Stai leggendo: Q-Force, un James Bond gay nella comedy animata prodotta da Sean Hayes di Will & Grace

Letto: {{progress}}

Q-Force, un James Bond gay nella comedy animata prodotta da Sean Hayes di Will & Grace

In cantiere una serie animata prodotta da Sean Hayes con al centro un gruppo di spie LGBTQ.

Un gruppo di spie gay per la serie animata Q-Force Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Un agente segreto, come James Bond, ma gay e circondato da un gruppo di spie LGBTQ. Questa è la trama di una nuova serie animata per adulti, ordinata in 10 episodi da Netflix e che vanta una squadra di autori e produttori esperti del mondo della commedia. 

Sotto la guida di Universal Tv, a produrre Q-Force, questo il titolo della serie animata, ci saranno Sean Hayes di Will & Grace con la sua casa di produzione Hazy Mills gestita con Todd Milliner, ma anche la Fremulon di Mike Schur (The Good Place) e la sceneggiatura è di Gabe Liedman, autore di Brooklyn Nine-Nine. 

Al centro di Q-Force ci sarà un affascinante agente segreto gay, che secondo le indiscrezioni riportate da deadline potrebbe essere doppiato da Sean Hayes, che lavora insieme a un gruppo di spie LGBTQ. Sottostimati dai colleghi, i membri del Q-Force dovranno sempre provare le loro capacità ogni volta che intraprendono una nuova avventura sia professionale che personale. 

Q-Force Sean Hayes e Todd Milliner produttori della serie animata con spie gayHDGetty Images
Sean Hayes e Todd Milliner i produttori della serie animata con spie gay di Netflix

Sembra che Hayes e Milliner provassero da tempo a realizzare una serie su una spia gay e finalmente hanno trovato il modo giusto per farlo attraverso una versione animata. Per la Hazy Mills sarà la prima serie animata e la prima produzione per una piattaforma di streaming.

Milliner ha spiegato che l'animazione permetterà loro di realizzare tutto quello che altrimenti non potrebbero fare "perché una serie TV sulle spie è costosa" mentre il formato animato ti permette di realizzare sequenze d'azione, di viaggiare senza dover spendere troppo. 

Sean Hayes ha raccontato che non immaginava che uno studio avrebbe mai ordinato una serie "con un protagonista gay in questo genere di produzioni". Sembrava "una regola che non si poteva violare, l'ultimo baluardo della virilità da non infrangere" ha aggiunto Milliner. Tutti elementi superati anche grazie alla formula animata. 

Non resta che vedere all'opera le spie di Q-Force per capire se l'operazione è effettivamente riuscita. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE