Stai leggendo: Standard di bellezza: in Giappone le donne preferiscono gli uomini glabri

Letto: {{progress}}

Standard di bellezza: in Giappone le donne preferiscono gli uomini glabri

Un piccolo sondaggio condotto su un campione di donne giapponesi ha rivelato che quasi tutte preferiscono un uomo completamente glabro, e la classifica delle parti del corpo maschile su cui la peluria è considerata più fastidiosa è sorprendente.

Un modello sfila per Dplce & Gabbana Getty Images

32 condivisioni 1 commento

Quando si tratta di petto più o meno villoso oppure glabro, le preferenze delle donne divergono di molto, ma pare che in Giappone il favore sia concesso con grande margine all’uomo completamente depilato.

Nel paese del Sol Levante, infatti, l’unica parte del corpo maschile in cui le donne voglio abbondanza di follicoli è la testa: il tipo ideale infatti deve essere magro e sfoggiare una folta capigliatura, ma petto, braccia e gambe non devono avere peli.

Così rivela un sondaggio condotto da una compagnia di cosmetici, Purasesu Pharmaceuticals, in cui un campione di donne da tutto il paese, d’età compresa tra i 15 e i 29 anni, ha risposto alla domanda: “I peli sul corpo del tuo ragazzo ti danno fastidio?”. L’89.2% delle donne intervistato ha reagito con un inequivocabile “sì!”, e il 61.5% di queste ha detto in particolare “mi dà fastidio”, mentre un ulteriore 27% ha detto “mi dà un po’ fastidio”. Solo il 10.8% ha risposto dicendo “Non mi dà alcun fastidio”.

Quando poi è stato chiesto di articolare la risposta con delle opinioni, molte hanno dichiarato che “anche se gli uomini hanno un bel volto, i peli sul corpo mi disgustano!”. Altre donne hanno commentato dicendo che d’estate trovano imbarazzante, negli uomini in costume che si incontrano in piscina, la vista dei peli sul petto e la linea di peli che dall’addome scende verso il pube. Qualcuna ha detto che la peluria è particolarmente fastidiosa sui tipi con l’incarnato pallido, mentre ad altre dà fastidio che si intravedano i peli dalle scollature a V delle maglie.

In generale, sebbene le donne giapponesi trovino spesso antiestetici i peli sulle gambe degli uomini, è su quelli del petto che converge il disgusto, seguiti da quelli sull’addome. Sembra poi che la vista inaspettata di peli sul corpo dell’uomo sia qualcosa che proprio non piace: c’è chi ha detto di essere rimasta sconvolta dalla lunghezza dei peli sulle braccia del ragazzo la prima volta che questi ha indossato una t-shirt in sua presenza, oppure chi si è detta “disillusa” alla vista di quelli sull’addome, o da come si potevano intravedere attraverso gli strappi dei jeans. Una persona ha addirittura trovato fastidiosi i peli sulle dita, mentre per un’altra la scoperta della peluria del compagno ha segnato la fine di un appuntamento.

Ci stavamo divertendo alla fine del nostro appuntamento, ma i peli scuri su tutto il suo corpo hanno rovinato l’atmosfera

Al terzo posto nella classifica del “disgusto” ci sono i peli sulle gambe, seguiti da quelli sulle braccia, le mani e le dita, e alla fine - cosa un po’ sorprendente - sulla schiena, cosa che invece generalmente è causa di lamentele da parte delle donne occidentali.

Il sondaggio è andato avanti chiedendo se gli uomini in questione avessero poi preso misure per liberarsi dei peli, e l’87.7% ha detto di sì. Molte in particolare hanno spiegato che gli uomini che si preoccupano almeno di eliminare la peluria dall’addome e dal petto danno l’impressione di essere più puliti. Una donna poi ha commentato le risposte alla luce degli standard che ci si aspetta dal “gentil” sesso:

Se gli uomini sono così irremovibili con i peli delle donne, devono far attenzione anche ai loro.

Va però segnalato che il campione di donne esaminato non è molto ampio: si tratta infatti di 65 individui sparsi per il paese… Quindi non può dirsi davvero rappresentativo, anche se un rapido sguardo alle celebrità nipponiche fa propendere per l’idea che lo standard di bellezza sia, in effetti, quello dell’uomo completamente glabro.

A voi piace l’idea di un uomo completamente depilato?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.