Stai leggendo: James Corden: 'Cinema e TV discriminano gli attori sovrappeso, i nostri personaggi non possono amare'

Letto: {{progress}}

James Corden: 'Cinema e TV discriminano gli attori sovrappeso, i nostri personaggi non possono amare'

Ospite del podcast dell'attore David Tennant, James Corden ha raccontato la sua esperienza come attore in Inghilterra e a Hollywood, rivelando che per le persone sovrappeso non esistono ancora le stesse opportunità che hanno gli altri.

0 condivisioni 0 commenti

James Corden ha voluto sottolineare una forma di discriminazione ancora perpetuata nel mondo dello spettacolo nei confronti delle persone sovrappeso.

Ospite del podcast condotto dalla star di Doctor Who e Jessica Jones, David Tennant, il famoso conduttore televisivo e attore ha lamentato la mancanza di opportunità che il mondo del cinema e della TV riserva agli attori con qualche chilo in più: “Se arrivassero gli alieni ad analizzare la vita sulla Terra solo tramite ciò che viene mostrato nei film o in TV, si immaginerebbero che se sei paffuto o grasso o grosso, non ti innamori mai davvero, non fai mai sesso”.

La prima volta in cui Corden si è reso conto di questa forma di discriminazione è stato quando faceva parte del cast di History Boys di Alan Bennett nel 2004: “Ero in questo spettacolo con altri sette ragazzi, più o meno coetanei e tutti allo stesso punto nelle nostre rispettive carriere. Quasi ogni giorno, tre o quattro di questi ragazzi arrivavano tenendo sottobraccio enormi copioni”.

Il presentatore 40enne ha ricordato: “Gli davano copioni per i ruoli da protagonista, e a me arrivavano due pagine per fare il giornalaio all’inizio del film”.

Mi sentivo come se mi stessero dicendo: ‘Pensiamo che tu sia molto bravo. È solo colpa del tuo aspetto’.

James Corden ha proseguito: “Di certo nessuno ti trova mai davvero attraente. Sarai amico con le persone attraenti e spesso offrirai loro grande consolazione e magari butti lì qualche battuta ogni tanto”.

Sembrava che il mondo dello spettacolo fosse un grande banchetto, ma a me dicevano: ‘Non c’è posto per te qui’.

Nonostante l’indiscutibile discriminazione lamentata da Corden, l’artista inglese è riuscito a ricavarsi un ruolo di tutto rispetto nel mondo dell’intrattenimento: sorprendendo tutti, nel 2015 è diventato il successore di Craig Ferguson alla conduzione del Late Late Show sull’emittente americana CBS, creando uno spettacolo ormai amato e seguitissimo, che ha dato vita anche al famigerato segmento Carpool Karaoke (per cui ha vinto un Emmy) e ha fatto di Corden uno dei più apprezzati conduttori TV negli States e non solo. E tutto senza mai vergognarsi del suo aspetto!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.