Stai leggendo: Equal pay: Kit Harington pagato tre volte una protagonista femminile

Letto: {{progress}}

Equal pay: Kit Harington pagato tre volte una protagonista femminile

Sophie Turner ha rivelato il compenso del collega Kit Harington per ogni settimana di lavoro, sul set di Game of Thrones. Secondo l'interprete di Sansa Stark, l'attore che dàil volto a Jon Snow avrebbe guadagnato il triplo rispetto a lei.

Kit Harington Getty Images

3 condivisioni 0 commenti

Sophie Turner ha, recentemente, reso noto il compenso in Game of Thrones del collega Kit Harington: secondo quanto dichiarato ad Harper’s Bazaar UK dall’attrice, Harington avrebbe guadagnato il triplo rispetto a lei.

Nella serie, Kit interpreta Jon Snow, mentre la Turner veste i panni di Sansa Stark. L’attrice 23enne ha spiegato di ritenere giusta questa differenza, in quanto la parte di Harington sarebbe stata più grande e impegnativa rispetto alla sua. Secondo quanto riferito, Sophie avrebbe guadagnato 158mila sterline a settimana – circa 185mila euro – mentre l’attore 32enne avrebbe intascato 537mila sterline, ossia 627mila euro circa.

Kit ha guadagnato più soldi di me, ma ha avuto una parte più grande. (…) Nell’ultima stagione, ha avuto circa una settantina di riprese notturne e io non ne ho avute così tante. Ho pensato: ‘Sai cosa? Tieniti pure quei soldi.’

L’Equal Pay non sembra, ad ogni modo, essere un problema che riguarda l’HBO, che si è mossa per colmare eventuali differenze di salario tra uomini e donne impegnati nelle serie TV del network. Qualche tempo fa, come riportato dall’Hollywood Reporter, il presidente della programmazione Casey Bloys aveva dichiarato:

Abbiamo appena terminato la nostra ricerca, durante la quale ci siamo assicurati che non vi fossero disparità inappropriate nelle retribuzioni e, dove c'erano, se ne trovavamo, le abbiamo corrette: questo è un risultato diretto del movimento Time's Up.

Sembra che non siano state, dunque, riscontrate delle disparità nelle retribuzioni in quanto, secondo i dati, le differenze sono imputabili non al sesso di appartenenza, ma semplicemente all’importanza del personaggio interpretato e alla presenza dell’attore all’interno della serie. Pare, ad esempio, che Kit Harington, Emilia Clarke (Daenerys Targaryen), Lena Headey (Cersei Lannister), Nikolaj Coster-Waldau (Jamie Lannister) e Peter Dinklage (Tyrion Lannister) abbiano guadagnato la stessa cifra per ogni episodio.

View this post on Instagram

Characters posters are here. #ForTheThrone

A post shared by gameofthrones (@gameofthrones) on

Da quando David Benioff e D.B. Weiss hanno realizzato l’adattamento della saga di romanzi Cronache del ghiaccio e del fuoco (A Song of Ice and Fire) di George R.R. Martin – Il Trono di Spade va in onda dal 2011 sulla HBO – la Turner ne ha fatto parte ogni stagione nei panni di Sansa Stark. Mentre il suo capitolo sta volgendo al termine, Sophie sta già soffrendo per la perdita:

È come una morte in famiglia. Sto perdendo il personaggio che ho interpretato a lungo.

Durante il Late Show con Stephen Colbert, Harington ha dichiarato di aver avuto dei problemi a tenere le sue emozioni sotto controllo, dopo aver appreso cosa accadrà al suo personaggio nell’ottava e ultima stagione. Come riportato da People, Kit ha spiegato:

Ero scioccato e sorpreso di come alcuni eventi si svolgessero e, poi, ho pianto, ho pianto… sì.

L’ultima stagione di Game of Thrones andrà in onda su Sky Atlantic, dal prossimo 14 aprile.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.