Stai leggendo: Lontano dal caos: 5 destinazioni europee di viaggio dove ritrovare la pace nel 2019

Letto: {{progress}}

Lontano dal caos: 5 destinazioni europee di viaggio dove ritrovare la pace nel 2019

Quando lo stress è insopportabile, viaggiare è un'ottima "cura" per ritrovare serenità e sorriso. Scopriamo insieme delle mete perfette per rilassarsi, immerse nell'arte e nella natura: Svizzera, Umbria, Camargue, Scozia e Andalusia.

Tramonto in Camargue iStock

24 condivisioni 0 commenti

Indice: Pagina 1 Lontano dal caos: 5 destinazioni europee di viaggio dove ritrovare la pace nel 2019

Il caos cittadino o il tran tran quotidiano, a volte, possono pesare come macigni sulle nostre spalle. Per abbandonare monotonia e problemi quotidiani, per alleggerire lo stress e per sentirsi di nuovo in pace con se stesse e con il mondo, non c'è niente di meglio di una (anche breve) vacanza rilassante, preferibilmente in piccole e graziose cittadine impreziosite da perle artistiche e abbracciate da una placida natura.

Scopriamo insieme 5 destinazioni per una vacanza rilassante nella natura, perfette per ricaricarsi e per ritrovare equilibrio e sorriso nei prossimi mesi.

Vacanze nella natura: la verde e medievale Umbria

L'Umbria è una delle regioni più suggestive d'Italia e, per il paesaggio e le architetture, richiama la splendida, vicina e più costosa Toscana.  In questa piccola perla nostrana, a parte il bellissimo capoluogo, Perugia, terra di cioccolato, storia e atmosfera medievale (non perdetevi il raffinato e gotico Palazzo dei Priori), ci sono decine e decine di mete rilassanti e intriganti.

Vista di AssisiHDiStock
Idilliaca vista di Assisi, cuore religioso dell'Umbria e d'Italia

Assisi è uno dei must see della regione e uno dei luoghi sacri centrali del Medioevo, soprattutto perché diede i natali, nel lontano 1181, a quello che sarebbe diventato il santo patrono d'Italia: San Francesco. Meravigliosa è la sua Basilica.

Divisa in una parte superiore e in una inferiore, questo edificio gotico consacrato nel 1253 è stato riconosciuto Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO nel 2000 e custodisce al suo interno alcuni degli affreschi più importanti della storia dell'arte del nostro paese, come, ad esempio, la "Maestà" di Cimabue e il magnifico ciclo pittorico chiamato "Storie di San Francesco" e attribuito a Giotto.

Molto belle anche la Basilica di Santa Maria degli Angeli, con la sua Porziuncola, ossia una piccola cappella dove San Francesco si recava a pregare, la Chiesa di Santa Chiara e la Piazza del Comune, circondata dalla Torre del Popolo, il Palazzo dei Priori e la Fontana dei Tre Leoni. Scoprite, poi, Orvieto, altra meta serenamente accogliente e piacevolmente sospesa nel tempo.

Le profondità del Pozzo di San PatrizioHDiStock
Vertiginosa vista del Pozzo di San Patrizio

A Orvieto vi aspettano la paesaggisticamente arroccata Fortezza di Albornoz, dai cui giardini è possibile ammirare il romantico panorama umbro, l'alta Torre del Moro, la suggestiva Piazza del Popolo e l'intrigante (e forse anche un po' inquietante) città sotterranea.

Le due attrazioni più belle della cittadina, però, sono il Pozzo di San Patrizio, possente opera d'ingegneria idraulica realizzata, per volere di papa Clemente VII, da Antonio da Sangallo il Giovane tra il 1527 e il 1537, e l'impressionante Duomo, dedicato a Santa Maria Assunta. La sua costruzione iniziò nel 1290, mentre sul soglio pontificio sedeva Niccolò IV, ma si concluse solo nel XVI secolo. Di stile romanico-gotico, la basilica è contraddistinta da una magnifica facciata policroma finemente decorata a cui hanno lavorato oltre 20 artisti durante centinaia di anni. 

Il Duomo di OrvietoHDiStock
Il Duomo di Orvieto, con la sua magnifica e iconica facciata

Tra le altre mete raccomandate, ci sono, poi, Narni, Todi, Spoleto e Gubbio, tutte preziosamente medievali e caratterizzate da scorci magici e leggendari.

L'Umbria è nota anche come "cuore verde d'Italia" per la sue eccellenti attrazioni naturalistiche. Rilassatevi presso il Lago Trasimeno, amato anche da Lord Byron, e passeggiate nei boschetti circostanti. Dedicatevi al trekking e alle escursioni. Curiosate lungo i percorsi che circondano la mozzafiato Cascata della Marmore, alta ben 165 m e poco distante da Terni, graziosa città dove passato medievale e moderna realtà industriale si sono fuse armoniosamente. 

Vista della Cascata delle Marmore, poco distante da TerniHDiStock
Splendida vista della Cascata delle Marmore, spettacolo della natura poco distante da Terni

Dove mangiare

Per rendere questa vacanza ancora più memorabile, lasciatevi tentare dall'enogastronomia della regione: sorseggiate un buon bicchiere di vino, tra cui Sagrantino di Montefalco, Torgiano e Grechetto, e assaggiate i sostanziosi piatti tipici locali, tra cui salumi, affettati, ciriole alle ternana, gnocchetti alla collescipolana, torte al testo (focacce ripiene) e tartufo.

Ad Assisi, vi suggeriamo di provare l'Osteria La Piazzetta Dell'Erba, dove, circondati da un ambiente chic e pittoresco, potrete degustare piatti classici rivisitati, la tradizionale e accogliente Taverna dei Consoli e l'Hostaria Terra Chiama, attenta ai gusti ricercati e genuini.

View this post on Instagram

#crunchristoranteterni #tunafish#skyline

A post shared by Crunch Ristorante (@crunch_ristorante) on

Ad Orvieto, invece, non possiamo che consigliarvi la Tipica Trattoria Etrusca, situata in un meraviglioso palazzo cinquecentesco, e la storica Trattoria del Moro Aronne, dove assaggiare assolutamente la famosa carbonara di fave! Anche a Terni avrete l'imbarazzo della scelta. Il raffinato Crunch offre un eccezionale menù di terra e mare, con piatti che vanno dal "sashimi di salmone, fragole, pomodoro pachino, maionese ai ricci di mare e gelato al mojito" alla "coda di astice in tempura, la chela panata ai grissini, ceci, asparagi, burrata e bacon croccante".

L'Umami garantisce una cucina impeccabile, dove "i sensi si perdono e percorrono nuovi itinerari". Tra i suoi piatti più gustosi, non perdetevi il "tomino-burger con marmellata di peperoncino e crema di pomodorini confit" e "le orecchiette con cime di rapa, gamberi, liquirizia e fumo di rosmarino".

Last but not least, poi, vi raccomandiamo il Fat Art Club, un ristorante-lounge bar dall'atmosfera sognante e iconica, un incrocio tra un film di Lynch e un bistrot parigino degli anni '20, dove vi aspettano ottimi cocktail e piatti squisiti, dalla ceviche al "tataki di tonno, crema di topinabur, zenero marinato e misticanza di campo".  

Dove dormire e rilassarsi

Tra i migliori alberghi dell'Umbria, risalta il fiabesco Park Hotel Ai Cappuccini Wellness & Spa di Gubbio. Questo hotel ha riconvertito, con moderni confort, un antico monastero seicentesco d'incommensurabile bellezza e, oltre a raffinate camere, offre anche programmi benessere, trattamenti estetici, piscine, una galleria d'arte e un ristorante. 

Precedente Successivo Lontano dal caos: 5 destinazioni europee di viaggio dove ritrovare la pace nel 2019
Indice:

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE