Abiti da sposa: 100+ foto di abiti da sogno per il 2019

Collage abiti da sposa 2019

Un abito da sposa è per sempre, e per questo bisogna sceglierlo con cura. Dal pizzo al tulle, dal taglio a principessa a quello a sirena, ecco i trend wedding da non perdere per il 2019.

L’abito da sposa non è un look qualunque. Solenne, principesco, fuori dagli schermi, lungo, corto, a sirena, ampio, in pizzo o in tulle, è sempre e comunque “one shot”: non ci sarà una seconda occasione (o almeno si spera!) per indossarlo, per cui fare la scelta giusta è assolutamente fondamentale per il grande giorno. Culturalmente e storicamente il vestito da sposa, generalmente bianco o avorio (ma c’è chi lo sceglie nude, cipria o addirittura rosso e di altri colori), è investito di un potente significato emotivo e simbolico: non a caso segna il passaggio dallo status di nubile a sposata, e deve essere da sogno.

La ricerca dell’abito da sposa avviene circa 7-9 mesi prima delle nozze, ma ci sono spose che preferiscono portarsi avanti girando per fiere e atelier e muovendosi in anticipo per trovare il vestito che hanno sempre sognato. La ricerca è un vero e proprio rito, che spesso coinvolge le mamme, le future suocere, le sorelle, le zie, le nonne e soprattutto le amiche del cuore. Non si tratta di una scelta semplice, per cui – sia per chi prende decisioni d’impulso che per chi preferisce ragionare – è necessario essere convinte al 100% prima di dire…“Yes to the dress”.

Nel 2019 i trend sono diversi e svariati: sono di moda, ovviamente, i modelli dei vestiti celebri indossati dalle spose dell'ultimo anno, da Meghan Markle con il suo abito Givenchy a Chiara Ferragni con il modello Dior, da Leslie Rose con il suo pizzo delicato a Priyanka Chopra, sontuosa e ricercata. I tagli semplici, sul modello Meghan Markle, vanno per la maggiore, insieme ai modelli sofisticati e delicati, con ricami quasi impercettibili. Al loro fianco non mancano i corti, come tubini o modelli anni '50 e anche  - grande novità degli ultimi anni - le jumpsuit e i nude look.

Abiti da sposa in pizzo

Il pizzo è uno dei tessuti più preziosi, romantici e amati per l’abito da sposa. Tessuti delicati, lavorazioni complesse e ricami sofisticati rendono l’abito ancora più ricercato (e costoso). Le ispirazioni sono tante e favolose, a partire dallo splendido vestito bianco indossato da Grace Kelly nel 1956, per convolare a nozze con Ranieri III di Monaco. Il look, disegnato da Helen Rose di MGM, è considerato uno dei più eleganti del ventesimo secolo e un’ispirazione per molte spose, inclusa Kate Middleton, che ha indossato un modello a maniche lunghe di Alexander McQueen per dire sì a William, nell’aprile 2011.

Chi amasse gli abiti da sposa in pizzo, eterei e splendidi, deve considerare che esistono diversi tipi di questo tessuto:

  • Pizzo Chantilly: nato in Francia all’inizio del 1700, è molto gettonato per i vestiti da sposa. Si tratta di un pizzo di seta leggero, con delicati ricami floreali. Etereo e morbido, dà luce al pizzo e lo mette in risalto
  • Pizzo Macramé: di origine araba, prevede ricami floreali in primo piano e non fluidi come quelli del pizzo Chantilly, affogato nella seta
  • Pizzo Rebrodé: è in rilievo e propone ricami di fiori delimitati da un cordone. È adatto a chi ama i punti luce
  • Pizzo Valencienne: a tombolo, di origine francese, è sofisticato e impalpabile

Chiaramente, a livello di prezzo, ci sono grandi differenze tra i ricami eseguiti a mano e a macchina, ma in ogni caso il pizzo è uno dei materiali più costosi per i vestiti da sposa. Ecco alcuni modelli in pizzo con rilievi e trasparenze, strascichi, sbracciati o con le maniche lunghe. Nel 2019 il pizzo delicato, retrò, con vibrazioni antiche continuerà a essere tra i trend, abbinato a tanti tipi di taglio: più classico e romantico, da principessa o a sirena.

Il pizzo è un evergreen: i tagli sono tradizionali, con spalline e fiori rigogliosi ricamati sulla superficie.

Non mancano modelli più estrosi, con un pizzo che sfocia nel cady di seta o altri tessuti, e crea voluminosi strascichi.

Ma anche modelli dal taglio morbido, che giocano con la lucentezza dello chantilly.

O proposte più estrose, con applique di perle o pietre, e il pizzo che sfocia nelle piume.

Altri modelli coniugano il pizzo con la sensualità e propongono trasparenze più o meno accentuate e profonde scollature.

Il pizzo può anche limitarsi alle rifiniture e sposarsi con altri tessuti.

Abiti da sposa corti

Gli abiti da sposa corti sono considerati ancora, nel 2019, fuori dagli schemi. Moderni, quasi trasgressivi e sbarazzini, danno l’idea di una sposa decisa, volitiva, determinata e frizzante. Alcuni modelli, come il Giambattista Valli scelto da Alessia Marcuzzi per le proprie nozze, propongono una gonna corta con un lungo strascico, intercettando delle vibrazioni superglam. Altri hanno la gonna a palloncino, altri ancora sono eleganti tubini anni ’50. Ognuna può scegliere il taglio che preferisce, consapevole che un abito corto si allontana leggermente dalla tradizione della sposa con un abito lungo e bianco.

I modelli di abiti da sposa corti sono moltissimi: da quelli sensuali, con scollature e microgonne, a quelli con ispirazioni anni ’50, in stile Audrey Hepburn (ricordate il suo vestito? Non era lungo fino ai piedi!), tubini, tutù di tulle con corpino a maniche lunghe, modelli tappezzati di strass, brillanti e gioielli, modelli sinuosi e aderenti o addirittura sleepwear. Le proposte sono infinite per le spose che scelgono il corto come state of mind o come vezzo modaiolo. Nel 2019 sono di moda i modelli con gonna a ruota con tessuti lisci, ma anche i raffinati tubini in pizzo, per un mood ladylike. 

Gli anni '50 non passano mai di moda, così come le gonne a corolla, coperte di maxi-pois.

Asimmetrie e scolli a cuore coniugano un taglio retrò con un mood più contemporaneo.

Ci sono abiti lunghezza té, con applicazioni o inserti.

 

Il corto oltre alle asimmetrie si può abbinare a ricami preziosi e a colori inusuali, come il celeste.

Fuori dagli schemi ma sempre affascinante è la sposa rock, che al corto in stile Madonna anni '80 aggiunge collant a rete, giubbotto in pelle, stivaletti e cintura.

Molto trendy è anche il modello corto davanti e con un maestoso strascico.

Il corto intercetta stili anche molto fuori dagli schemi, come questo delizioso completo mantellina e short, completamente in pizzo, perfetto per sposarsi al mare.

L'inesauribile fascino del tubino non passa mai di moda e il pizzo dà un tocco classy.

In questa versione più sobria aggiunge al tubino una giacca aperta, a maniche corte.

Abiti da sposa semplici

Chi ha una personalità essenziale, minimal e senza fronzoli è probabile che scelga un modello di abito da sposa semplice, senza applicazioni, gioielli e senza scollature o materiali eccessivi. Il mercato dei vestiti da sposa offre tante opzioni per “spose semplici”, che non vogliono strafare ma preferiscono abbracciare la sobrietà. Uno dei modelli più minimal di sempre (uno dei più amati da Meghan Markle) è stato quello di Carolyn Bessette Kennedy, che nel 1996 ha optato per un abito sottoveste, lucido, di seta, senza nessun tipo di decoro o applique.

Tra gli abiti semplici ci sono quelli in cady di seta, con o senza maniche e con un taglio regular. Il bianco ottico o l’avorio sono i colori più gettonati, con tanti tipi di scollo diverso: a V, a cuore, a barchetta, dritto, con spalline o con le maniche. Spesso la semplicità è la strada migliore per avere un look di classe, elegantissimo e applauditissimo. Ma ogni sposa deve fare la propria scelta in base a ciò che sente rispecchiarla, e chi non vuole troppe sovrastrutture è giusto che si concentri su un outfit minimal.

Questo modello ha uno spacco, un taglio essenziale e maniche lunghe leggere.

 

Questo modello dalle linee essenziali propone uno scollo a cuore e una cintura con fiori.

Leggiadro e impalpabile, questo abito ha spalline trasparenti e una cintura che spezza la semplicità del modello.

Il taglio minimal ed elegante della seta si accompagna a un velo ricamato e retrò.

La semplicità può limitarsi alle linee, optando per il tulle pomposo della gonna e un corpino ricco e sfavillante.

Anche la gonna ampia, su una texture delicata e ricamata, è una scelta classy e in gran stile.

La raffinatezza delle maniche si sposa con questo modello essenziale, con tante increspature.

Pizzo e seta si mescolano, incrociando una rifinitura di strass.

I tagli dritti e accollati - con o senza cut-out - rappresentano una delle scelte più classiche (anche con qualche vezzo estroso).

Abiti da sposa a sirena

La sirena rappresenta uno dei tagli più sensuali per un abito da sposa. Il luogo comune è dietro l’angolo negli atelier come nei gruppi di ragazze che commentano i wedding look: non tutte se lo possono permettere. Questo non è vero, perché qualunque fisicità può indossare una sirena, a patto di decidere quale taglio e quale forma sia più idonea alla propria silhouette.

L’abito da sposa a sirena consiste in una forma stretta nella parte superiore e più ampia in quella inferiore, a rapporti variabili: ci sono modelli strettissimi fino alla caviglia, per poi allargarsi in una sorta di balza, modelli che confluiscono dolcemente nell’allargamento della sirena, modelli che si allargano in modo quasi impercettibile, tessuti elasticizzati, scolli sulla schiena, applicazioni di diamanti, cristalli o altre pietre, che rendono l’ensemble ancora più femminile e ricco d’appeal.

Chi non ha un fisico longilineo può scegliere una sirena più morbida, e farà una splendida figura. È un taglio che tende a slanciare (se è quello adatto a un fisico o a un altro – per questo basta farsi consigliare dalle commesse e dagli esperti) e che dà un’immagine della sposa molto connotata, molto femminile e sexy. Di certo è sconsigliato a chi non si sente pienamente a proprio agio con questa forma: nel giorno del sì bisogna essere felici e non pensare neanche per un secondo di essere avvolti in qualcosa che non convince al 100%. La sirena può adattarsi a vari tessuti: il pizzo è un grande classico, che può mischiarsi a tulle o chiffon per un eventuale strascico.

Sinuosa e sensuale, la sirena può abbinarsi a trasparenze e scollature.

O allargarsi leggermente con uno spacco...

Tessuti raffinati e ricoperti di applique possono sposarsi con una mezzasirena. Questo modello, ricercatissimo, propone anche il cappuccio, sempre dello stesso tessuto prezioso.

Questo particolarissimo modello confluisce in un leggero taglio a sirena, abbinandolo con uno scollo bardot e maniche ampissime e velate.

La sirena può coinvolgere anche delle applicazioni floreali e colorate.

Ecco uno dei modelli più classici e amati, con il pizzo, le maniche lunghe e il taglio classico a sirena.

Romantico e sexy, questo taglio a sirena si apre su una gonna soffice e non troppo bombata.

Abiti da principessa

Anche l’abito da principessa è un grande classico, soprattutto per le spose che vogliono coronare il giorno delle nozze come una fiaba romantica e disneyana. I modelli in commercio sono infiniti e generalmente propongono un corpino aderente e una gonna ampia o ampissima, in seta o più spesso in tulle. Partendo da questa struttura, si possono trovare un’infinità di varianti, dai modelli con maxi-fiocco in vita a quelli con una leggera scollatura, da quelli con le balze alla cintura di strass, da quelli sormontati dai brillantini o cristalli Swarowski a quelli completamente in pizzo antico e romantico.

Con o senza maniche, con scollo a cuore o turtleneck, i vestiti da sposa da principessa stanno bene praticamente a tutte, grazie alla gonna ampissima che maschera eventuali difetti. Si tratta di abiti da sposa pomposi, che affondano le radici in un immaginario classico e tradizionale e che regalano alla sposa un sogno, una giornata surreale nei panni di una principessa. Si può spaziare tra tanti tessuti, diverse applique e tantissimi modelli. Non resta che scegliere quale mood e tipologia fa più per la sposa che si vuole essere.

Il taglio estroso e inconfondibile di Antonio Riva dona al modello principessa uno strascico elaboratissimo, fatto di ruche e balze.

 

I tagli più accollati e con gonna ampia vanno per la maggiore: da qualche stagione stiamo assistendo a un ritorno al fascino discreto del passato.

La principessa diventa sinuosa, contemporanea, con questo tessuto ricercato e queste maniche leziose.

Il mood di Sissi si percepisce completamente in questo abito ampio, retrò, con tanti fiori rosa.

Una gonna ampia, luccicante, mini-maniche e un corpino che brilla sono gli elementi più cercati da chi vuole un taglio principessa.

Ecco una variante con spalline, gonna ricca e ricercata e applicazioni lussuose.

Abiti da sposa colorati

Il colore è una scelta sicuramente fuori dagli schemi per il giorno del sì, ancora tradizionale nella scelta del bianco o dell’avorio. Ci sono spose, però, che vogliono rispecchiare con il look la propria personalità e scegliere una nuance diversa da quelle classiche. Ovviamente, scegliere un colore cipriato non sarà mai la stessa cosa che optare per un rosso o un nero, colori assolutamente strong e dal carattere particolare. L’importante, come precedentemente sottolineato, è sentirsi se stesse e sentirsi a proprio agio, qualunque sia la propria scelta. In ogni caso, ci sono vari modi per introdurre la presenza del colore all’interno del proprio wedding look.

Si può anche optare per un accessorio colorato, come le scarpe o una cintura, o un nastro particolare. Eppure ci sono spose che scelgono un abito completamente non bianco. C’è chi è in seconde nozze e opta per un rosa pastello o un lilla, chi sceglie una sfumatura nude (molto trendy), chi vira verso il panna, lontano dal bianco optical, e chi vuole staccarsi dalla tradizione e dalle convenzioni per indirizzarsi verso insoliti marroni, rossi ciliegia, gialli, azzurri, lavanda. C’è chi sceglie il bianco ma lo dissemina di fiori tenui o sgargianti, e chi inserisce filamenti multicolor.

Il rosso è il colore trasgressivo per eccellenza. Questo modello aggiunge il pizzo sulle maniche e uno scollo a barchetta.

 

Ampia e maestosa, questa proposta di rosso renderà la sposa impossibile da dimenticare.

Questo modello rock, di colori bold e acidi, rompe completamente gli schemi per una sposa sui generis.

Questo modello di sapore marilyniano è un total pink...

C'è chi invece preferisce sposarsi in verde, con uno spacco e una profonda scollatura a cuore.

Questo abito in tulle e costellato di fiori saluta la primavera con le nuance e con un maxi-fiocco in vita.

Delicato e raffinato, il color lavanda può essere un'alternativa molto trendy al classico bianco.

Anche il pesca è un'idea molto femminile, soprattutto se abbinato a filamenti luccicanti, fiori e gonna ampia.

Blu come la notte, impreziosito da brillantini e cristalli, con una balza sul fondo, questo modello è assolutamente chic e alternativo.

Abiti da sposa particolari

C’è chi vuole distinguersi anche sull’altare o davanti all’ufficiale dello stato civile. I modelli di abiti da sposa particolari stanno prendendo sempre più spazio: c’è chi sceglie di personalizzare il proprio abito: ricordate il secondo cambio di Chiara Ferragni, un modello Dior con una serie di scritte e immagini personalizzate, riferite alla vita della fashion influencer? O quello di Marica Pellegrinelli, con una gonna costellata da un imponente pentagramma mentre si univa in matrimonio con Eros Ramazzotti? Eppure la personalizzazione non è l’unica strada scelta da chi vuole un look non convenzionale. Ci sono anche spose che puntano tutto sulla sensualità e propongono audaci nude look, spacchi vertiginosi, scollature estreme.

C’è chi sceglie le perle, chi le piume, chi il tema charleston o Grande Gatsby, chi sceglie un corpetto trasparente, chi applique di fiori di stoffa, chi tante balze, chi un modello cortissimo e supersexy. Negli ultimi anni sempre più spose scelgono le jumpsuit, tute contemporanee di pizzo, seta, chiffon o con sezioni trasparenti. Non manca chi si presenta in look total pink, da principessa Disney o rock, con un mini-tutù bianco e un chiodo di pelle o un giubbetto di jeans. Poi ci sono spose che vogliono sottolineare le loro origini (o quelle dello sposo) e optano per sari o costumi etnici tradizionali. Non ci sono limiti alla fantasia!

C'è chi abbraccia l'idea delle piume.

 

Anche le trasparenze sono una strada particolare, che si può abbinare ai ricami floreali, alle piume, alle perle, a qualunque cosa.

L'estro può anche limitarsi a maniche trasparenti e floreali e una cintura di strass.

Ci sono designer che intercettano forme alternative e particolari, proponendo rosoni, maxi-balze e fiocchi oversize.

Trendyssima, negli ultimi tempi, la jumpsuit: questo modello, ancora più particolare, aggiunge un'architettura di piume.

Non manca chi sceglie un taglio regolare per "strafare" con le componenti, come una spalla superdecorata o una scollatura abissale.

Le trasparenze possono prendere strade insospettabilmente raffinate...

Chi ama il lusso esoso può abbinare le piume ai brillantini o ai lustrini.

Un mantello di piume su un abito scintillante riporta ai fasti retrò del Novecento.

Sensuali e sdoganate, le trasparenze possono prendere forme mutevoli, e mettere in mostra anche un paio di sexy culotte.

Anche le tutine corte sono molto di moda: in questo modello la jumpsuit è abbinata a una maxi-gonna sezionata in tanti spacchi.

Gli abiti particolari possono essere molto casti e affidarsi a forme inusuali, come questo mini-mantello a campana.

Questo modello, che copre completamente la sposa, ha un'allure nostalgica e vintage.

Questa proposta ricorda l'epoca del charleston, con taglio stretto e piume.

Altri modelli propongono spacco, mini-bag e maniche anni '70.

O innestano la microborsa su un modello più maestoso e barocco.

Guanti rosa, turtleneck, gonna da principessa e borsa, questa sposa è pronta a stupire con vibrazioni classiche e futuristiche.

La particolarità di un abito può essere affidata alle maniche.

Questo modello "botticelliano" invece saluta la primavera con trasparenze sensuali e fiori rigogliosi.

Abiti da sposa senza spalline

Le spalline non sono per tutte. C’è chi ama molto le scollature dritte o a cuore che scoprano tutto il décolleté e sceglie un vestito da sposa senza spallotte o spalline, che parte con una scollatura per ingrandirsi nel romantico tessuto scelto. Adatti a tanti tipi di fisicità ma soprattutto a chi vuole mettere in mostra le linee del collo, delle spalle e del petto, i vestiti senza spalline sono freschi (adatti ai matrimoni nei mesi estivi), essenziali e sensuali. L’importante è – ovviamente – che il corpino aderisca perfettamente al corpo, come una seconda pelle, sia che sia un tessuto liscio che increspato.

Tra gli scolli più gettonati, degli abiti da sposa senza spalline, c’è quello a cuore, che segue le curve del seno, ma piace molto anche quello dritto e regolare, o quello asimmetrico, che crea una forma a V o a zig-zag. I negozi di intimo o gli stessi atelier da sposa forniranno la protagonista del grande giorno di lingerie senza cuciture e di un reggiseno adatto (qualora non fosse incorporato nel vestito da sposa prescelto). Il mood di un vestito da sposa senza spalline è estivo e minimal, e piace a molte ragazze che scelgono luglio o agosto per pronunciare il sì.

Questo modello ha un taglio dritto e regolare e mette in risalto il décolleté.

Questo modello ricercato, in tulle e pizzo, slancia la silhouette.

 

Questo abito, in tulle e con applicazioni di fiori colorati, è romantico e allo stesso tempo estroso.

Abiti da sposa per taglie forti

Smentiamo un luogo comune che è ora di sorpassare: una sposa, qualunque sia il suo peso, non è tenuta a mettersi a dieta solo per il grande giorno. Perché dovrebbe farlo? Solo se lo desidera, se lo vorrebbe fare a prescindere, ma non di certo perché il mondo la pretende magra quel giorno. Per le taglie forti e le fisicità curvy ci sono tanti modelli di vestiti da sposa che valorizzeranno i punti forti esaltandone la femminilità. Gli stilisti del mondo wedding pensano a tutte le taglie e ci sono numerose proposte per tanti tipi di fisicità, come per chi ha una vita stretta e i fianchi larghi o viceversa. Uno dei modelli più gettonati dalle taglie forti è proprio l’incantevole principessa, che gioca sull’ampiezza della gonna abbinata magari a un corpino scintillante che mette in rilievo un décolleté generoso e lo valorizza.

Ma ci sono anche tagli a sirena, più morbidi e rifiniti, adatti alle plus-size, che magari acquistano balze, strass o movimenti particolari lungo la coda, o addirittura strascichi. Anche la forma a trapezio è adattissima per le spose curvy, così come l’organza o il taffetà, tessuti perfetti per adattarsi alle forme di chi li indossa. Belli e indicati, per chi ama il corto, sono anche i vestiti anni ’50, con le gonne a ruota e i corpetti da pin-up: all’epoca essere in carne era un plus valore!

Chi ha detto che la sirena non sta bene alle over 44?

C'è però chi preferisce i tagli più tradizionali, dritti e regolari.

 

C'è anche chi non rinuncia alla sensualità dello spacco, e a mettere in rilievo la scollatura.

Abiti da sposa Pronovias

Pronovias è uno dei marchi più amati di abiti da sposa. La masion, fondata nel 1922, ha sede a Madrid e ha origine da una boutique specializzata in tessuti di pizzo. I vestiti da sposa Pronovias sono bellissimi, vari e di diversi modelli, dalle raffinate proposte in pizzo o seta a quelli più pomposi fino a quelli contemporanei, corti, svasati, e alle jumpsuit. Ogni sposa potrà scegliere tra due linee, una delle quali riservata alla Haute Couture e l’altra a modelli dai prezzi più abbordabili.

I vestiti da sposa Pronovias si possono trovare negli atelier dedicati al marchio ma anche in altri atelier che offrono più brand. Online è sfogliabile il catalogo aggiornato, collezione per collezione, dove cominciare a individuare gli abiti da sposa più vicini ai propri gusti. Piume, cut-out, trasparenze, spacchi, scollature, fiori, la sposa Pronovias può essere classica o contemporanea ma non rinuncerà mai alla propria personalità.

Chi è abituata a osare e distinguersi nella vita, lo farà probabilmente anche nel giorno del sì.

Questo modello aderentissimo dal pizzo favoloso si compensa con uno strascico particolare.

Anche i vestiti totalmente coprenti hanno un taglio sensuale.

Balze e pelliccia compongono questo modello corto ed estrosissimo.

Le trasparenze costituiscono un punto forte del brand.

Questo modello propone fiori, maniche lunghe e una gonna più classica e morbida.

Questo è un trionfo di veli: impalpabile e romantico.

C'è sempre però chi svolta verso lo sleepwear e i tagli essenziali.

Questa proposta, piuttosto tradizionale, abbina un corpino di pizzo con una gonna frusciante.

Questo modello unisce petali bianchi al pizzo complessivo.

Questo, maestoso e splendido, propone un pizzo raffinato con un velo e uno scollo esoso.

C'è chi non rinuncia al fascino movimentato delle balze.

Trasgressivo e audace, lo spacco frontale non mette tutte a disagio.

Lo stesso vale per le aree trasparenti e le scollature esagerate.

La raffinatezza del pizzo trova nuova strade espressive con tessuti aderenti, sensuali e tagli inediti.

Anche nel comparto Pronovias le piume vanno alla grande.

C'è anche chi opta per un due pezzi, che lascia un lembo di pancia scoperto.

Nuance champagnata, spacco chilometrico, questo modello è ricercato e coraggioso.

L'estro può limitarsi a un elemento del vestito, come le maniche in forma di fiori.

Nella collezione non mancano modelli classici ed eterni, in pizzo e a maniche lunghe.

Gonne ampie e ricche di filamenti e fili costituiscono un dettaglio sui generis.

Non mancano proposte estreme, come questa jumpsuit nude, supersexy e trasgressiva.

Ma anche i modelli più classici vanno per la maggiore... come questo, con un mini-mantello e una leggera trasparenza.

O questo modello, liscio e solenne, con un ricamo trasversale.

O come questo modello coprente e sontuoso, a maniche lunghe e polsini ricamati.

Questa proposta floreale coniuga pizzo e trasparenze.

Questo modello scollatissimo sfocia in un rosa tenue nell'ampissima gonna.

Nel 2019 la scelta è ricchissima: non resta che decidere che tipo di sposa si vuole essere, se romantica, chic, estrosa, colorata o fuori dagli schemi.

Leggi anche

      Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.