, in modo da non coprire del tutto una spezia delicata e pregiata come lo zafferano

Zafferano, spezia nostrana

Lo zafferano, conosciuto e amato dagli chef di tutto il mondo, è una tra le spezie più pregiate e raffinate. Dalle numerose qualità e proprietà benefiche, lo zafferano è una vera e propria ricchezza in cucina. Lo sapevi che in Italia ci sono molte aziende che si occupano della coltivazione di questa preziosa spezia? Esiste anche un'associazione nazionale a tutela dello zafferano italiano. Ma come è arrivato lo zafferano dall'Oriente fino a qui? Si dice che fu un monaco abruzzese del Tribunale dell’Inquisizione ad introdurre la nobile spezia in Italia nel XIV secolo anche se dalla memoria storica sembrerebbe che al Sud d'Italia, in particolare in Sicilia, la coltura di zafferano fosse già presente da molto tempo prima. 

Vota la ricetta

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.