Stai leggendo: Il Principe Harry ora è su Instagram, ma reputa i social più pericolosi di droga e alcool

Letto: {{progress}}

Il Principe Harry ora è su Instagram, ma reputa i social più pericolosi di droga e alcool

Nonostante sia da poco approdato su Instagram, il Principe Harry non ha una buona opinione dei social media. Nel corso di un intervento sulla salute mentale a Londra li ha definiti insidiosi perché creano dipendenza.

Il Principe Harry Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Il suo esordio su Instagram in coppia con la moglie Meghan Markle è stato da record, ma il Principe Harry non è un grande sostenitore dei social media. Il secondogenito di Carlo e Diana, ospite dell'ente di volontariato YMCA di Londra in occasione di una tavola rotonda sulla salute mentale dei bambini organizzata dall'associazione Heads Together (di cui si occupa anche il Principe William), ha espresso il proprio punto di vista su piattaforme social e videogiochi definendoli più pericolosi delle droghe e dell'alcool.

Anch'essi, infatti, possono creare dipendenza, specialmente nei più giovani. L'assenza di normative e di restrizioni specifiche li rendono, anzi, ancora più insidiosi:

I social media creano più dipendenza di droghe e alcool e sono anche più pericolosi perché non esistono restrizioni. Videogiochi come Fortnite, per esempio, non dovrebbero essere permessi.

Proprio su Fortnite, videogioco disponibile praticamente su ogni tipo di dispositivo tecnologico, Harry si è espresso in modo inequivocabile:

Qual è il vantaggio di avere un gioco del genere in famiglia? È stato creato per dare dipendenza, per tenere la gente incollata allo schermo di un computer il più a lungo possibile. È così irresponsabile.

Il Principe Harry si è poi espresso sul tema focus dell'incontro: l'importanza della salute mentale negli adulti e specialmente nei bambini. Secondo il Principe, i problemi mentali sono ancora un tabù:

C'è troppa negatività che circonda la salute mentale, e non c'è da stupirsi che sia così difficile per i giovani parlarne davvero. Dobbiamo ricordarci che è giusto ascoltarsi a vicenda e parlarsi quando non si sta bene mentalmente. Dopo tutto, il modo in cui pensiamo determina come agiamo e come ci sentiamo, come trattiamo noi stessi e gli altri.

Il Principe Harry durante un incontro sulla salute mentaleHDGetty Images
Il Principe Harry durante il suo intervento all'YMCA

Come il Principe William - che ha più volte raccontato di aver avuto problemi di ansia e depressione in alcuni momenti della sua vita - anche il Principe Harry ha davvero a cuore il tema della salute mentale, in particolar modo per quanto compete i più piccoli. Forse per il Royal Baby in arrivo, Harry sembra essere molto vicino ai bambini e trovarsi particolarmente a proprio agio con loro, in questo periodo più del solito.

Lo dimostrano alcune immagini che lo ritraggono con una classe di danza classica all'YMCA. Il Principe si è divertito a prendere lezioni con bambini molto piccoli, omaggiando in qualche modo la forte passione per il ballo che aveva sua madre Lady Diana.

Il Principe Harry a scuola di danza classicaHDGetty Images
Il Principe Harry a lezione di danza con alcuni piccoli ballerini

La nascita del primo figlio di Harry e Meghan - di cui non si conosce ancora il sesso - è prevista per la seconda metà di aprile, e ormai è tutto pronto per accogliere il nuovo arrivato. La coppia si è trasferita a Frogmore Cottage con l'obiettivo di crescere il bebè nella più assoluta riservatezza, lontano (per quanto possibile) dalla rigidità del protocollo reale.

Principe Harry in una posizione di danza classicaHDGetty Images
Il Principe Harry si cimenta nel balletto

Di certo, Harry sarà un ottimo papà.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.